Child of Eden

L'estro di Mizuguchi sta per sorprendere di nuovo la comunità di videogiocatori.
Scritto da il 08 gennaio 2011
Child of Eden Anteprima

Non sono stati moltissimi i giochi che hanno saputo sorprendermi a tal punto da farmi rimanere totalmente estasiato da quello che sapevano offrire a schermo. La serie Metroid è stata senza ombra di dubbio una di queste, c'è però anche un altro titolo che, seppur totalmente diverso, ha suscitato in me le stesse reazioni. Sto parlando di REZ, realizzato dal team UGA capitanato dal visionario Tetsuya Mizuguchi, che al tempo lavorava presso SEGA. Noto anche come Project Eden o K – Project, REZ vide la luce su Dreamcast e PlayStation 2 e (più recentemente) su Xbox 360, con la versione REZ HD, curata da Q Entertainment, il nuovo team di Mizuguchi.

Sconvolgente è forse il primo aggettivo venuto in mente quando ho imbracciato il pad e selezionato “Nuovo gioco”. Sconvolgente, perché REZ è un agglomerato di poligoni, geometrie, architetture, luci, flash, colori sgargianti e musica elettronica che poche altre volte si sono viste così armoniosamente legate ad un videogioco. La struttura effettiva è quella di uno sparatutto su binari “lock and shoot”, che prevede cioè la possibilità di agganciare un massimo di otto obiettivi e rilasciare il colpo per annientarli di conseguenza. Un prodotto semplice sia in fatto di grafica che di gameplay e che fa di questi aspetti i suoi punti cardine. Dopo REZ, Mizuguchi si è dedicato ad altri progetti altrettanto validi come il bellissimo puzzle game Lumines, acclamato da critica e pubblico. L'interesse, però, verso un seguito - magari in alta definizione - di REZ c'è sempre stato, e quando arrivò l'annuncio di un nuovo progetto dal suo creatore, gli animi si scaldarono immediatamente.

Una volta tanto le fantasie dei fan si sono avverate e Mizuguchi ha tirato fuori dal suo cappello, proprio in questo E3 2010, Child of Eden, titolo sviluppato da Q Entertainment ed editato da Ubisoft che è, se vogliamo, il seguito spirituale dello stupendo REZ. Andiamo dunque a conoscere il titolo che riporterà i nostri sensi di videogiocatore ad esplorare la sinestesia!


Ready for a new synestesia?

Come il suo predecessore, anche Child of Eden ripropone l'accoppiata grafica psichedelica più musica elettronica per creare quell'atmosfera sognante e sincopata che tanto ci era piaciuta con REZ (la cosiddetta sinestesia che promette di cullare il giocatore in un'esperienza davvero unica). Tutto questo è possibile grazie anche alle nuove tecnologie che Xbox 360 e PS3 mettono a disposizione; Wii è stato escluso dalle piattaforme di gioco proprio perché non in grado di offrire un'esperienza sufficientemente appagante dal punto di vista audiovisivo: un vero peccato che la console di casa Nintendo abbia una potenza computazionale non all'altezza, i controlli sarebbero stati perfetti per un titolo del genere.Come il prequel, anche Child of Eden prende luogo in un mondo virtuale, in particolare la nostra missione sarà quella di salvare da un virus informatico il Project Lumi che, se completato, darà vita ad una personalità umana all'interno di Eden, l'intelligenza artificiale nella quale era ambientato REZ. Questa piccola premessa permette di far comprendere al lettore il perché di questo mondo totalmente astratto, che questa volta più che concentrarsi sulle forme geometriche squadrate ed essenziali si getta verso creature fluttuanti ed immateriali, più simili a degli animali che a delle macchine, proprio come accadeva nell'ultimo livello del suo predecessore. Quello che invece non mancherà sarà l'alta spettacolarità, resa possibile grazie a colori sgargiantissimi, luci intermittenti e, appunto, una fantastica colonna sonora che evolverà col proseguire dei livelli.


Vista, udito e... Tatto?

Mirare, agganciare e sparare: un concetto tanto semplice quanto divertente. Q Entertainment ripropone questa collaudata formula arcade aggiungendo oltre al lock-on anche una sorta di mitragliatrice che lancerà ininterrottamente un fiume di proiettili. Lo scopo, questa volta, non sarà distruggere i nemici, ma salvare e “ripulire” dai virus le creature che popolano i livelli, cinque, che saranno organizzati in archivi ed ognuno dei quali avrà una propria identità visiva e strutturale. Le differenze con REZ non sono quindi così marcate e scopo ultimo sarà sicuramente quello di riuscire a raggiungere il più alto punteggio possibile.

La reale novità di questo Child of Eden non sta però solamente nella rinnovata veste grafica resa possibile grazie all'alta definizione: il punto cardine su cui Mizuguchi ha voluto mettere l'accento è stato il sistema di input cioè Kinect! Il titolo, nonostante sia multi-piattaforma, è stato mostrato in tutte o quasi le fiere nella versione che sfrutta la nuova periferica MicrosoftChild of Eden è di fatto uno dei primissimi titoli completi e non casual che realmente vogliono sfruttare questa tecnologia e lo fa nel migliore dei modi: propone, infatti, oltre che ad un sistema di controllo classico tramite pad, anche uno totalmente basato sul movimento delle braccia e delle mani con il quale sarà possibile mirare, agganciare e sparare.

Da quanto è stato possibile vedere, il tutto sembra essere estremamente intuitivo e con una buona risposta da parte di Kinect. Per quanto riguarda PlayStation Move, ad oggi non si ha ancora ben chiaro se vi sarà un effettivo supporto alla periferica, certo è che il team di sviluppo si è detto interessato e ha dichiarato avrebbe valutato questa possibilità.


Le ambizioni di Child of Eden

Un progetto visionario tanto quanto lo è stato REZ a suo tempo, che si evolve non solo dal punto di vista grafico ma anche del controllo. Il supporto all'alta definizione porta l'esperienza audiovisiva ad un livello totalmente nuovo ed incredibilmente appagante ed il nuovo sistema di controllo tramite Kinect promette di immergere i videogiocatori in un nuovo livello di divertimento. Altro da aggiungere su Child of Eden non ce n'è: è il nuovo lavoro di Mizuguchi, dovrebbe bastare questo per convincervi a prenotare il titolo dal vostro rivenditore di fiducia.

Il titolo è atteso per la prima parte del 2011, nel frattempo, se ancora non lo avete fatto, recuperatevi una copia di REZ HD dal Marketplace Xbox per avere un assaggio di quello che vi aspetterà tra qualche mese!

Qui il topic ufficiale di Child of Eden, per parlarne insieme e discuterne su cosa ne pensate.

Rez HDL'unico ed originale riproposto in una ripulita veste grafica e sonora: imperdibile, sopratutto per l'ottimo prezzo a cui viene venduto!
Dance CentralNon apparterrà allo stesso genere ma si tratta pur sempre di un titolo basato su Kinect in cui la musica conta!
SCHEDAGIOCO
Cover Child of Eden

Child of Eden

Scheda completa...
Child of Eden2011-01-08 13:45:00http://www.vgnetwork.it/anteprime/child-of-eden/L'estro di Mizuguchi sta per sorprendere di nuovo la comunità di videogiocatori.1020525VGNetwork.it