DOOM Multiplayer Beta - Hands On

Menu della serata: demone carbonizzato
Scritto da il 09 aprile 2016
DOOM Multiplayer Beta - Hands On Anteprima

Sono passati più di vent’anni da quando DOOM è sbarcato sui PC di mezzo mondo, rivoluzionando il videogioco e gettando le basi del first person shooter così come lo conosciamo oggi. Più di vent’anni fatti di nemici infernali assetati di sangue, ritmi adrenalinici e big fucking guns per rendere il massacro uno spasso senza tempo, pronti a soccombere anche nella nuova generazione con un DOOM nuovo di pacca, ma con lo stesso feeling di una volta.


Highway to Hell

Abbiamo infatti messo le mani sulla beta multiplayer di DOOM, la stessa beta che sarà giocabile dal 15 al 18 aprile su PS4, Xbox One e PC e abbiamo veramente tante, tante cose da dire. Innanzitutto, la beta ci ha permesso di giocare a due delle modalità presenti nella versione finale, un classico Deathmatch a squadre e Via della Guerra, nome altisonante che indica una sorta di Dominazione, la cui peculiarità è quella di abbandonare i punti di controllo statici a favore, invece, di punti dinamici che si muoveranno nella mappa di gioco, detronizzando le meccaniche da camping tipiche di questa tipologia di gioco e rendere le partite più frenetiche.

Come se ce ne fosse ancora bisogno, aggiungo, perché in virtù della sua storia, DOOM è l’antitesi perfetta di tutti gli FPS moderni, da Call of Duty a scendere: le arene del gioco sono spaziose e prive di qual si voglia copertura, il nostro personaggio sarà perennemente in corsa e la velocità di combattimento raggiunge picchi dimenticati da anni, retaggio degli sparatutto arena che hanno creato miti e leggende nei LAN party, prima ancora delle connessioni ad alta velocità e il multiplayer online su console. A prescindere dalla nostra abilità di movimento, anche la nostra manualità con le armi da fuoco sarà fondamentale, giacchè l’arsenale a nostra disposizione presenta una buona gamma iniziale di dolore, partendo dalla classica doppietta ai fucili al plasma, passando per un buon vecchio lanciarazzi ed un elettrotaser che carbonizzerà chiunque osi passarci davanti. Ogni arma, inoltre, dispone di una doppia modalità di fuoco, ad esempio il lanciarazzi che permette di lanciare una carica da far detonare anche a mezz’aria permettendo assalti frontali anche contro lo zompettatore di turno, o chi prova invano a nascondersi dalla nostra furia.

Ci sono poi accessori come le classiche granate, ma anche moduli di teletrasporto da piazzare in punti strategici e granate prosciuganti che infliggeranno danni ingenti al nostro nemico e, nel frattempo, ci cureranno. Inoltre possiamo sbloccare i moduli hack, dei perks aggiuntivi che potremo ottenere vincendo partite e completando delle missioni aggiuntive all’interno dei match e che forniranno aiuti extra come il tracciamento dei potenziamenti, esperienza aggiuntiva ad ogni uccisione e tanto altro. Ultima cosa, ma non meno importante, è il Revenant: per capirci, è quel simpatico demone che troverete sull’icona di avvio del gioco, nonché come action figure nella collector's edition. Durante le partite, capiterà infatti che in campo appaia un gettone: il primo che riesce a prenderlo assumerà le sembianze del bestione, dotato di velocità fulminea, doppio lanciarazzi e un jetpack per saltare davvero in alto. Inutile dirvi l’apoteosi distruttiva che può significare una cosa del genere nelle mani giuste.


Massacrare si, ma con stile!

Un altro elemento che abbiamo scoperto è la personalizzazione del nostro alter ego: il nostro avatar sarà infatti decorabile a piacimento con dei set già composti oppure miscelati, con tanto di colori e grafiche da sbloccare salendo di livello, scegliendo inoltre il grado di usura visiva, cosa fattibile anche con le armi che equipaggeremo in battaglia. Sul lato tecnico, la beta di DOOM si è rivelata un’esperienza meravigliosa: provandola su PS4 abbiamo provato l’ebrezza di giocare a 1080p e con 60 frame al secondo inamovibili, cosa che conferisce alle partite multiplayer una velocità di gioco a dir poco pazzesca e adrenalinica, proprio quello che ci si aspetta da un titolo di questo calibro. Anche il sonoro del gioco riesce a tenere alti i ritmi con una soundtrack metal con riff affilatissimi e battiti per minuto a manetta come vuole la tradizione.

Se proprio dobbiamo trovare un difetto, ci viene in mente il doppiaggio italiano: come di consueto in questo tipo di giochi, la carneficina sul campo di battaglia viene commentata da una voce fuori campo, e DOOM non è da meno. Il problema è che la voce scelta è piatta e svogliata, manca di verve ed è assolutamente inadatta al compito da svolgere. Pensate a cose come il vocione fuori campo di Killer Instinct e metteteci la vostra fidanzata che vi risponde svogliatamente mentre gli chiedete se sta apprezzando un capolavoro come Machete. Tolta questa cosa, però, la beta di DOOM ci ha straconvinto e fa quindi salire il nostro hype per il gioco alle stelle, convinti che il multiplayer non sarà una mera aggiunta ma una modalità studiata ad hoc per garantire il massimo divertimento possibile. Sicuramente mi vedrete in giro durante la beta pubblica e per il resto attendiamo impazienti di tornare all’Inferno, roba di un mesetto e ci siamo.

DOOM sta tornando in grandissimo stile e sapere di avere tra le mani un multiplayer così divertente è una rassicurazione non da poco.
ASPETTATIVA5/5
Wolfenstein: The New Order ( PS4 )Il primissimo sparatutto della storia trova in questo reboot nuova linfa.
Serious Sam 3: BFE ( PC )Se vi piace il modo classico di sparare ad enormi demoni in enormi arene, beh, eccovi serviti!
SCHEDAGIOCO
Cover DOOM - 2016

DOOM - 2016

Scheda completa...
DOOM Multiplayer Beta - Hands On2016-04-09 09:00:00http://www.vgnetwork.it/anteprime/doom-multiplayer-beta-hands-on-53198/Menu della serata: demone carbonizzato1020525VGNetwork.it