Grand Theft Auto V

Per far crescere l’hype alle stelle a volte basta un annuncio
Scritto da Vincenzo “Enea” Casconeil 16 novembre 2011
Grand Theft Auto V Anteprima

Data l’importanza di un brand come quello di Grand Theft Auto, c’era da aspettarselo, prima o poi. Negli ultimi giorni del mese scorso, Rockstar sul proprio sito web annunciava per il 2 novembre (18:00 ore italiana) un trailer per Grand Theft Auto V, prossima incarnazione di una delle serie videoludiche di maggiori successo (numeri impressionanti: si parla di un totale di circa 66 milioni di copie a partire da lontano ’97). Sulla homepage del sito in cui si pubblicava l’annuncio, un semplice sfondo nero metteva in risalto il logo del gioco, che proprio lì faceva la sua prima apparizione.Informazioni quasi nulle, giunte praticamente a sorpresa, eppure tanto è bastato per far sì che le migliaia di appassionati mettessero in moto la macchina dei rumors e delle speculazioni. In mancanza di altri elementi che potessero solleticare la fantasia dei fan, l’attenzione si è concentrata sul logo proposto da Rockstar, in particolare sul font utilizzato per rappresentare il “V”: non più un classico e sobrio bianco e nero, come ci avevano sempre abituati, ma uno stile più sinuoso che fa tanto “gangsta”, come i migliori graffiti sui muri della Los Santos di San Andreas.Solo una coincidenza? O un indizio nemmeno troppo velato della location del prossimo capitolo della serie? Si sarebbe trattato di un ritorno a San Andreas, quindi? Le indiscrezioni sono rimbalzate da una parte all’altra, mentre il 2 novembre si avvicinava. 

 

La cura per il dettaglio sembra aumentata ulteriormente

È chiaro: si ritorna a Los Santos!

Puntuale e preciso, come annunciato il trailer è stato pubblicato sul sito ufficiale della software house americana. Ma non indugiamo ulteriormente:

 

IFrame

Tutto si apre con un suggestivo scorcio di una soleggiata spiaggia illuminata da un sole al tramonto, per poi spostarsi su un lungomare trafficato da amanti dello jogging; l’inquadratura, quindi, si alza a mostrare una skyline tutta grattacieli in lontananza, con tante palme in primo piano. Con l’hype a mille, a primo impatto tanti (e tra i tanti anche chi scrive, ndr.) avranno pensato alle indimenticabili atmosfere di Gta: Vice City, grandiosa riproposizione in chiave videoludica di MiamiMa è la restante parte del trailer a smentire la prima impressione: pale eoliche in collina, provetti scalatori alle pendici di una montagna, ambientazioni urbane tutte rampe, sottopassaggi e graffiti. Senza dimenticare i tanti piccoli dettagli (indicazioni autostradali, targhe e stemma delle auto della polizia) che lasciano adito a ben pochi dubbi: si ritorna a Los Santos! Farà da cornice alle nostre prossime avventure criminali, quindi, proprio la versione di Los Angeles in stile GTA proposta al grande pubblico per la prima volta nell’ottobre 2004 con la pubblicazione dell’ultimo capitolo per le console old gen. Le speculazioni dei fan, insomma, si sono rivelate piuttosto fondate, ma urge una precisazione non di poco conto: come la Liberty City di GTA IV è diversa da quella di GTA III, così la Los Santos di GTA V sarà diversa da quella di San Andreas. Per quello che ci è dato sapere al momento, avremo una ricostruzione della “città degli angeli” che dal passato pescherà a piene mani solo per quanto riguarda l’atmosfera generale, affidandosi alle nuove possibilità offerte dai progressi tecnologici di un lustro. Indicazioni sulla location a parte, il trailer è stato un incredibile carburante per quella macchina di rumors e speculazioni varie cui si accennava prima: tante sono le domande alle quali il filmato non ha dato una risposta precisa (tra tutte: ci sarà la sola Los Santos o l’intera San Andreas?). Anzi, sembra quasi che ne abbia fatti venire di nuovi, di dubbi.

 


Chi prenderà il posto di Niko?

Rockstar ci ha sempre abituato bene in fatto di protagonisti dei suoi GTA: negli anni abbiamo avuto modo di scrivere le storie di personaggi molto diversi tra loro per personalità e background, criminali chi per caso chi per vocazione, dal passato sempre duro e mai banale.Nonostante il primo trailer, i dettagli sul protagonista del prossimo GTA sono ancora piuttosto fumosi: la voce narrante accenna ad un passato di criminalità dal quale ha cercato di svincolarsi, trasferendosi a Los Santos con la speranza di cambiare vita, magari di diventare un buon padre di famiglia.Ma si sa: il passato viene sempre a cercarti. Evidentemente qualcosa nel piano dell’ancora misterioso erede di Niko Bellic deve essere andato storto, se si ritrova ad essere il protagonista della serie videoludica criminale più amata. Le indiscrezioni, ovviamente, non si sono sprecate neppure sulla sua identità: il maggior indiziato sarebbe il quarantenne brizzolato che fa capolino per tre volte nel trailer.Se così fosse, chi potrebbe mai essere? In mancanza di informazioni più sicure, è lecito che i fan sognino ad occhi aperti: e se fosse il grande ritorno di Tommy Vercetti (protagonista di Gta: Vice City, ndr.)? La descrizione corrisponderebbe: uomo di mezz’età, ben piazzato, con un già oscuro passato da lasciarsi alle spalle. E un’aria da duro di chi sembra appena uscito da una puntata de “I Soprano”.Ma c’è chi va ancora oltre con l’immaginazione, proponendo un’innovazione per il gameplay della serie: personaggi giocabili multipli. Ovvero, nello specifico, i tre bravi ragazzi (il redivivo Tommy Vercetti e altri suoi compari?) che si mostrano durante un’entrata scenica sotto le spoglie di impiegati di un’impresa di pulizie. Per il prestigio e l’importanza di un titolo del genere, in teoria potremmo aspettarci anche una trovata del genere, per un progetto sul quale Rockstar non nasconde minimamente di puntare moltissimo (perché non dovrebbe, poi?)


“The most ambitious game Rockstar has yet created"

 

E se a dirlo è la stessa Rockstar, c’è da crederci. A pochi giorni di distanza dalla pubblicazione del trailer di debutto, infatti, ecco arrivare il comunicato ufficiale: il nuovo capitolo della serie ci riporta nella città di Los Santos, “con le sue colline, la campagna e le spiagge circostanti, nel più grande e ambizioso gioco che Rockstar abbia mai creato”. Ma come? Ci sarà solo la città di Los Santos? E le varie San Fierro e Las Venturas di Gta: San Andreas? Stando alle poche informazioni rilasciate dalla software house, nel prossimo GTA non dovrebbe essere riproposta per intero la San Andreas che abbiamo imparato a conoscere ed amare dall’ottobre 2004. Un passo indietro, dunque? Ma assolutamente no: le notizie che circolano sulla rete parlano di un’ambientazione di gioco curatissima fin nei dettagli, impreziosita da una grafica in alta definizione di primissimo livello (e il trailer di debutto, in questo senso, ne è stato un piccolo, ma già succoso assaggio), per una mappa che comprenderà non solo il complesso reticolo urbano e sub-urbano di Los Santos, ma anche chilometri di spiagge, montagne da scalare, foreste e campagne da esplorare. Si parla di un’estensione straordinaria, un qualcosa di inimmaginabile fin ora e che spremerà fino al limite l’hardware delle console dell’attuale generazione: con un’estensione pari a circa quattro volte la Liberty City di Gta IV, come non potrebbe essere altrimenti?

 


Ma tanto ancora deve essere svelato…

… a partire dalla data di uscita. Dal momento che tutto tace in casa Rockstar, i fan devono ancora una volta affidarsi a supposizioni varie e, forse, hanno trovato un prezioso alleato: l’uomo che a circa la metà del trailer picchetta il cartello “For Sale” davanti una villetta. I più attenti hanno immediatamente notato una serie di numeri sul margine del marciapiede: 2405. Inutile dire che le supposizioni riguardo la natura di questi numeri si sono sprecate: che Rockstar voglia far uscire il suo annunciato capolavoro il 24 maggio 2012? Non sarebbe una scelta nuova da parte di una casa che ha pubblicato GTA IV, Red Dead Redemption e L.A. Noire in quello stesso periodo dell’anno. I più scettici frenano, ricordando sia che la notazione americana delle date prevede l’utilizzo dell’indicazione del mese prima e solo dopo quella del giorno, sia che appena pochi mesi prima sarà pubblicato un certo Max Payne 3. Che quei numeri non abbiano nessun significato recondito, quindi? Ancora presto per dirlo. Così come è ancora presto per rispondere ai mille quesiti e curiosità venuti fuori in questi giorni, complici anche una serie di dichiarazioni da parte di alcuni giornalisti che assicurano di aver già provato il gioco in totale segretezza e la circolazione di un presunto screenshot della mappa di gioco (ma su questo non ci sono dubbi: è un fake).Quando potremo saperne di più? Ancora una volta, Rockstar preferisce mantenersi in basso profilo. Ma c’è chi, immancabilmente, ha fatto congetture anche su questo: e se la data di pubblicazione del prossimo trailer non sia proprio indicata da quei numeri sul margine del marciapiede?

Grand Theft Auto: Episodes from Liberty City ( X360 )Nell'attesa perché non riprendere l'ultimo ottimo capitolo della serie?
Grand Theft Auto: San Andreas ( PS2 )Rispolverare le vecchia Los Santos sarebbe un buon modo per ingannare l’attesa.
SCHEDAGIOCO
Cover Grand Theft Auto V

Grand Theft Auto V

Scheda completa...
Grand Theft Auto V2011-11-16 14:51:26http://www.vgnetwork.it/anteprime/grand-theft-auto-v/Per far crescere l’hype alle stelle a volte basta un annuncio1020525VGNetwork.it