Mass Effect 3

Shephard & Co. ancora una volta in pericolo!
Scritto da Mailil 18 maggio 2011
Mass Effect 3 Anteprima

Poche serie di videogiochi nella storia di questo medium d’intrattenimento sono riuscite ad accrescere costantemente la propria notorietà, il proprio bacino d’utenza e in generale l’hype che gravita intorno ad ogni titolo annunciato o in procinto di uscire; sicuramente la serie di Mass Effect è una di queste. Da subito entrata nel cuore dei videogiocatori con il primo capitolo, i ragazzi di Bioware sono riusciti a riconfermarsi con Mass Effect 2 nonostante il gioco portasse con sé un numero massiccio di cambiamenti. Oltre ad essere una serie di grande successo, è anche uno di quei pochi brand maggiormente attesi non tanto per le novità di gameplay o per le innovazioni tecnologiche, quanto piuttosto per sapere, e soprattutto essere protagonisti, dello svolgimento della trama, che ha appassionato tutti fin dalla prima ora di gioco.

Quando un videogioco o una serie riesce a raggiungere questo obiettivo si può tranquillamente dire che non ci siano altri traguardi da raggiungere, se non quello di riconfermarsi; cosa di certo non semplice. Entriamo dunque nel merito di Mass Effect 3, titolo atteso per i primi mesi del 2012 sulle solite piattaforme ma già circondato da una moltitudine di fan sbavanti.


L’Avvento

Come prima cosa vogliamo darvi alcuni ragguagli sugli ultimi sviluppi della trama che, dopo la fine di Mass Effect 2, ha trovato una breve continuazione con il DLC “L’Avvento” uscito poco tempo fa. Questo contenuto scaricabile fa da ponte di collegamento tra gli eventi del secondo capitolo e quelli del terzo. Se avete intenzione di acquistare a breve questo DLC potete tranquillamente saltare questa parte di anteprima, altrimenti, se volete sapere in dettaglio gli avvenimenti in “L’Avvento” continuate a leggere.

Veniamo contattati dal Generale Hackett per una missione di salvataggio; il nostro obiettivo è una scienziata rapita e imprigionata su un pianeta sperduto. Il comandante Shepard, sceso sul pianeta da solo, s’infiltra nella prigione e riesce a salvare la dottoressa mentre la stanno torturando. Nel riportarla al suo laboratorio la donna lo informa di possedere le prove di un’imminente invasione dei Razziatori, che dovrebbero invadere la galassia attraverso un portale galattico. Per fermare questa imminente catastrofe la dottoressa avanza l’ipotesi della distruzione del portale galattico per mezzo di un asteroide su cui sono stati applicati grandi motori per farlo muovere. Arrivati a destinazione Shepard realizza che la dottoressa è sotto il controllo di un particolare oggetto attribuito ai Razziatori che in effetti prende il sopravvento sulla donna, la quale tenta di eliminare fisicamente Shepard. Dopo uno scontro con alcune guardie Shepard non riesce a resistere e cade prigioniero della dottoressa il quale lo tiene sedato due giorni. Al suo risveglio Shepard riesce a liberarsi dalla prigionia e a recuperare il suo equipaggiamento.

Accortosi che l’invasione sarebbe cominciata entro poche ore si appresta ad avviare il progetto di distruzione del portale che aveva appreso dalla dottoressa, la quale però tenta in tutti i modi di ostacolarlo considerando l’avvento dei Razziatori come un fatto positivo. Dopo vari scontri armati Shepard riesce ad avviare i motori dell’asteroide e a scappare grazie all’aiuto dell’equipaggio della Normandy. Poco prima di fuggire, un Razziatore, attraverso un ologramma, comunica con Shepard dicendogli che sarebbero arrivati lo stesso a distruggere la galassia, anche senza passare per il portale galattico. Alla fine il portale viene completamente distrutto e l’esplosione causa la scomparsa di un intero sistema di pianeti, con centinaia di migliaia di vittime civili. La distruzione del portale non costituisce la fine della minaccia dei Razziatori ma offre sicuramente un po’ di tempo in più alle civiltà della galassia per prepararsi allo scontro imminente.


Ritorno sulla Terra

Una delle principali novità di Mass Effect 3 è che finalmente si potrà atterrare sulla cara vecchia Terra, certamente non nelle condizioni in cui la conosciamo ora, ma prevalentemente distrutta e poco abitata. Sul nostro pianeta, infatti, si combatterà quasi certamente una parte dello scontro finale con i Razziatori i quali minacciano di cancellare dalla galassia qualsiasi tipo di forma di vita senziente. Sicuramente la lotta non si limiterà al nostro pianeta ma comprenderà, come nei capitoli precedenti, tanti altri pianeti sparsi per una miriade di ammassi e di sistemi, molto più numerosi di quelli di Mass Effect 2.

Lo svolgimento della trama sarà sempre caratterizzata dalle nostre scelte, sia quelle passate (attraverso il caricamento dei precedenti salvataggi) sia quelle prese direttamente all’interno di Mass Effect 3. Per stessa ammissione di Bioware, nulla nella storia sarà guidato o indirizzato, ogni giocatore creerà la sua storia, il suo intreccio. Questa apertura comporta un’alta probabilità di cominciare una nuova partita dopo la prima, per provare strade diverse, per raggiungere un altro finale (perché saranno più di uno). I personaggi presenti negli episodi precedenti ritorneranno al nostro fianco, tranne quelli che ovviamente non sono sopravvissuti nelle vostre partite, ma verranno introdotte altre personalità tutte da scoprire. Come accadde con il secondo capitolo, anche nel terzo si potrà assistere ad un riassunto generale degli avvenimenti degli episodi precedenti sotto forma di fumetto, nel quale, in mancanza dei vecchi salvataggi, potremo fare delle scelte per determinare l’inizio del terzo capitolo.

Bioware ha dato anche alcuni dettagli sulla trama del terzo capitolo che vedrà il comandante Shepard combattere contro la stessa organizzazione per la quale ha lavorato nel secondo episodio, Cerberus, intenzionata ad assassinarlo. In Mass Effect 3 sarà inoltre possibile instaurare alleanze con altre razze e civiltà aliene e questi rapporti potranno cambiare durante il corso della storia in seguito alle nostre azioni, che potrebbero favorire una razza ma penalizzarne un’altra.


Armi e pugni

Parlando delle novità di gameplay finora note, Bioware ha definito Mass Effect 3 come una via di mezzo tra il gameplay molto ruolistico del primo episodio e l’approccio molto più vicino ad uno sparatutto in terza persona tipico di Mass Effect 2. Quindi dovremo attenderci una giocabilità votata all’azione immediata e senza fronzoli ma con un’integrazione maggiore dei classici elementi dei giochi di ruolo, quindi con alberi di abilità, valori e statistiche. Per il resto la componente fondamentale per un gioco di ruolo, il dialogo con gli altri personaggi, che non è mai mancata nella serie, sarà preponderante anche in Mass Effect 3, anche se al momento Bioware non ha rilasciato notizie su questo aspetto del gioco. La cosa certa è che il team di sviluppo ha intenzione di dare maggiore risalto al combattimento, sia esso in mischia o con armi di vario tipo. Soprattutto il combattimento in mischia sarà sottoposto ad un forte rinnovamento e svolgerà un ruolo di maggiore importanza negli scontri, sicuramente più di quanto non fosse nei primi due episodi. A quanto detto dagli sviluppatori ogni classe presente nel gioco avrà una sua mossa da corpo a corpo personalizzata. Il comparto armi, che è sempre stato molto vasto e ricco, manterrà questa sua caratteristica ma si concentrerà maggiormente sui potenziamenti e sugli aggiornamenti che potranno anche essere combinati assieme per ottenere ogni volta dei diversi effetti sul nemico. Per la precisione ogni arma sarà potenziabile nel mirino, nel tamburo e nell’impugnatura; ogni upgrade porterà con sé vari vantaggi rendendo certe armi più utili in diverse situazioni di combattimento e su diversi tipi di nemici. Pare che le armi da fuoco potranno essere personalizzate anche cromaticamente, giusto per sfizio.

Il comandante Shepard sarà quanto mai agile e scattante visto che verranno introdotti il salto e la capriola, il primo per muoversi meglio tra gli ambienti, il secondo per schivare colpi. Il sistema di copertura rimarrà sempre lo stesso visto in Mass Effect 2 ma si potrà sparare alla cieca da dietro gli angoli e si potrà saltare da una copertura ad un’altra, favorendo così un movimento più tattico e cauto. Le ultime news parlano anche della possibilità di raccogliere le armi dei nemici cadute a terra e della capacità di impugnare qualsiasi arma, di qualunque genere, per noi e per ogni personaggio del nostro equipaggio, senza limitazioni di classe. Sembra inoltre che in alcuni fasi di gioco potremo anche fare uso di un potente Mech da guerra, il che non guasta mai. Per il multiplayer Bioware ha fatto sapere che non sarà presente nemmeno in Mass Effect 3, e ciò di certo non ci traumatizza vista la struttura e l’impostazione del gioco che si basa esclusivamente su un’esperienza in singolo che può rivelarsi anche completamente diversa in una seconda o terza partita. Questa esclusione del multigiocatore però non ne preclude un eventuale spin-off dotato appunto di multiplayer, ma questo è un altro discorso.

Manca ancora parecchio all’uscita di Mass Effect 3 nei negozi ma già da ora non vediamo l’ora che arrivi, prima di tutto per scoprire “come va a finire” e secondo perché Bioware è riuscita, con i due episodi precedenti, a farci affezionare talmente tanto, sia ai personaggi che al mondo di gioco, da avvertire la mancanza di un titolo del genere quando effettivamente non ci si sta giocando. Inconsciamente o meno vogliamo essere testimoni della fine ma, allo stesso tempo, non vogliamo che la serie si concluda per sempre.

Intanto aspettiamo.

Mass Effect ( X360 )In una serie importante come questa bisogna sempre partire dall’inizio.
Mass Effect 2 ( PC )Nell’attesa di un titolo come Mass Effect 3 non si può far altro che giocare con Mass Effect 2.
SCHEDAGIOCO
Cover Mass Effect 3

Mass Effect 3

Scheda completa...
Mass Effect 32011-05-18 12:44:32http://www.vgnetwork.it/anteprime/mass-effect-3/Shephard & Co. ancora una volta in pericolo!1020525VGNetwork.it