Devil's Third [Update]

Il progetto di Itagaki torna alla ribalta
Scritto da Kremisiil 13 dicembre 2014
Devil's Third [Update] Anteprima

Dopo più di un anno di assenza dalle luci del palcoscenico, Devil’s Third torna alla ribalta per farsi sentire forte e chiaro, esattamente come piace al suo creatore, Tomonobu Itagaki. Questo nome, per chiunque lo conosca, è un marchio di qualità sicura e divertimento garantito; mentre, per chi non lo conosce… be’, da ora lo è. L’improvvisa sparizione del titolo dalle fonti di informazione è dovuto all’inaspettato fallimento della società che doveva occuparsi della sua pubblicazione su scala mondiale: THQ. Incuranti dell’ostacolo e caparbi, i membri di Valhalla Games Studios hanno continuato a lavorare sul loro progetto, sicuri del fatto che nessuna casa sviluppatrice sana di mente si sarebbe fatta sfuggire l’occasione di accaparrarsi un tale capolavoro.


E il successivo sviluppo

Infatti, la sicurezza di Itagaki non era spacconeria, ma reale comprensione del proprio valore e di quello del proprio prodotto: dopo pochi mesi, Nintendo ha fatto richiesta per mettere le sue mani sul titolone in arrivo. Qui, purtroppo, arriva la prima delusione: la Grande N si è aggiudicata sì Devil’s Third, ma nel senso più assoluto della parola. Infatti, ora sembra che il gioco Valhalla Games Studios sia un’esclusiva per Wii U. Di sicuro tutti i fan di Tomonobu dai tempi di Ninja Gaiden Sigma (di cui, ricordiamo, egli è il creatore, assieme a Tecmo), possessori di una Xbox One o di una PlayStation 4 saranno rimasti con un pugno di mosche, ma, d’altro canto, certamente la mossa della Grande N attirerà un maggior numero di utenti e giocatori dalla sua parte.


Qual è l’asso nella manica del Diavolo, stavolta?

Adesso che il titolo è quasi pronto, si è trovata una casa disposta a pubblicarlo e tutto procede a gonfie vele, finalmente Itagaki solleva il velo di Maya che ha tenuto per anni così tanti giocatori tra sogno e realtà. Prima di tutto, Devil’s Third è uno sparatutto in terza persona, con elementi Hack & Slash. Se la prima parte vi ricorda Gears of War, la seconda vi porta alla mente Devil May Cry e se siete appassionati ad uno, o meglio ancora ad entrambi i titoli sopraelencati, allora non c’è motivo per cui già ora non possiate sbavare dinanzi all’idea degli sviluppatori. Se poi ci si aggiunge che a partorire e sviluppare un’idea del genere non sia stato uno sprovveduto qualunque, ma il buon vecchio Itagaki, le aspettative non possono che salire alle stelle.

Ad ogni modo, anche la trama è stata, almeno in parte, svelata. Come lo stesso Tomonobu racconta, il videogioco è ambientato in un futuro post-apocalittico e prende le mosse dal Nord America. I due protagonisti, un uomo e una donna, sono costretti a ricorrere a qualsiasi espediente per sopravvivere in un ambiente ostile e pericoloso. Questo in quanto un gravissimo attacco terroristico EMP su scala mondiale ha praticamente fritto tutta la tecnologia in circolazione, riportando l’uomo a dover servirsi di utensili non ortodossi. Il duo si troverà in una situazione per la quale ogni mezzo è lecito e starà al giocatore scegliere se attaccare a testa bassa ogni fazione, allearsi con una di esse, o ancora ignorarle e proseguire di soppiatto lungo la sua avventura.

Sembra quindi che la diplomazia, in un mondo ridotto in macerie, abbia ben più spazio di quanto ci si aspettasse. L’allearsi con o contro una determinata fazione sicuramente porterà a delle conseguenze che, di volta in volta, il giocatore dovrà affrontare o sopportare. Per esempio, l’amicizia di una fazione potrebbe portare all’accesso facilitato a determinate risorse, precludendo però al giocatore di usufruirne di altre, in mano alla fazione opposta. Senza contare che le fazioni in lotta per il dominio del nuovo mondo sono tre, quindi prendere parte ad una di esse implica automaticamente farsi nemiche le altre due.


Da che parte stai?

L’idea di avere e di controllare due protagonisti va ben oltre la semplice rappresentazione e descrizione della trama. Infatti, sembra che ognuno dei due personaggi abbia peculiarità, caratteristiche e qualità differenti, per quanto complementari. Il maschio della situazione pare esperto di armi pesanti e quindi svolge un ruolo di attacco puro e lento all’interno dei livelli di gioco. Al contrario, la donna del duo è esperta in armi leggere e combattimento corpo a corpo (sebbene qui anche il maschio non se la cavi male), specialmente se di mezzo ci sono le Katana, spade di origine giapponese famose per la loro micidiale affilatura. Se ne deduce che, a seconda della scelta operata dal giocatore, il livello si trasformerà in un lungo bagno di sangue o in una corsa agile e svelta fino al successivo checkpoint, svicolando sotto gli occhi delle guardie.

A tal proposito, nonostante si dia per assodato che la femmina del gruppo avrà un ruolo meno apertamente “bellicoso” di quello del suo partner maschile, non si sa se questo si tradurrà in sequenze o livelli stealth, come invece fu per Luger ai tempi del primo Killzone, il famoso First Person Shooter per l’ormai decaduta PlayStation 2. Come anche non si sa ancora se la scelta del personaggio sarà permanente, oppure sarà possibile cambiare ad ogni fine livello, ambientazione o punto di controllo. Inoltre, come già il titolo lascia presagire, ci sarà un “terzo” individuo. Non è affatto chiaro, però, se egli sarà un coprotagonista, un aiutante, l’antagonista principale o altro ancora. Sono tutti dettagli che Itagaki sa tenersi per sé, conscio che la suspance sarà la migliore pubblicità.


Il Diavolo non è solo

Proprio così. Sembra che Devil’s Third avrà ben più di una modalità offline single player. Sarà infatti disponibile una modalità online che supporterà fino a 16 giocatori, sia insieme nella Campagna Principale che l’uno contro l’altro, in Deathmatch mozzafiato. Ma per chi non può o non vuole perdere tempo dietro all’infinito mondo del gaming su internet, ci sono tante altre cose da fare in modalità Single Player per allungare notevolmente la longevità del titolo. Si va dagli sport classici, rivisitati in chiave steampunk, alla caccia per la sopravvivenza di ogni genere di animale, persino delle innocue galline. Devil’s Third e Tomonobu sanno anche prendersi non troppo sul serio quando serve. In definitiva, Devil’s Third sembra essersi ripreso alla grande e, con un ottimo motore grafico, un gruppo di esperti al seguito e il genio di Itagaki a guidarlo, è presumibile che sfonderà sul mercato con prepotenza. La stessa che il videogioco stesso sembra trasmettere ad ogni singolo fotogramma.

Il 2015 potrebbe essere l'anno dell'uscita di Devil's Third e siamo già in trepidante attesa di quello storico momento
ASPETTATIVA4/5
Ninja Gaiden SigmaL'abbiamo citato nell'articolo come una delle massime espressioni ludiche del genio di Itagaki.
Hyrule WarriorsPuò suonare strano ma su Wii U si trova un gioco nel quale bisogna debellare un'infinità di nemici con ogni mezzo a disposizione, ispirato al mondo di Zelda.
SCHEDAGIOCO
Cover Devil's Third

Devil's Third

Scheda completa...
Devil's Third [Update]2014-12-13 09:00:00http://www.vgnetwork.it/anteprime-wii-u/devil-s-third-update-48000/Il progetto di Itagaki torna alla ribalta1020525VGNetwork.it