Rise Of Nightmares

Vi sentite pronti ad sbrindellare orde di zombie a mani nude? Ecco il gioco che fa per voi
Scritto da Federico ”Kikorin” Giacobinoil 25 luglio 2011
Rise Of Nightmares Anteprima

Scaldate i vostri Kinect

Due E3 or sono Microsoft annunciò ed in breve tempo lanciò sul mercato la propria periferica per il gioco senza ausilio del pad. La curiosità e lo scetticismo che si formarono intorno a tale “aggeggio” furono da subito notevoli, infatti molti si chiedevano come sarebbe stato possibile ottenere delle prestazioni videoludiche elevate abbandonando totalmente il mai troppo lodato joystick, in favore dell'utilizzo solo ed esclusivo del proprio corpo. A mettere ancora più carne sul fuoco ci pensò inoltre la compagnia stessa, la quale non si accontentò di presentare il Kinect così com'era, ma contornò il tutto con dichiarazioni inerenti al fatto che il supporto per esso sarebbe stato totale ed i giochi per l'utenza hardcore non avrebbero tardato ad arrivare.Ad oggi, però, è con un po' di rammarico che ci si rende conto che la lineup di Kinect non presenta nessun gioco che provi ad elevarsi oltre a quello che viene definito “casual gaming” e l'unico titolo esistente a fare un uso notevole della periferica è Child of Eden della Ubisoft, decisamente troppo poco per quelle che erano le premesse.E' quindi il momento di disperare per i poveri (o forse ricchi?...) utenti che pieni di speranze hanno deciso di acquistare il Kinect il giorno stesso dell'uscita? Ebbene no, in soccorso arriva SEGA, che per settembre ha in dirittura d'arrivo quello da lei stessa definito il primo gioco hardcore per Kinect, il cui titolo sarà nientepopodimeno che Rise of Nightmares.


Siete pronti ad immergervi nell'incubo?

La trama di Rise of Nightmares vi porterà ad impersonare un turista americano in cerca della propria moglie, scomparsa in seguito ad un rapimento avvenuto per mano di un malvagio scienziato di nome Viktor. Il losco figuro, oltre ad avere un aspetto tutt'altro che rassicurante ed a divertirsi facendo esperimenti di stampo macabro su corpi di persone indifese, ha la simpatica caratteristica di vivere in un oscuro castello pieno di truculenti segreti e trappole mortali.A peggiorare il tutto ci si metteranno inoltre delle orde di mostri affamati di sangue e spesso armati di tutto punto con asce, machete, coltelli e compagnia bella, che ci inseguiranno e cercheranno di farci a pezzi.Se queste sono le premesse per quel che riguarda la trama, fin da ora la SEGA ha deciso di mettere in chiaro un aspetto ricorrente per tutta l'esperienza di gioco, cioè l'estrema violenza che caratterizza Rise of Nightmares. Per tutta la durata del nostro viaggio dell'orrore tra le mura del castello ci troveremo infatti ad assistere ed essere - nostro malgrado - protagonisti di smembramenti, esplosioni, mutilazioni e tripudi di sangue assortiti capaci di soddisfare anche i palati più “gore”.

Una bella infermierina ed un simpatico cuoco


Distruggere zombie a mani nude

Il punto focale del gioco però, come si intuisce, non sarà la trama tutt'altro che originale, ma piuttosto il gameplay. E se vi state chiedendo che cosa ci sia d'innovativo nell'uccidere zombie e mostri vari a suon di mazzate, beh, la risposta è presto detta, perché il tutto viene gestito solo ed esclusivamente tramite Kinect. Avete capito bene: questo Rise of nightmares non può essere controllato con il normale pad della 360, ma ha bisogno necessariamente della nuova periferica Microsoft per funzionare.Durante l'E3 2011 il titolo, sebbene sia passato in sordina rispetto ad i suoi colleghi più illustri, era stato presentato giocabile in uno stand e durante la sezione di gioco è stato possibile ricavare un quadro generale di come ci si muove ed interagisce con l'ambiente che ci circonda.Per spostare il nostro personaggio avanti o indietro è necessario muovere nelle rispettive direzioni uno dei nostri piedi e maggiore è la distanza alla quale si muove il piede, maggiore è la velocità con cui si sposta il nostro alter ego. I movimenti a destra ed a sinistra sono invece affidati, ovviamente, al movimento delle spalle.Per attaccare i nemici invece si devono usare diversi sistemi a seconda dell'arma che impugniamo. E' doveroso segnalare che tutti gli strumenti d'offesa che potremo usare saranno armi bianche e per utilizzarli basta mimare il movimento che faremmo anche nella realtà: per questo per usare un machete o un coltello sarà sufficiente usare un braccio, mentre una motosega dovrà essere brandita con due mani. Altre azioni che si possono eseguire, sempre legate all'ambito dell'attacco, riguardano i calci ed i pugni, infatti per tenere lontani i cattivi potrebbe essere necessario ogni tanto sferrare un calcio ben piazzato o qualche pugno in mancanza di un'arma vera.Nel corso del breve hands-on allo stand dell'E3 si è però potuto notare anche qualche applicazione più fantasiosa del Kinect per sconfiggere i mostri, per esempio ad un certo punto, verso la fine della demo, dopo aver aperto una porta si rivelava ai nostri occhi un nuovo tipo di nemico, precisamente una specie di cantante lirica ritornata dall'oltretomba e capace di lanciare urli di una potenza incredibile in grado di danneggiare il giocatore. Per riuscire quindi ad avvicinarsi era necessario usare le mani per tapparsi le orecchie, arrivarle vicino e finirla a suon di calcioni: grezzo ma senza dubbio divertente.Più o meno a questo punto la dimostrazione si interrompeva e non svelava altri dettagli, ma questa diversificazione dei nemici, ognuno da sconfiggere in modo diverso fin dall'inizio dell'avventura non può che fare piacere. Oltre che servire per combattere i mostri Kinect viene usato però anche per altre mosse, più precisamente il castello come preannunciato sarà invaso da trappole, quindi bisognerà schivarle ed evitarle in diversi modi. Per quanto riguarda i “gesti”, altre possibilità per il giocatore sono, ad esempio: mettere un braccio davanti alla faccia per ripararsi, spintonare i nemici per allontanarli, muovere una mano davanti agli occhi per pulirsi dai liquidi spruzzati da alcuni zombie ed allungarsi per raccogliere oggetti o in generale interagire col mondo di gioco.

Non vi prudono le mani?


Un esperimento riuscito?

Purtroppo non si può ancora sapere se il gioco completo sarà un successo o una delusione, quello che però è certo è che le premesse per avere un buon titolo only Kinect ci sono tutte e quindi non resta che aspettare fiduciosi fino a settembre per provare con mano quello che davvero Rise of Nightmares ha da offrire, sperando che l'altisonante annuncio di “primo gioco harcore per Kinect” non fosse una semplice “sparata” ma una dichiarazione fatta con cognizione di causa.

Amnesia: The Dark DescentC'è qualcosa nell'ambientazione di Rise of Nightmares che ci ricorda quel capolavoro di Amnesia.
Child of Eden (X360)Saremo noiosi, ma con Kinect in ballo, è impossibile non citare il capolavoro Ubisoft.
SCHEDAGIOCO
Cover Rise of Nightmares

Rise of Nightmares

Scheda completa...
Rise Of Nightmares2011-07-25 09:00:00http://www.vgnetwork.it/anteprime-xbox-360/rise-of-nightmares/Vi sentite pronti ad sbrindellare orde di zombie a mani nude? Ecco il gioco che fa per voi1020525VGNetwork.it