Epic Mickey 2: L'Avventura di Topolino e Oswald [Hands on]

Wasteland è ancora in pericolo
Scritto da Mail@ M4rCuSil 31 ottobre 2012
Epic Mickey 2: L'Avventura di Topolino e Oswald [Hands on] Anteprima

L’uscita del primo Epic Mickey può essere considerata come il ritorno in grande stile di Disney nel mondo videoludico. Un tempo, infatti, Disney produceva giochi di tutto rispetto, soprattutto platform, salvo poi sparire nel nulla lasciando i giocatori con poveri tie-in ispirati alle sue pellicole. Da un paio di anni, però, la direzione è cambiata, grazie proprio a questo nuovo brand sviluppato da Junction Point, studio capitanato da nientepopodimeno che Warren Spector, che molti ricorderanno essere la mente dietro Deus Ex. Visti i grandi, e per molti inaspettati, successi del primo episodio, non poteva di certo mancare un seguito, che si propone come una versione più completa, profonda e multipiattaforma del primo titolo.


La tradizione Disney

A presentare il gioco negli studi Disney di Milano c’era proprio lui, Warren Spector, un personaggio eccezionale che riesce ad intrattenere come pochi e che comincia subito a parlare del suo rapporto con Disney e con il personaggio-simbolo dell’azienda: Topolino. L’obbiettivo principale di Warren e del suo team era quello di onorare la tradizione Disney, lasciando intatti tutti quei valori che la compagnia porta avanti da anni, proponendo allo stesso tempo un gioco accattivante per la maggior parte dei videogiocatori. Per questo motivo si sono fissati cinque punti fondamentali: dare un’aura eroica a Topolino, riproporre il personaggio di Oswald, creare un mashup di generi, proporre un sistema di scelte e conseguenze e sviluppare un titolo per tutti, grandi e piccini. Per fare in modo che tutti gli elementi Disney fossero perfetti, i ragazzi di Junction Point hanno avuto accesso agli archivi dell'azienda, un immenso catalogo di oggetti, fumetti, video e un’infinità di altre cose riguardanti tutto l’universo di Walt. Qualsiasi cosa sia stata creata sotto questo brand risiede in questi archivi, la quantità di oggetti custoditi è impressionante e Warren ci ha dato un piccolo assaggio di quello che hanno trovato. Contratti, bozzetti originali, cortometraggi inediti, etc etc, gli sviluppatori hanno studiato tutto il materiale utile e hanno riversato le conoscenze apprese in Epic Mickey 2. I luoghi, i personaggi, le voci, tutto sarà esattamente come deve essere, sotto questo aspetto il lavoro ci è parso davvero ottimo e la passione con cui Warren lo descriveva era molto rassicurante.

Che duo!

Salviamo Wasteland (di nuovo)

Il gioco ci vedrà vestire di nuovo i panni di Topolino che, terminati gli eventi del primo episodio, si sarà riappacificato con Oswald (il primo personaggio partorito dalla mente di Walt Disney) e starà contribuendo alla ricostruzione di Wasteland. Ad un certo punto, però, si rifarà vivo il dottore, che nel primo Epic Mickey rappresentava il villain, il quale con modi alquanto sospetti affermerà di voler contribuire alla ricostruzione. Durante questa scena notiamo la prima grande novità del gioco: le musiche. In piena tradizione Disney, infatti, il gioco avrà una componente musicale di rilievo, vedremo quindi i personaggi esibirsi in performance durante le scene d’intermezzo (non preoccupatevi, al di fuori di esse non canterà nessuno). 
L’altra importante novità riguarda l’introduzione di un sistema di scelte e conseguenze che, oltre a portare varietà nel gameplay, assicura una certa rigiocabilità del titolo. Saranno presenti più vie per arrivare all’obiettivo, potremo cercare una sezione platform da scalare, affrontare direttamente i nemici, risolvere enigmi creando o cancellando oggetti oppure cercare un approccio più stealth sfruttando un Inkwell. Questi ultimi sono dei pozzi d’inchiostro che, a seconda di come ci comporteremo, ci forniranno invincibilità o invisibilità. Questo significa che se utilizzeremo molto la pittura che crea oggetti il pozzo ci renderà invisibili, mentre se cancelleremo molti oggetti dal mondo il pozzo ci renderà invincibili per breve tempo. È infatti sempre presente il pennello magico che permette a Topolino di creare o distruggere gli oggetti incontrati sulla sua strada, ma attenzione: se cancellerete un oggetto, questo rimarrà cancellato per sempre. 
Warren ha sottolineato più volte questo mashup di generi, d’altronde non va dimenticato che il titolo che l’ha reso famoso, Deus Ex, non può essere inserito in una categoria ben precisa. Anche con Epic Mickey 2 l’intenzione è la stessa, tanto che, oltre ad aver inserito più percorsi, sono state implementati anche degli adesivi che, una volta raccolti, ci permetteranno di aumentare determinate abilità. Ed anche la componente GDR è servita.
Durante le partite in singolo saremo sempre accompagnati da Oswald controllato dall’IA, ma in qualsiasi momento un amico potrà unirsi a noi prendendo il controllo del personaggio e aiutandoci a superare i vari livelli. È un’aggiunta ormai scontata ma che fa sempre piacere trovare, soprattutto in titoli come questo destinati sia ai grandi che ai più piccoli.

Un gioco per tutti

Epic Mickey 2 promette veramente bene, sia per il solido background che gli sviluppatori sono riusciti a creare grazie alla consultazione degli Archivi Disney, sia perché il primo episodio si è dimostrato un ottimo titolo e questo pare essere ancora migliore. Non resta che attendere il 21 novembre per tornare nel mondo di Wasteland!
Le premesse sono ottime, non vediamo l'ora di rimettere piede nel mondo di Wasteland
ASPETTATIVA5/5
Epic Mickey: La Leggendaria Sfida di TopolinoIl primo episodio, da giocare.
Epic Mickey: Power of IllusionLa versione per console portatili di Epic Mickey.
SCHEDAGIOCO
Cover Disney Epic Mickey 2: L'Avventura di Topolino e Oswald

Disney Epic Mickey 2: L'Avventura di Topolino e Oswald

Scheda completa...
Epic Mickey 2: L'Avventura di Topolino e Oswald [Hands on]2012-10-31 09:00:00http://www.vgnetwork.it/anteprime/epic-mickey-2-l-avventura-di-topolino-e-oswald-hands-on/Wasteland è ancora in pericolo1020525VGNetwork.it