Kirby e il Pennello Arcobaleno

Kirby rotola su Wii U
Scritto da @ ricpelleil 20 marzo 2015
Kirby e il Pennello Arcobaleno Anteprima

E’ innegabile, il lancio di DS segnò un cambio di rotta epocale per Nintendo: principiavano gli anni dell'esaltazione del concept sulla potenza, del design sulla forza bruta. Fra i tanti franchise storici che trassero enorme beneficio da questa rivoluzione tutta nipponica, in grado di anteporre innovazione e sperimentazione tecnologica a pomposi proclami a suon di teraflop e shader, Kirby si affermò con il seminale “L’Oscuro Disegno” come quello che più degli altri seppe effettuare un passo laterale breve ma in fin dei conti decisivo, arrivando a deviare leggermente da tutta una serie di oliatissime meccaniche divenute, nel tempo, marchio distintivo della serie, senza snaturarle troppo. L’homo ludens scoprì, per mezzo di questo prodotto, gli intimi ingranaggi di un gameplay tanto unico quanto energico, plasmato attorno al semplice utilizzo del pennino in dotazione alla console di Kyoto, espressione di una creazione digitale mai così vicina ed insieme lontana dagli stilemi classici scolpiti nel tempo da HAL Laboratory.Nasce una maniera altra di godere di Kirby. Gocce di calamitante brillantezza ludica, sprigionata da ogni suo singolo poro binario. Una ri(e)voluzione in gran parte passante attraverso il sistema di controllo, figlio della medesima ispirazione che diede i natali alle fasi aeree di Yoshi Touch & Go nonché diretta derivazione di quella joie de vivre dogmatizzata nella Nintendo Difference.Un'opera plasmata attorno alle specifiche tecniche in dotazione all’innovativo handheld di Iwata e soci, insomma, che malgrado il suo aspetto da produzione low-profile riuscì a scalfire i cuori del pubblico più esigente, deliziato da una realizzazione complessiva che sprofondava le proprie radici in quel fantastico zibaldone di regole inchiostrato, negli anni, dai grandi maestri Nintendo. Fiumi di inchiostro dopo, arriva su Wii U il seguito spirituale di quel titolo che, era il 2005, graziò grandi e piccini per mezzo delle sue tinte pastello e di una giocabilità degna di una delle sfere rose più simpatiche di sempre. Jigglypuff permettendo, ovviamente.


Il presente

Kirby e il Pennello Arcobaleno ripropone, via GamePad, il gameplay scribacchino del prequel, offrendo la possibilità di affrontare ogni livello sollevando il giocatore dai patemi d'animo derivanti dall'asfissiante presenza di un tempo limite entro il qualche completare lo schema, lasciando a colui che scarabocchia piena libertà esplorativa all’interno di un mondo bidimensionale che sembra appena uscito da una produzione in stop-motion.L'intera proposopea giocosa si basa, come nel predecessore, sull'utilizzo forzato del pennello, brandito dal player tramite pennino, nonché sull'indagine di ogni centimetro calpestabile mirata a ritrovare cinque bauli del tesoro, abilmente nascosti dal team di sviluppo all'interno di ciascun round, custodi di altrettanti trofei tutti da scoprire. Sebbene sia passato un decennio, un distacco quasi biblico tecnologicamente parlando, girovagare per il mondo di gioco si configura come esperienza spensierata e galvanizzante, oggi come - forse più - di ieri. Nel pieno rispetto della tradizione, raccogliere determinati preziosi costituirà impresa particolarmente ardua, in funzione di una disposizione degli stessi decisamente perfida, in taluni casi. Inoltre, al termine di ogni zona sarà possibile raccogliere una pagina di diario, la quale rivelerà maggiori dettagli su storia e personaggi. Il grado di completamento di un singolo schema viene evidenziato pure dal numero di stelle raccolte, apparentemente similari alle monete racimolabili in un Super Mario qualunque, almeno sin quando non si scopre che ottenendone cento darà modo all’allegro, paffuto eroe di performare uno speciale attacco in grado di sfidare ogni legge della gravità, proiettandolo nell’aria a mò di proiettile, consentendogli di distruggere elementi del fondale o nemici altrimenti inattaccabili e di giungere in location diversamente inarrivabili.


Un mese ancora...

Come da copione, la simpatica palletta rosa ha la facoltà di mutare la propria struttura molecolare in maniera tale da assorbire caratteristiche e qualità che altrimenti rimarrebbero inespresse. Apparentemente, rispetto alle produzioni "classiche", le situazioni nell'ambito delle quali Kirby potrà sfruttare le sue capacità camaleontiche appaiono decisamente ridotte, anche se per una considerazione completa, ci riserviamo di approfondire l'analisi in sede di recensione.Da segnalare come le modalità offerte, in aggiunta alla classica Storia, comprendano co-op in locale e una particolare sezione giocosa comprensiva di decine e decine di sfide, ognuna delle quali composta da quattro livelli differenti, da completare tassativamente entro quindici secondi, pena la sconfitta.Ricordiamo, in chiusura di hands-on, che il titolo verrà rilasciato l’8 Maggio prossimo, esclusivamente su Wii U.

Spolpare gli schemi iniziali di Kirby e il Pennello Arcobaleno si è rivelata una pratica goduriosa. Riuscirà a confermarsi, in toto, produzione in grado di divertire dall'inizio alla fine?
ASPETTATIVA4/5
Kirby e la stoffa dell'eroeUn concept diverso da questo, ma molto divertente.
Kirby: L'Oscuro DisegnoUn po' datato, ma molto valido.
SCHEDAGIOCO
Cover Kirby e il Pennello Arcobaleno

Kirby e il Pennello Arcobaleno

Scheda completa...
Kirby e il Pennello Arcobaleno2015-03-20 00:01:00http://www.vgnetwork.it/anteprime-wii-u/kirby-e-il-pennello-arcobaleno-48934/Kirby rotola su Wii U1020525VGNetwork.it