Star Wars Battlefront - Rogue One: X-Wing VR Mission [Hands-On]

Abbiamo pilotato un caccia Ala X. Sul serio.
Scritto da Mail@ mattscannail 27 agosto 2016
Star Wars Battlefront - Rogue One: X-Wing VR Mission [Hands-On] Anteprima

Le esperienze che può dare alla luce la Realtà Virtuale sono un qualcosa di incredibile. Difficile credere alle possibilità che piattaforme come Oculus Rift, HTC Vive e PlayStation VR possono regalare con un visore in testa, lasciandoci entrare in mondi inesplorati e vivere avventure fantastiche. Che poi questa da sempre è la filosofia dei videogiochi, la “mission” di far giocare la finale di coppa del mondo a un appassionato di calcio, di esplorare la Terra di Mezzo alla ricerca dell’Anello, di aggiungere quel grado di interattività all’intrattenimento nudo e crudo, in grado di calarci in mondi virtuali estremamente tangibili ed emozionanti. 

E la VR è fantastica per questo: può estremizzare ancora di più il concetto di immersione e di interattività che da sempre i visionari del mondo dei videogiochi cercano di veicolare tramite le loro opere. Tutta questa introduzione forbita e poetica è soltanto per introdurre le nostre impressioni – ed emozioni specialmente – suscitate nell’aver provato Star Wars Battlefront – Rogue One: X-Wing VR Mission, il lunghissimo nome che rappresenta l’esordio di DICE e Criterion alla guida del brand spaziale più amato di tutti i tempi nella realtà virtuale.


MindblowIng

Per la natura stessa della VR, piazzare il giocatore nella carlinga di una nave spaziale all’esplorazione libera dell’universo, lasciarlo godere dell’immensità di galassie, pianeti e nebulose, era una tentazione più unica che rara. Infatti sono già parecchi i progetti interstellari legati a Rift, Vive o PSVR, tra cui segnaliamo sicuramente il più che valido EVE: Valkyrie. Ma nulla è come questo di Electronic Arts, un sogno ad occhi aperti per chi, come noi, è cresciuto a pane e spade laser. Con una certa emozione ci siamo infatti diretti allo stand della Gamescom di Electronic Arts, ingannato l’attesa con una partita al prossimo DLC di Battlefront dedicato alla Morte Nera. Dopo qualche minuto siamo poi entrati, finalmente, ci siamo seduti e lo sviluppatore di DICE, dopo averci piazzato in testa il visore di PlayStation, ci ha semplicemente detto “Divertitevi”. 

E divertirci poi è stato un eufemismo: abbiamo semplicemente vissuto un quarto d’ora adrenalinico e unico: per i nostri 15’ minuti di celebrità, siamo stati piloti della ribellione, siamo stati Luke Skywalker. La demo inizia con una vetrina interattiva del nostro velivolo, un fiammante Caccia Ala X, momento nel quale si inizia a prendere familiarità con quello che sarà da lì a breve il nostro più fido alleato. La dovizia di particolari e la cura che è stata data dal team di sviluppo anche solo a un extra come questo è la stessa già goduta in Battlefront: con DICE e Criterion Games Star Wars è sicuramente in ottime, esperte ed appassionate mani. 

Ma basta fare conoscenza con l’unità C1 o i blaster della nave: vogliamo decollare, sfidare l’Impero con il nostro caccia ed entrare nel mondo di Guerre Stellari. Poche pressioni del pulsante X (il gioco usa un classico DualShock 4) e bam, magia: trasportati direttamente nella cabina dell’X-Wing nello spazio più infinito, alla scorta di alcuni velivoli della Ribellione. Oltre a perdere tempo a fissare ogni angolo della postazione, è ora di volare ed è qui che tutto diventa fantastico: usando il control scheme di Battlefront modalità Fighter Squadron si potrà infatti direzionare il proprio caccia a 360°. Star Wars VR non è su binari o restringe il movimento a un singolo piano come un Lylat Wars qualsiasi: è possibile andare dove più pare e piace, per vedere da vicino magari quell’incrociatore o passare proprio in mezzo alla flotta a una velocità smodata. Ci piace pensare che il team abbia notato e apprezzato il gigantesco sorrisone che sono sicuro ci campeggiava in faccia in quei momenti. 


Spaziale

E tutto questo senza neanche aver ancora sparato un colpo! Le cose si fanno estremamente più interessanti se possibile quando un incrociatore imperiale (oddio, quando sfreccia sulla scena sopra alla nostra testa non abbiamo potuto nascondere un sussulto, ndr) guida un assalto di Tie Fighters contro il convoglio. Il nostro obbiettivo è ovviamente quello di difendere le navi, eliminando più avversari possibile con missili e blaster. Tallonare un pilota imperiale con una serie di manovre da capogiro era già adrenalinico nel Battlefront “normale”, immaginatevi ora! Imperativo giocare su una sedia a ruote, stile ufficio, per poter ruotare lo sguardo e la posizione di in tutte le direzioni e seguire i bersagli. Che roba ragazzi, che roba.

Star Wars Battlefront – Rogue One: X-Wing VR Mission (gratuita per i possessori di PlayStation VR e Battlefront per PlayStation 4) è un’esperienza della durata di circa quindici minuti, ma è stato uno dei momenti più incredibili della nostra carriera di giornalisti e storia di videogiocatori. Aspettiamo con ansia la versione finale, la quale legherà inoltre la sua brevissima trama in qualche modo alle vicende del prossimo spin-off cinematografico della serie (Rogue One: A Star Wars Story), sperando inoltre di vedere questa idea trasformarsi in un videogame vero e proprio (Rogue Squadron in VR? Wow, ci vengono i brividi solo a pensarci, ndr).

Le uniche minime perplessità su questo progetto sono poi esterne all’ottimo lavoro di sviluppo apparentemente portato avanti da Criterion Games; in primis, è un peccato che tutto questo resti per ora un titolo diretto solo a PlayStation VR, ottimo device ma certamente non a livello di un Oculus Rift come resa visiva per intenderci. X-Wing VR Mission ha un buon comparto grafico ma saremmo stati davvero curiosi di vedere lo stesso software su un hardware più performante. Infine, la tanto temuta motion sickness (i fastidi derivati dal movimento quando si utilizza un qualsiasi headset VR). OK, era mattina presto e anche il format delle presentazioni in fiera non aiuta, ma mentiremmo nel dire che l’esperienza sia andata completamente liscia e che tutto questo movimento sulla sedia e con lo sguardo per trovare nuovi bersagli non sia stato anche soltanto un pochettino intenso sulla nostra testa. Detto questo, non vediamo l’ora di averlo tra le mani di nuovo e sappiamo benissimo ormai cosa ogni fan di Star Wars desidererà per Natale quest’anno. X-Wing VR Mission è proprio quello che serve alla Realtà Virtuale per far breccia sulle masse, dimostrare che ora l’impossibile è possibile, anche diventare un pilota della Ribellione per un giorno.

Il sogno di pilotare un Ala X è ormai a portata di mano con PlayStation VR
ASPETTATIVA5/5
Eve: Valkyrie ( PS4 )Altro titolo a base di sparatorie spaziali in realtà virtuale.
Star Wars Battlefront ( PS4 )Anche senza VR, Battlefront è uno spettacolo per i fan della saga della Forza.
SCHEDAGIOCO
Cover Star Wars Battlefront - Rogue One: X-Wing VR Mission

Star Wars Battlefront - Rogue One: X-Wing VR Mission

  • data d'uscita: TBA 2016
  • produttore: EA Games
  • sviluppatore: Criterion Games
  • Genere: Simulazione Aerea
  • Supporto: PlayStation VR
Scheda completa...
Star Wars Battlefront - Rogue One: X-Wing VR Mission [Hands-On]2016-08-27 13:13:08http://www.vgnetwork.it/anteprime-playstation-4/star-wars-battlefront-rogue-one-x-wing-vr-mission-hands-on-54132/Abbiamo pilotato un caccia Ala X. Sul serio.1020525VGNetwork.it