Call of Duty: Infinite Warfare - Anteprima

Tripla minaccia: Activision fa sul serio
Scritto da Matteo “Scanna” Scannaviniil 01 settembre 2016
Call of Duty: Infinite Warfare - Anteprima Anteprima

Il trono degli sparatutto non è quello di Spade certo, ma resta un trono non facile da mantenere. Call of Duty di Activision ormai da un lustro e passa conserva il regno sul genere più venduto e amato nel mondo moderno dei videogames, sopravvivendo più o meno bene ogni anno agli attacchi di quasi tutto il resto dell’industria. Mai come in questo 2016 però la leadership di COD sarà messa a repentaglio da release come Titanfall 2 e l’immenso Battlefield 1, oltre alla “concorrenza interna” di Destiny: I Signori del Ferro. Infinity Ward perciò, lo studio in carico dell’episodio di quest’anno (ricordiamo che esiste una rotazione triennale dei developers su questa IP, ndr), sta cercando di superarsi per respingere questi attacchi letali e conservare la palma di gioco più influente del mercato. Per attuare questa tattica perciò non bastava un singolo gioco, sebbene dall’ispirazione molto interessante: ad accompagnare Call of Duty: Infinite Warfare, il primo COD ambientato nello spazio, arriverà l’attesissima riedizione di Modern Warfare, forse l’episodio più amato della serie, con tanto di multiplayer online e, novità della Gamescom 2016, una modalità Zombies tanto sviluppata e innovativa che potrebbe essere un gioco a sè stante, chiamata Zombies in Spaceland. Con una esauriente presentazione e un paio di demo inedite, Activision ci ha illustrato a Colonia il futuro prossimo di Call of Duty.


Infinite Warfare

La portata principale è sicuramente Call of Duty: Infinite Warfare, il gioco che deve – nelle idee di Activision – redimere Infinity Ward dopo il mezzo disastro di Ghosts, l’ultimo loro prodotto ormai risalente a 3 anni fa. Infinite Warfare era atteso a una presentazione di livello all’E3 dopo l’ormai discussissimo trailer di lancio e bisogna ammettere che l’introduzione del gameplay della campagna singolo giocatore durante la conferenza Sony non ha deluso le attese. Anzi, dopo qualche secondo di giocato ci si stava ancora domandando se fosse davvero il nuovo COD quello su schermo; un’iniezione di novità che tanto serviva alla serie. E bene o male anche la demo presentata alla Gamescom a porte chiuse è stata sui generis per quello che ormai ci si aspetta dal gigante degli FPS, tanto che sono serviti alcuni minuti per vedere esplodere i primi colpi di arma da fuoco. La missione consisteva nell’esplorazione di un asteroide con relativa base apparentemente abbandonata, avvicinatasi troppo al sole. Il gruppo di – insipidi – personaggi si introduceva nell’installazione scoprirne per rendersi conto (yawn) dopo poco di non essere soli in quell’ambiente inospitale. Da lì scaturiva una non troppo originale sparatoria con cyborg, quella sicuramente più in stile Call of Duty. Ma a parte questa, Infinite Warfare ci ha lasciato con la curiosità di saperne di più, di provare a guidare finalmente un’astronave e di capire come il team di sviluppo abbia inserito nuove meccaniche in aggiunta alla formula classica, “giocando” con le possibilità narrative e di gameplay che un setting così diverso può regalare. Per esempio, l’elemento sicuramente più interessante è stata la sezione di esplorazione nella quale bisognava evitare i mortali raggi del sole; all’utente veniva infatti chiesto di trovare copertura nei momenti giusti e di giocare col tempismo per cavarsela: niente di incredibile, ma variazioni sul tema di cui COD ha maledettamente bisogno. Il tutto in attesa di vedere, al prossimo evento COD XP in settembre, cosa ci aspetta nel multiplayer, storicamente l’elemento più importante del gioco Activision.


Modern Warfare Remastered

Rivoluzionare la sua gallina con le uova d’oro (con il rischio oltretutto di alienarsi parte del suo pubblico) non era abbastanza quest’anno per Infinity Ward. Così, nella versione premium di Call of Duty: Infinite Warfare, sarà incluso un codice download per un progetto davvero davvero intrigante e da molti – sottoscritto compreso – più atteso che l’episodio inedito stesso: stiamo parlando del remaster di COD 4: Modern Warfare, considerato dai più il miglior capitolo della serie, forse assieme al numero 2. Questa riedizione vedrà i comparti tecnici assolutamente migliorati, con un lavoro di aggiornamento di Textures, frame-rate e risoluzione certo importante e comprenderà non solo la splendida campagna singolo giocatore, ma anche 10 delle originali mappe multi giocatore lanciate all’epoca. Roba da rimanerci sotto come se fosse il 2007. A Colonia non abbiamo potuto mettere le mani sul gioco che, grafica a parte, ci è stato promesso essere rimasto più fedele all’originale possibile, ma abbiamo comunque assistito a una lunga demo di una classica missione in Medio Oriente. La missione ha confermato ancora la grande qualità dell’intreccio e della varietà di situazioni di COD 4: a partire da una sezione in elicottero, si è passati presso una missione di recupero e si è finito con uno dei più grandi colpi di scena e momenti intensi mai vissuti in un videogame di guerra. Il lavoro grafico svolto sul gioco ci è sembrato davvero ottimo: sinceramente non vediamo l’ora di rigiocare Prypiat e le altre geniali missioni di questo capolavoro, ma sulla nostra Xbox One o Playstation 4 ora. Per non parlare del multi...


Zombies in Spaceland con David Hasselhoff

A chiudere la tripletta di esperienze Call of Duty che saranno incluse nel mega-pacchetto di Infinite Warfare, arriva la rinnovata modalità Zombie, per la prima volta sviluppata anche da Infinity Ward. Nessuno zombie nello spazio con un jetpack però: per questa importantissima modalità, da molti considerata alla stregua della campagna o del multi regolare, il team ha deciso di prendere una strada diversa, la strada degli anni ’80. Con una mossa a sorpresa infatti, una semplice modalità di COD prende vita propria ed esordisce a Gamescom davanti ai nostri occhi con un trailer al limite del delirante, nel quale quattro personaggi (il rapper, la tipa sexy, il forzutone e il nerd) over-the-top si fanno largo tra non-morti a tema anni ’80. Non ci sono molti altri dettagli al momento di cui parlare a livello di gameplay, ma l’ambientazione non potrebbe essere così differente da quella degli altri due contenuti principali: qui ci sono zombie ballerini, la musica è quella di Relax di Frankie Goes to Hollywood, i personaggi usano armi assurde (vediamo quello che sembra un fucile protonico dei Ghostbusters) e al termine del trailer appare anche una guest star dell’epoca come David Hasselhoff (che era presente in persona alla Gamescom e abbiamo mancato per pochissimo! Ndr). Vedremo se tutto ciò risulterà in un semplice reskin per la modalità zombie che conosciamo o se Zombies in Spaceland – questo il nome del pacchetto – porterà vera innovazione in questo promettente Call of Duty.

Call of Duty lancia il triplete. Basterà per contrastare Battlefield?
ASPETTATIVA4/5
Battlefield 1 ( PS4 )EA si gioca le sue carte con la Prima Guerra Mondiale.
Destiny: I Signori del Ferro ( PS4 )Se volete rimanere in casa Activision, c’è anche lo sparatutto Bungie.
SCHEDAGIOCO
Cover Call of Duty: Infinite Warfare

Call of Duty: Infinite Warfare

Scheda completa...
Call of Duty: Infinite Warfare - Anteprima2016-09-01 16:55:16http://www.vgnetwork.it/anteprime/call-of-duty-infinite-warfare-anteprima-54161/Tripla minaccia: Activision fa sul serio1020525VGNetwork.it