Inazuma Eleven 2 Firestorm / Blizzard

Meglio tardi che mai!
Scritto da il 01 gennaio 2012
Inazuma Eleven 2 Firestorm / Blizzard Anteprima

Level-5 è una software house piuttosto prolifica, specialmente su Nintendo DS, console designata per ospitare le sue due serie di maggior successo, cioè Professor Layton e Inazuma Eleven, appunto. Brand da milioni di copie eh, mica prodotti destinati a sostanziose nicchie.

Questo però in Giappone; in Occidente, invece, bisogna constatare una fastidiosa tendenza alle localizzazioni tardive o mancanti, tendenza che tende a perpetuarsi almeno da Rogue Galaxy nel 2005 (lasciamo fuori Dragon Quest VIII, che è storia a parte) fino ai tempi nostri: Inazuma Eleven 2, oggetto di questa preview, è uscito in patria il 9 Ottobre 2009, mentre dalle nostre parti aspettavamo ancora il primo episodio, arrivato poi addirittura agli inizi del 2011. Queste tempistiche, oltre a far scemare l'hype nella maggior parte del pubblico, nel caso particolare di Inazuma Eleven sollevano più di qualche dubbio sulla localizzazione del terzo capitolo: in tutta sincerità, non ce la vediamo Nintendoof Europe a localizzare (multi-5, tra l'altro) le tre versioni di Inazuma Eleven 3 alla fine del 2012 o addirittura agli inizi del 2013, quando il vecchio DS sarà probabilmente defunto; si passerà direttamente all'episodio per 3DS, secondo noi. Mai dire mai, comunque.


Captain Tsubasa RPG?

Spendiamo due parole sull'universo (perché non è una semplice serie di videogiochi) di Inazuma Eleven, di cui non abbiamo mai avuto occasione di parlare fra le pagine virtuali di VGN.

Il genere – come per la maggior parte delle produzioni Level-5 – è quello dei giochi di ruolo, ma l'ambientazione e le meccaniche sono abbastanza inusuali: si tratta di un JRPG calcistico! Già questo elemento dovrebbe avervi fatto drizzare le orecchie, tenendo conto di quanti appassionati del pallone esistono nel Bel Paese e in tutta Europa, tanto che pare abbastanza inspiegabile il motivo per cui il gioco non è stato tempestivamente localizzato a tempo debito. Insomma, se Captain Tsubasa (dalle nostre parti Holly e Benji) è entrato nell'immaginario collettivo da vent'anni, perché si è indugiato tanto con Inazuma Eleven? Paradossalmente in Italia è arrivato prima l'anime tratto dal videogioco, e attualmente siamo già alla terza serie, relativa a Inazuma Eleven 3, che forse non verrà neanche tradotto per i motivi che ci siamo detti prima.

Il protagonista di videogiochi, anime e manga è Mamoru Endō (da noi Mark Evans: come in Holly e Benji, c'è stato un po' uno “stupro” nell'adattamento occidentale), un talentuoso portiere che sogna di partecipare al torneo Football Frontier, vinto quarant'anni fa dalla leggendaria squadra Inazuma Eleven. Il primo gioco/serie, dunque, vede il nostro eroe impegnato in questa manifestazione sportiva, mentre il secondo esagera, aggiungendo il drammatico arrivo degli extraterrestri, che distruggono molte scuole (e molti di voi penseranno “che figata!”, NdR). Cosa vogliono questi alieni? Ma che domande, giocare a calcio! Come avrete ormai capito, è un po' più folle e sopra le righe di Captain Tsubasa e Whistle! (Dream Team da noi), ma nasce come JRPG, quindi deve essere giustamente stracolmo di tecniche speciali ai limiti dell'assurdo. E se è minacciato l'intero Paese, o addirittura il mondo... tanto meglio!


Ma come funziona?

Assodato che Inazuma Eleven è un JRPG calcistico, molti di voi potrebbero chiedersi come sia possibile conciliare le dinamiche ruolistiche con quelle di un gioco sportivo: la curiosità non ruota certo attorno alle statistiche e ai vari parametri, di cui sono ricolmi anche i vari PES, ma proprio allo svolgimento dell'azione.

Tanto per cominciare, bisogna tener conto del fatto che si tratta di un JRPG, quindi non ci sono solo scontri, ma anche esplorazione (a meno che non si parli di Final Fantasy XIII, NdR): ci sono diverse location disseminate per il Giappone, che celano oggetti utili (ad esempio equipaggiamenti), tantissimi personaggi reclutabili e mini-scontri di calcio a quattro. Le vere partite, invece, si giocano in formazione completa: tutto si svolge in tempo reale, con la possibilità per il giocatore di modificare movimenti e azioni dei giocatori, altrimenti gestiti dalla CPU. Il tutto con semplici movimenti dello stilo. I contrasti per il possesso palla fanno emergere la natura ruolistica del prodotto, con confronti basati su parametri e mosse speciali. Alla fin fine, potrebbe ricordare alla lontana il Blitzball di Final Fantasy X, perché no?


Firestorm e Blizzard

Come il predecessore, Inazuma Eleven 2 sarà localizzato e tradotto – anche in Italiano – da Nintendo of Europe. Questa volta, però, Level-5 ha approntato due versioni diverse, vale a dire Firestorm e Blizzard: le differenze non sono epocali, però cambiano copertina, opening, ending, qualche dettaglio nella trama e alcuni giocatori reclutabili, in stile Pokémon. L'uscita è fissata per un non meglio precisato primo quarto del 2012 e, in tutta franchezza, stupisce un po' il fatto che sia tutto così indefinito e approssimativo: stando alla release schedule, i nomi delle due versioni sono ancora provvisori e non c'è neanche uno straccio di sito ufficiale. Addirittura, cercando sul sito ufficiale di NoE la parola “Inazuma”, troverete solo il primo episodio. Vediamo se nel corso del nuovo anno si danno una svegliata, perché in questo 2011 il gioco è stato un fantasma.

Non si parla molto di questo secondo Inazuma Eleven, complici anche il declino di Nintendo DS e il ritardo nella localizzazione. Tuttavia pare davvero un buon gioco.
ASPETTATIVA3/5
Inazuma Eleven ( DS )Suggerimento abbastanza scontato, ma doveroso.
Infinite SpaceUno dei migliori JRPG disponibili su Nintendo DS.
SCHEDAGIOCO
Cover Inazuma Eleven 2

Inazuma Eleven 2

Scheda completa...
Inazuma Eleven 2 Firestorm / Blizzard2012-01-01 12:00:00http://www.vgnetwork.it/anteprime-nintendo-ds/inazuma-eleven-2-firestorm-blizzard/Meglio tardi che mai!1020525VGNetwork.it