Warhammer 40.000: Dark Millennium Online

“Non ci sarà pace tra le stelle, solo un'eternità di strage e carneficina”
Scritto da Antonio "Aurenar" Pattiil 05 novembre 2010
Warhammer 40.000: Dark Millennium Online Anteprima

Vigil Games è uno studio di sviluppo relativamente giovane, che ha stupito critica e pubblico grazie al suo titolo d'esordio, Darksiders: Wrath of War, che pur non essendo un capolavoro irrinunciabile è riuscito a far parlare molto bene di sé grazie a scelte stilistiche e ludiche di alto livello. Forti della critica positiva ricevuta nell'arco di questo anno solare, incoraggiati da un brand molto importante come THQ, i ragazzi di Austin (Texas) cercano di fare il definitivo salto di qualità con un'opera veramente importante: Warhammer 40.000 Dark Millennium Online.


Oltre vent'anni di Warhammer

Nel quarantunesimo millennio l'umanità ha conquistato quasi tutto lo Spazio conosciuto e venera un Imperatore-dio. Ovunque nell'Universo si combatte, senza soluzione di continuità e senza fine, l'eterna guerra contro i nemici dell'Impero dell'Uomo. Questi sono eretici che discutono il ruolo dell'Imperatore, traditori umani e svariate razze bellicose tra cui gli Orki dalla pelle verde, gli Eldar antichi e in via d'estinzione e tanti altri xenomorfi. Questo è, in sintesi, lo sfondo narrativo di Warhammer 40.000, un gioco di guerra da tavolo creato da Games Workshop nel lontano 1987 e basato sullo schieramento di eserciti di miniature dipinte a mano da parte di folli (in senso buono) appassionati.


Basi solide come la roccia

Da più di un lustro e dopo vent'anni di successi commerciali e letterari, anche il nostro medium preferito, il Videogioco, ha ricevuto una serie di titoli ambientati nell'universo creato da Games Workshop. Stiamo parlando della serie Dawn of War, serie di strategici in tempo reale sviluppata da Relic e giocatissima in tutto il mondo. A Vigil Games è stato dato l'onore e l'onere di bissare i successi dei “cugini” di Relic e di far breccia nei cuori dei videogiocatori in un ambito estremamente inflazionato: i giochi di ruolo online di massa. La base di partenza per questa importante e delicata operazione, in cui domina Blizzard con il suo World of Warcraft, è il motore grafico che abbiamo visto in azione in Darksiders. Tutto questo si traduce in stabilità del sistema durante le fasi di gioco, alto grado di dettaglio e requisiti hardware non troppo elevati, così da garantire al massimo numero di utenti la possibilità di giocare. E' anche confermata la collaborazione con il famoso fumettista di Marvel: Joe Madureira. A lui viene dato il compito di portare “in vita” i personaggi e le ambientazioni goticheggianti e futuristiche del mondo di Warhammer 40.000 e scommettiamo che ci riuscirà. Le premesse di partenza, dunque, sono solo positive.


“Non solo campi di battaglia ma tanto altro!”

Queste, in altre parole, sono state le dichiarazioni di David Adams, direttore generale di Vigil Games, a quelli che gli chiedevano cosa bisognava aspettarsi da un gioco che fa delle battaglie il suo unico leitmotiv. Come era prevedibile, il lavoro svolto dagli sviluppatori non si limiterà certo ad un mero compitino. Niente campi di battaglia desertici pronti ad essere riempiti da migliaia di giocatori, o meglio: non solo. Antichi templi in rovina, giungle inesplorate, città di ogni stile e dimensione, fino ad arrivare a imponenti navi interstellari solcano lo spazio profondo. Queste, e tante altre ambientazioni devono essere realizzate e in queste ci perderemo, esplorando e scoprendo, passo dopo passo, le miriadi di sfaccettature che l'universo di Warhammer ci riserva.


Divertente come uno sparatutto ma profondo come un Gdr

In un mondo di gioco in cui il fantasy, la magia e le forze degli elementi sono tutt'altro che basilari, dedicarsi ad un impianto di gioco “classico” ha poco senso. Proprio per questa ragione il lavoro di Vigil Games rischia di risultare sorprendentemente affascinante. La componente d'azione è sicuramente preponderante su quella dell'interpretazione e quindi possiamo aspettarci un titolo spiccatamente action, molto probabilmente impostato come un classico sparatutto in terza persona (à la Gears of War per intenderci) in cui l'esperienza e l'evoluzione del personaggio saranno sapientemente dosati per mantenere sempre alti i livelli di adrenalina, di azione e di coinvolgimento. Anche se sviluppatori e publisher non si sono sbottonati a riguardo, è data per certa la possibilità di utilizzare tutti i più famosi “strumenti di guerra” del secolo quarantunesimo: dai fucili mitragliatori Requiem ai corazzati di Dreadnought.


Ordine contro Caos: la classica lotta in chiave futura

Sotto il profilo meramente narrativo, gli sforzi dei programmatori sono tutti concentrati per offrire una storia originale e unica, basata sull'universo creato da Games Workshop ma non ispirata a eventi che qualcuno potrebbe già conoscere. La storia vuole che nel settore Sargos si vengano a creare le condizioni per la “battaglia infinita per eccellenza”. Le immancabili razze che il giocatore deve scegliere prima di entrare in gioco, al momento, sono solo quattro e sono divise tra due fazioni: “Ordine” e “Caos”. Per quest'ultima scendono in campo gli Space Marine del Caos e gli Orki, a cui si opporranno gli immancabili Space Marine dell'Imperium affiancati dai mistici Eldar. Includere solo quattro delle quattordici razze create nell'arco di vent'anni di gioco può risultare un drastico freno alle esigenze dei giocatori, ma è ovvio che gli addetti ai lavori vogliano ridurre al massimo la dispersione e garantire la massima caratterizzazione possibile.


Concludendo

THQ è seriamente intenzionata a minacciare l'egemonia di World of Warcraft, che anno dopo anno si conferma come “gioco di ruolo online definitivo”. A dar man forte ai “papà di Dawn of War” accorre Vigil Games, che si presenta ai nastri di partenza con poca esperienza ma tantissime motivazioni. Dark Millennium si baserà sul buon motore di gioco visto in azione in Darksiders e sarà avvalorato da un designer eccezionale come Joe “MAD!” Madureira. Infine, ma non meno importante, si preannuncia un vero e proprio scossone al genere Mmorpg, grazie ad un interessante commistione tra azione (tantissima) e gestione del personaggio (quanto basta), senza dimenticare la possibilità di prendere il controllo di veicoli devastanti per seminare panico, morte e distruzione tra i nemici: “Brucia l'eretico. Uccidi il mutante. Purifica l'immondo”.

Global AgendaMmorpg esente da canone mensile (il client va acquistato) che condivide con Dark Millennium l'impostazione sparatutto e il background futuristico.
World of WarCraftL'unico videogioco di ruolo online capace di rapire più di 12 milioni di persone e di farlo da quasi sei anni, senza mai perdere la cresta dell'onda.
SCHEDAGIOCO
Cover Warhammer 40.000: Dark Millennium Online

Warhammer 40.000: Dark Millennium Online

Scheda completa...
Warhammer 40.000: Dark Millennium Online2010-11-05 09:00:00http://www.vgnetwork.it/anteprime-pc/warhammer-40000-dark-millennium-online/“Non ci sarà pace tra le stelle, solo un'eternità di strage e carneficina”1020525VGNetwork.it