Starcraft II: Heart of the Swarm [Hands-On]

Sarah Kerrigan in versione beta. So cute.
Scritto da Mail@ Meghar1il 04 febbraio 2013
Starcraft II: Heart of the Swarm [Hands-On] Anteprima
Per tutti coloro i quali non avessero giocato ancora l'epocale Starcraft II: Wings of Liberty (mi auguro che siate proprio in pochi a rientrare nella categoria, altrimenti dovrò punirvi, NdR), cercheremo di non fare troppi spoilers all'interno di codesta anteprima, che si occupa fondamentalmente della prova su strada di Starcraft II: Heart of the Swarm. Quest'episodio, ricordate, è un'espansione - gigante - di Wings of Liberty, dunque per poter giocare con Heart of the Swarm ve ne servirà una copia.

Beta sì. Ma con stile.

In Starcraft II: Heart of the Swarm sarà fondamentale specchiarsi nella campagna in Single Player, in quanto quei mattacchioni di Blizzard ci daranno in pasto Lo Sciame. Avete capito bene: un'intera Campagna dedicata agli Zerg, con la Regina delle Lame a capo, impegnata a radunare le forze Zerg rimaste allo sbando nell'universo e riportarle sotto un'unica, grande Mente. La novità più evidente sarà la presenza costante (e preziosissima) di Sarah sul campo di battaglia, impegnata a recuperare tutti i suoi poteri dopo gli avvenimenti del primo episodio (no, non vi diciamo altro, abbiamo promesso!). Benché le dinamiche e la struttura del gioco rimanga sempre quella, RTS che vince non si cambia, alcune introduzioni daranno delle importanti svolte al gameplay: di missione in missione sarà possibile far "evolvere" la Kerrigan e farle sviluppare nuove cataclismiche abilità e poteri, utilizzabili sul campo di battaglia per il trionfo ultimo dei putridissimi Zerg
Non è solo Sarah la novità, ovviamente, e se lo Zerg fa venire in mente le mutazioni genetiche più bieche di sempre, ecco arrivare la possibilità di "cambiare" la specie in un laboratorio evolutivo tutto liquami e zanne incancrenite: gli Zerg possono mutare ed evolvere in maniera subitanea, e proseguendo nel gioco ci viene data la possibilità di migliorare fisiologicamente le specie a nostra disposizione, ottenendo dei benefici già alla partenza delle missioni successive. Tutto ciò grazie alla Fossa Biologica, "alter-ego" dell'Armeria di Wings of Liberty, dove appunto possiamo potenziare le nostre unità, specialmente quelle di base, per arrivare ad ottenere un'armata invincibile. Naturalmente tutte le abilità, sia degli Zerg che di Sarah, saranno personalizzabili nella scelta prima di ogni missione, così da poterla affrontare con il rendimento massimo possibile.

Varietà e missioni

Fortunatamente le missioni presenti in Heart of the Swarm paiono essere sviluppate con la solita cura. A partire dalla varietà con la quale veniamo immersi nel mondo di gioco (tra una landa desolata, un accampamento Terran ed una nave Protoss, c'è di che gioire) per finire con l'introduzione delle Missioni Evolutive, specifici capitoli dove poter andare in giro per i pianeti vicini a "rubacchiare" corredi genetici per i nuovi innesti necessari ad Abathur (il "responsabile" della Fossa Biologica) per consegnarci degli Zerg ancora più performanti. Peraltro ambientazione e scenari cambieranno leggermente in base ai nostri progressi nelle suddette Missioni, portandoci quindi a far realmente modificazioni alla situazione intergalattica. 

Multiplayer: l'essenza

Non prendiamoci in giro: benché le Campagne di Wings of Liberty ed Heart of the Swarm ci eccitino come una serata a luci rosse, ciò che ruberà le nostre serate in maniera molesta è il comparto Multiplayer, dove Blizzard sta lavorando con il cesello per poter garantire un'esperienza di gioco ancora più equilibrata e con tutti i crismi, dato che i numerosi giocatori sono arrivati già a dei livelli di professionismo spaventosi.
Così, oltre le solite nuove mappe, nel comparto Multiplayer online troveremo numerosi cambiamenti: anzitutto nuove unità e nuovi potenziamenti per tutte e tre le razze, partendo dagli Zerg (oltre quelle già illustrate) con le unità Vipera, ad esempio, che possiede alcune abilità che influiscono parecchio sulle strategie. Parlando di Protoss, ci saranno gli Oracoli e le navi Tempesta, particolari vascelli capaci di attaccare dalla lunga distanza e fungere anche da Detectors. Concludendo con i Terran, troviamo la Mina Widow, unità che può imboscarsi sotto il terreno e saltar fuori per attacchi a raggio, ma anche gli Hellion, che possono mutare in unità terrestri più lente (Hellbat), ma più pericolose e vitali. 
Non solo nuove unità, però, ma anche bilanciamento di quelle precedenti, con alcuni ritocchi lievi e azzeccati. Oltre questo, si sono studiate anche le strettoie (all'interno delle mappe) e gli ostacoli, come un ammasso di rocce da far crollare o da distruggere per ostruire/liberare un passaggio od una zona strategia importante. 
Per quanto riguarda le modalità di gioco Multiplayer, poi, saranno presenti tantissime combinazioni. Partiamo dal classico matchmaking (dove si decide quanti contro quanti, 1vs1, 2vs2, etc.), ma non ci si ferma lì. Il matchmaking dà la possibilità di fare partite tutorial, di fare partite contro l'IA, partite non classificate e partite classificate. Benché in tutte queste modalità ci sia una scala di livelli con punti esperienza, solo nelle classificate si progredirà all'interno dei livelli ufficiali di Battle.net. Naturalmente ad ogni innalzamento di livello vi sarà una piccola ricompensa (oltre il canonico trofeo), come foto, decalcomanie e piccoli ritratti. Ultima ma non ultima, la modalità Arcade Games, dove svariate mini-modalità verranno ideate dalla community (o dalla stessa Blizzard) e messe a disposizione per il gioco online. 
Insomma, questo Starcraft II: Heart of the Swarm pare essere ciò che ci aspettavamo: un degno proseguo di Wings of Liberty. E tanto basta per aspettarlo come nemmeno il messia. 
Non ci sono tantissime novità, ma il salvaschermo della Kerrigan in tutina aderente ci sta facendo morire lentamente.
ASPETTATIVA5/5
StarCraft II: Wings of LibertyPer ingannare l'attesa, giocatevi il capitolo originario di Starcraft II.
StarcraftAvete proprio voglia di retro-game? E fiondatevi sul primo Starcraft, l'origine della leggenda.
SCHEDAGIOCO
Cover StarCraft II: Heart of the Swarm

StarCraft II: Heart of the Swarm

Scheda completa...
Starcraft II: Heart of the Swarm [Hands-On]2013-02-04 09:00:00http://www.vgnetwork.it/anteprime-pc/starcraft-ii-heart-of-the-swarm-hands-on/Sarah Kerrigan in versione beta. So cute.1020525VGNetwork.it