Castlevania: Lords of Shadow - Mirror of Fate [Hands-on]

Ritorno alle origini? QuasiScritto da Leandro "White Lhio" Rossiil 28 febbraio 2013
Castlevania: Lords of Shadow - Mirror of Fate [Hands-on] Anteprima

A pochi giorni dall'uscita, è stata finalmente rilasciata una demo di Castlevania: Lords of Shadow- Mirror of Fate, diretto sequel del capitolo in 3D uscito su Xbox 360 e PS3. Questo evento segna il ritorno della mitica serie su console portatile Nintendo, cosa che non accadeva da quando, nel 2009, venne lanciato sul mercato Castlevania: Order of Ecclesia, in esclusiva per DS. Tuttavia, molto è cambiato da allora: gli sviluppatori non sono gli stessi (il timone è passato infatti da Konami a MercurySteam), e il titolo in arrivo su 3DS non sarà un "metroidvania". Quello che ci aspetta è dunque un Castlevania classico, ossia, un action su binario con una forte componente platform. Tale formula però è stata ripensata per soddisfare, oltre agli affezionati, anche il moderno pubblico di videogiocatori. Diamo allora un assaggio al gioco con questa demo tanto attesa.


Croci, paletti e fruste

Non appena avviamo la partita ci viene mostrato Trevor Belmont in tutto il suo splendore. Sebbene non sia il medesimo personaggio che gli appassionati di ogni dove hanno amato in Castlevania 3 Dracula's Curse (uscito nel 1992 per NES), un brivido d'emozione corre sulla schiena di chi, come il sottoscritto, prova un amore incondizionato per la serie.Una volta ottenuto il controllo dell'eroe, proseguiamo lungo il ponte di pietra che arriva fino all'entrata del castello. Prima di attraversare il portone di legno, però, ci soffermiamo ad ammirare l'enorme muraglia che si estende fin dove riusciamo a vedere; sullo sfondo, nascoste dall'oscurità, si innalzano delle torri e sopra di esse regna una luna piena parzialmente celata dalla foschia. Immediatamente ci si rende conto di quanto saranno ampie le ambientazioni e di quella che sarà l'impronta artistica del titolo. Ma impazienti di testare il gameplay ci dimentichiamo per un attimo di questo aspetto e ci avventuriamo all'interno del castello. Attraversiamo dunque un percorso circondato da rovine di antiche costruzioni in pietra e, in men che non si dica, veniamo attaccati da un branco di scheletri viventi (uno dei quali protetto da un enorme scudo). E' il momento di fare pratica col battle system.Durante uno scontro si usano principalmente 3 tasti: Attacco diretto, attacco esteso (che ha un raggio d'azione più ampio) e difesa. Una volta appreso come parare i colpi dei nemici, li distruggiamo con una serie di combo basilari (oppure con una "finishing move" davvero spettacolare) e guadagniamo così un po' di esperienza. Nel gioco completo potremo sbloccare nuove abilità proprio eliminando gli avversari, ma nella demo ci viene regalata una sola tecnica in più. Il sistema di controllo, per quel poco che si vede, funziona molto bene, ma richiede una certa dose di pazienza per essere padroneggiato. Soprattutto se si vogliono attuare quelle mosse che richiedono la combinazione di pulsanti principali e tasti dorsali. Anche il livello di difficoltà si dimostra moderatamente impegnativo, ma per questo valuteremo meglio in futuro.Più avanti ci aspetta il primo mini-boss: un Minotauro protetto da una corazza rossa. E' una battaglia che ricorda molto i vecchi Castlevania, dato che ci viene “richiesto” di memorizzare i vari attacchi della creatura e di reagire prontamente per non essere colpiti. Il combattimento è molto divertente e ci permette di impratichirci ancora di più col battle system. Adesso abbiamo imparato che gettarsi a capofitto contro il nemico è un suicidio e che dobbiamo calcolare il momento opportuno per sferrare una frustata.Dietro al Minotauro ci attende un cadavere che stringe tra le mani una pergamena (evidentemente parti della storia verranno narrate in questo modo) e una fontana che ci restituisce tutta l'energia perduta. Scopriamo così che persino raccogliere documenti ci fa guadagnare esperienza. Proseguiamo poi dentro una chiesa sconsacrata dove è custodita la prima arma secondaria: un boomerang affilato che utilizzeremo subito contro dei pipistrelloni. Qui impariamo anche ad utilizzare le prime combo aeree. A interessarci maggiormente però è l'ambientazione molto suggestiva e in particolare gli sfondi, che mostrano dipinti di santi e martiri. Da notare infine il coro che si sente durante la nostra permanenza e che rimanda vagamente ad alcune delle più belle atmosfere di Castlevania Lament of Innocence (o almeno questa è l'impressione di chi vi scrive).E' arrivato il momento di un po' di sano platforming. Dopo la battaglia facciamo arrampicare Trevor su una piattaforma di legno e da li usiamo la frusta per oscillare da una parte all'altra dello scenario e raggiungere una leva. Azionandola otteniamo accesso alla cripta, la zona successiva. Anche in questo caso il livello di dettaglio è ottimo: un inquietante presenza spettrale vaga nei corridoi alle nostre spalle e dal terreno spuntano radici gigantesche. Dopo aver girovagato un po' ci rendiamo conto che esistono vari bivi e strade secondarie. Uno dei percorsi conduce a una scorta di "munizioni" per la nostra arma secondaria, mentre gli altri danno su dei cancelli che per il momento non possiamo aprire. Sebbene questo capitolo non voglia essere un Metroidvania, è evidente che ci verrà data la possibilità di tornare sui nostri passi una volta acquisiti nuovi poteri o attivati certi meccanismi. Ma nella demo, purtroppo, questa scelta ci è preclusa.Scesi nelle profondità della cripta tiriamo un'altra leva e subito si avvia un timer: veloci come schegge ritorniamo all'inizio dello stage e passiamo oltre un portone di ferro che in precedenza era chiuso. Davanti a noi si innalza una grande statua raffigurante una figura angelica incappucciata, ma per adesso non possiamo fare altro che scavalcarla e andarcene. Tornati fuori, ci aspetta un muro da scalare con un po' di sano "wall Jumping" (elemento di novità che emerge con questa demo) e subito dopo una specie di "flea man" getta in acqua un medaglione. Inseguiamo la creatura e... un nuovo boss! Un grande orco armato di ascia annienta come se nulla fosse gli ometti fastidiosi che gli ronzano intorno e subito rivolge la sua furia verso di noi. Nel caso non avessimo ancora appreso la tecnica della schivata e il doppio salto, il gioco ci insegna adesso come eseguirli.La battaglia è lunga, ma alla fine riusciamo a concluderla con un breve QTE. Arriviamo poi dinnanzi a un portone ancora più grande di quello visto all'inizio, da cui esce uno strano spiritello che ci dice "non puoi entrare, Trevor". E la demo finisce!L'esperienza (purtroppo molto breve) ci ha lasciato elettrizzati. La voglia di mettere le mani su questo gioco è aumentata a dismisura e l'8 marzo ci appare adesso tremendamente lontano. Ma in quella data potremo finalmente mettere le mani su quello che ci sembra fin da ora un eccellente action su binario: un pensiero che ci consola un poco.


Quale sarà il destino di Trevor?

Prima di concludere vorremo spendere qualche parola sul comparto grafico. Se quanto si vede nella demo è indicativo della qualità del prodotto finale, allora il gioco si porrà senza dubbio su alti livelli. Ogni tanto, è vero, l'occhio cade su qualche texture un po' più slavata e si assiste a dei leggeri cali di frame rate col 3D attivato (un ottimo 3D, vorremmo aggiungere), ma in generale Mirror of Fate non sembra lasciare spazio a lamentele. Vedremo se il prodotto completo riuscirà a limare queste piccole imperfezioni.Cos'altro dire? Il desiderio di tornare al castello di Dracula e confrontarci con orde di creature demoniache insieme alla nostra inseparabile Ammazza-vampiri è davvero forte. E se le premesse sono queste, allora c'è da sperare in una vera Killer Application per il nostro 3DS. Dopotutto le portatili Nintendo ci hanno regalato alcuni dei migliori episodi della serie Castlevania, e non esiste alcun motivo per dubitare della bontà del prossimo episodio.

La demo non ha per nulla deluso le aspettative, anzi, ha reso ancora più insopportabile l'attesa.
ASPETTATIVA5/5
Castlevania: Lords of Shadow ( PS3 )Per conoscere i retroscena di Mirror of Fate dovrete andarvi a ripescare l'originale.
Castlevania: Lords of Shadow 2 ( X360 )Il secondo capitolo, in lavorazione mentre parliamo.
SCHEDAGIOCO
Cover Castlevania: Lords of Shadow - Mirror of Fate

Castlevania: Lords of Shadow - Mirror of Fate

Scheda completa...