Gears of War: Ultimate Edition Beta [Hands-On]

Battiterra!
Scritto da Mail@ FedeGiacoil 24 giugno 2015
Gears of War: Ultimate Edition Beta [Hands-On] Anteprima

Era il 2006 quando il prode Cliff Bleszinski, ai tempi meno famoso di oggi, portò la sua nuova creazione, Gears of War, sulla neonata Xbox 360 (oltre che su PC). Il gioco divenne da subito un'icona e per molti versi rivoluzionò il genere degli sparatutto in terza persona, infatti introduceva un sistema di coperture dinamico come non lo si era mai visto, rendendo gli scontri in campo aperto un'esperienza totalmente nuova e fantastica. Oltre al gameplay, ovviamente, chi c'era si ricorderà l'arrivo di Gears of War nei negozi per un altro motivo, la grafica. Fino a quel momento l'Xbox 360 non aveva ancora fatto vedere davvero di che pasta era fatta, ma fu proprio Gears of War a sancire il “salto generazionale”, lasciando migliaia di giocatori a bocca aperta di fronte al maestoso spettacolo offerto dall'Unreal Engine. Un ulteriore motivo per cui tutti ci ricordiamo di Gears of War, però, è il multiplayer, il quale permetteva ad 8 giocatori, divisi in 2 squadre, di affrontarsi in mappe ben strutturate al fine di raggiungere diversi obiettivi a seconda della modalità. Quasi 10 anni dopo, nel periodo più florido di sempre per i cosiddetti “remaster”, Microsoft ha deciso di portare su Xbox One la versione a 1080p e 60fps del primo, grande, episodio della saga “Gears”.


Ultimate Edition

Dopo l'annuncio ufficiale della Gears of War: Ultimate Edition durante la conferenza Microsoft all'E3 2015, è stato possibile per i giocatori accedere alla beta multiplayer del titolo per provare con mano i progressi fatti dal team di sviluppo, gli appena rinominati “The Coalition”.Mettere mano ad una simile pietra miliare della scorsa generazione non era facile ed il rischio d'inimicarsi migliaia di fans era alto, ma da quanto abbiamo potuto provare le cose stanno procedendo per il verso giusto.

La beta ha offerto la possibilità di giocare 5 mappe e 2 modalità, Re della Collina e Team Deathmatch. I giocatori, intanto, avevano la possibilità di riportare in diretta sul forum dedicato le proprie impressioni, così che per la relase finale gli sviluppatori fossero in tempo a limare le cose eventualmente non gradite o poco funzionanti. Il gameplay del gioco è rimasto sostanzialmente invariato rispetto al 2006, ma fortunatamente il peso del tempo non grava molto sull'esperienza ed ancora oggi spararsi in multiplayer è divertente come una volta. La particolarità degli scontri è soprattutto legata all'inefficacia dell'arma principale, il Lancer, il quale ha più che altro una funzione di copertura e raramente si riesce ad eliminare qualcuno (a meno che non si utilizzi la motosega), infatti servono davvero moltissimi proiettili. Questo fa si che la maggioranza dei players si specializzi nell'uso dello shotgun, rendendo Gears of War multiplayer, paradossalmente, un gioco che favorisce gli scontri ravvicinati, al contrario della campagna single player. In questa Ultimate Edition gli sviluppatori hanno introdotto una novità nel Team Deathmatch, ovvero i respawn. Nel primo Gears ogni membro della squadra aveva una sola “vita” ed una volta persa doveva aspettare la fine della partita per giocare nuovamente, invece adesso ogni squadra parte con un certo numero di “vite” che andranno a calare ogni volta che un giocatore respawnerà in seguito alla morte. Per chi non dovesse gradire l'aggiunta, comunque, nella versione finale sarà opzionale e si potrà giocare anche nel modo classico.


Un po' di “next-gen”

Se da una parte abbiamo un gameplay estremamente classico e rimasto praticamente identico a quanto provato nel 2006, dall'altra gli sviluppatori si sono impegnati per rendere l'esperienza fresca ed adatta agli standard odierni. Il motore grafico è quello che ha subito i più grandi ritocchi e la prima cosa che salta all'occhio sono i 60fps. Giocare con questa nuova fluidità è davvero un “game-changer” e se già a 30fps ci si divertiva, una volta provati i 60 non si tornerebbe indietro per nulla al mondo. Il framerate, però, non è l'unico aspetto ad essere stato ritoccato, infatti anche le luci, gli assets, i modelli e la risoluzione hanno avuto dei cambiamenti. Gears of War: Ultimate Edition gira a 1080p, rendendo il tutto davvero molto pulito ed incredibile da vedere ancora oggi, nonostante gli anni che si porta sulle spalle. Texture e modelli, in molti casi, hanno subito anch'essi dei ritocchi e tranne rare occasioni in cui sembra esserci stata un'involuzione (l'acqua è peggiorata, come alcune texture, ma probabilmente sarà tutto sistemato per la relase), in genere i miglioramenti sono evidenti e danno nuovo smalto all'esperienza.


Estate con locuste

La prova del gioco è stata convincente e sebbene le aggiunte sia poche, non erano neppure necessarie dato che il titolo originale funzionava bene e funziona tutt'oggi. In attesa di Gears of War 4, vero nuovo episodio della serie, il 25 agosto uscirà nei negozi questa Ultimate Edition al prezzo di circa 40€. A dire la verità, vista l'offerta ed il prezzo, ad esempio, della Master Chief Collection, ci si sarebbe aspettati di più da questa rimasterizzazione di Gears, che invece comprende solamente il primo episodio della serie. In ogni caso, ci si risente per la recensione e li si tireranno le somme.

Frullare locuste con Marcus Fenix e compagni è un'attività che continua a divertire
ASPETTATIVA4/5
Gears of War 2Probabilmente il miglior episodio della serie.
The Last of Us RemasteredSe volete vivere una storia emozionante, condita da un gameplay all'altezza.
SCHEDAGIOCO
Cover Gears of War: Ultimate Edition

Gears of War: Ultimate Edition

Scheda completa...
Gears of War: Ultimate Edition Beta [Hands-On]2015-06-24 09:00:00http://www.vgnetwork.it/anteprime/gears-of-war-ultimate-edition-beta-hands-on-49979/Battiterra!1020525VGNetwork.it