Minecraft

Analisi di un fenomeno di massa
Scritto da Mailil 02 maggio 2011
Minecraft Anteprima

Sul nostro sito ci siamo spesso occupati di giochi indie. Per chi non ne fosse al corrente i videogiochi indie (dove ‘indie’ sta per indipendenti) sono quei prodotti creati da sviluppatori non di professione o realizzati con pochissime risorse. Questi prodotti, solitamente, non godono di grandi campagne pubblicitarie o di un produttore internazionale alle spalle che può assicurare ogni tipo di supporto sia tecnico che economico.Questi giochi vengono distribuiti per lo più attraverso canali digitali, come Steam, XBLA o PlayStation Network e il loro prezzo è mediamente ridotto.Spesso ci capita di riportare notizie di giochi indie che sbaragliano tutte le classifiche, alle volte polverizzando le produzioni AAA, e riescono a vendere un numero ragguardevole di copie tale da poter finanziare agli sviluppatori un secondo titolo.In altri casi abbiamo assistito a dei veri fenomeni di massa che, oltre a finanziare nuovi progetti agli sviluppatori indipendenti, hanno permesso a questi ultimi di fondare una software house vera e propria, con tanto di uffici e dipendenti. Questo è il caso di Mojang.Questo studio svedese è stato fondato da Markus Persson che, in conseguenza del successo strepitoso che ha avuto e che sta avendo ancora il suo Minecraft, ha deciso di fondare questo studio per perseguire il suo sogno di diventare sviluppatore di videogiochi.In questa sede noi vogliamo parlare proprio di Minecraft, un gioco nato dalla mente di una sola persona in un giorno di Maggio del 2009 e che ad oggi ha già fatturato milioni di dollari.


Dalle stalle…

Minecraft, come vi abbiamo anticipato, è un gioco pensato da Markus Persson che ha cominciato a svilupparlo da solo circa a partire dal Maggio 2009.Quando il gioco raggiunse in livello di sviluppo tale da poter essere giocato decise di renderlo disponibile al pubblico sotto un corrispettivo economico esiguo, visto e considerato che il gioco era in fase alpha, quindi ancora molto incompleto e ricco di bug. Il gioco ebbe un tale successo che, con l’aumentare degli utenti, aumentavano anche gli introiti i quali permisero a Persson di abbandonare il proprio lavoro precedente per dedicarsi a tempo pieno allo sviluppo di Minecraft, riuscendo inoltre a fondare una compagnia, Mojang, e ad assumere alcuni dipendenti che lo aiutassero nel completamento del progetto.Da allora Minecraft è passato attraverso numerose fasi, ad oggi il client del gioco è in beta 1.5 e lo stesso Persson prevede di decretare la fine dei lavori il prossimo Novembre.


Minecraft: il prototipo dei sandbox

Quando parliamo di un gioco sandbox intendiamo un prodotto che permette al giocatore di esplorare vasti territori, di decidere autonomamente come, quando e cosa fare, avendo dunque il minor numero di costrizioni possibile, solitamente dettate dall’intreccio narrativo e dai limiti tecnici.Ora immaginate di prendere un gioco del genere e levare qualsiasi tipo di trama o storia da seguire, ed otterrete un sandbox puro, limitato esclusivamente dalla tecnica (visto che non si può sviluppare un gioco illimitato).Se dovessimo dunque inserire Minecraft all’interno di un genere lo definiremmo sicuramente un sandbox, anche se le classificazioni, per questo gioco, sembrano alquanto limitanti.In Minecraft sarete immersi all’interno di un mondo dannatamente vasto, creato casualmente ad ogni nuova partita, costituito da terra, sabbia, roccia, laghi e mari, montagne e colline, grotte e caverne, foreste e deserti, e chi più ne ha più ne metta.All’interno di tale ambiente naturale il nostro unico scopo sarà quello di sopravvivere. Per un nuovo giocatore di Minecraft il primo impatto potrà sembrare abbastanza traumatico visto che nessuno lo informerà su cosa fare e soprattutto su come farlo.Girovagando per la mappa la prima cosa a cui pensare sarà quella di raccogliere delle materie prime per costruire un rifugio per la notte. Potremo dunque raccogliere il legno dagli alberi, e attraverso questo legno costruirci una piccola capanna che sarà la nostra protezione qualora cali il buio visto e considerato che di notte, nel mondo di Minecraft, prendono vita vari mostri che vorranno solamente toglierci di mezzo.Tutto il gioco si basa su una struttura a cubi. Ogni elemento del mondo è costituito da un cubo apposito che non faremo fatica a riconoscere e distinguere dagli altri.Ci risulta abbastanza difficile fare una descrizione generale di Minecraft attraverso le parole, per darvi un’idea a grandi linee di ciò che intendiamo potete immaginarvi una specie di gioco basato sui LEGO nel quale però i pezzi sono costituiti da risorse naturali che noi dovremo raccogliere, plasmare, modificare ed assemblare a nostro piacimento.All’interno di Minecraft le cose da fare possono essere davvero tante. Dopo aver superato la prima notte sarà il caso di costruirsi degli attrezzi da lavoro, per facilitare le varie operazioni di raccolta. Il sistema di crafting di Minecraft è quanto mai intuitivo ed immediato. Attraverso il nostro inventario avremo a disposizione uno slot con quattro caselle attraverso le quali, con quattro cubi di legno pregiato, potremo ottenere un tavolo da lavoro. Col tavolo da lavoro avremo a disposizione nove caselle con le quali creare oggetti più complessi che richiedono un maggior numero di materiali.Sarà quindi il caso di costruire un piccone per spaccare la roccia, una pala per scavare, un’ascia per raccogliere più velocemente il legno e volendo anche una zappa per togliere l’erba e ricavare semi da coltivazione. Questi attrezzi potranno essere costruiti completamente in legno, ma saranno velocemente deperibili, oppure in altri materiali più efficaci e duraturi come la pietra, il ferro, l’oro o il diamante. Si potranno costruire anche altri attrezzi di diversa tipologia, come spade, archi, canne da pesca, selle, e tanto altro ancora.Una volta creato tutto ciò di cui abbiamo bisogno per sopravvivere sarà il caso di andare a procurarci del cibo. Nelle mappe di Minecraft saranno presenti diversi animali che potranno avere diversi utilizzi: dalle pecore potremo trarre la lana, dalle mucca la pelle e il latte, dai maiali il cibo, ma saranno presenti anche animali di diversa funzione ed utilità come i lupi (che potranno diventare nostri compagni fidati con qualche osso), piovre ricche di inchiostro, galline che possono darci uova e piume, ed anche pesci.


In alto e in basso

Apprese le principali tecniche di sopravvivenza e le più comuni ricette per il crafting sarà la volta di dedicarsi alla costruzione o agli scavi. Alle volte le due cose saranno legate tra di loro in quanto i materiali utili per la costruzione potranno essere ricavati solamente attraverso gli scavi nel terreno. Sarà decisamente meglio costruire la propria casa, castello, bunker, o condominio che sia con materiali solidi come la pietra, la quale però si ricaverà solamente spaccando con il piccone la roccia viva del sottosuolo o delle montagne.Parlando di scavi si entra in una delle caratteristiche principali di Minecraft, che nelle profondità del terreno ospita numerose gallerie, grotte e caverne naturali, di dimensioni variabili (ci è capitato di trovarne anche di gigantesche e variamente diramate) le quali costituiscono croce e delizia dei minatori in erba in quanto possono racchiudere grandi quantità di materiali grezzi come il ferro, il carbone, l’oro, i diamanti, i lapislazzuli ed altro ancora, come possono rivelarsi delle tombe in quanto sono dei posti pericolosi prima di tutto per la presenza massiccia dei mostri che vagano sotto la superficie di notte e in secondo luogo per le irregolarità e le asperità presenti che comportano diversi rischi, come grosse voragini, laghi di lava o trappole piene d’acqua in cui è facile annegare.Resta il fatto che l’esplorazione di sistemi di caverne è sempre qualcosa di emozionante in quanto non si sa mai a cosa si va incontro, quali strutture dovremo affrontare o quali pericoli dovremo combattere.I metalli grezzi raccolti nelle miniere potranno essere sfruttati soltanto dopo averli trasformati in lingotti con la fusione all’interno delle fornaci (utili anche per cuocere il cibo) che dovremo alimentare a legno o carbone. Ottenuti i lingotti potremo farne scorta creando dei cubi facilmente immagazzinabili negli armadietti o potremo utilizzarli per costruire i nostri oggetti.L’altro elemento costitutivo di Minecraft è la costruzione. Con tutte le nostre risorse potremo davvero sbizzarrirci elevando strutture altissime o larghissime, case semplici dotate di tutti i comfort o grandi palazzi, disposti su più piani dotati di un panorama eccezionale. Potremo creare vere e proprie città, cosa che avviene normalmente all’interno dei server multiplayer, o riproduzioni in scala di edifici realmente esistenti. Potremo anche dare libero sfogo alla fantasia creando cose assolutamente inutili ma belle da vedere come gigantesche sculture, scritte tridimensionali, velieri sull’acqua, fari, ponti, scalinate, eccetera. I materiali da costruzione potranno essere vari, più o meno solidi, si va dalla sabbia che crolla facilmente fino alla solidissima ossidiana, ottenibile esclusivamente versando acqua nella lava ferma e spaccando il blocco con un piccone di diamante. Le ricette di crafting comprendono molti oggetti utili per abbellire le proprie abitazioni, come cubi di vetro, letti, juke box, armadietti, quadri, staccionate, scale, eccetera.In definitiva spenderete molto del vostro tempo in queste due attività che rappresentano la gran parte del divertimento di Minecraft, nonostante esistano altre attività.


Tra zombi e creepers

I mostri di cui abbiamo accennato in precedenza, dai quali bisogna difendersi durante la notte in superficie ma sempre presenti nelle caverne, sono di diverse tipologie. Vanno dai più innocui zombi che tenteranno di colpirci avvicinandosi lentamente, passando per gli scheletri dotati di arco e frecce. Ne esistono altri tra cui due che possono trovarsi anche in superficie di giorno: i ragni giganti e i creepers. I primi sono grossi ragni salterini da cui potremo ottenere la tela per costruire archi e canne da pesca, mentre i secondi sono i mostri più terrificanti e bastardi di tutto Minecraft. Terrificanti non per l’aspetto o perché facciano paura ma per la pericolosità estrema che costituiscono per noi e soprattutto per le nostre costruzioni. I creepers sono delle specie di cespuglioni ambulanti che tenteranno di avvicinarsi abbastanza a noi per poi farsi esplodere, dei kamikaze nel vero senso della parola. Le esplosioni che causano sono abbastanza potenti e possono ucciderci in un colpo solo se non siamo adeguatamente protetti. La loro capacità di coglierci di sorpresa metterà a serio rischio la nostra incolumità ma anche l’integrità delle nostre costruzioni se esploderanno vicino ad esse. I creepers si rivelano letali quando incontrati nei meandri di una caverna, dove risulta difficoltoso scappare in tempo e dove, in caso di decesso, lasceremo a terra tutti i nostri oggetti dell’inventario, cosa che spesso significa perderli definitivamente in quanto scavare a lungo all’interno di arzigogolate caverne ci farà perdere in breve tempo il senso dell’orientamento e quindi anche la strada corretta per raggiungere i nostri averi perduti una volta rinati nel nostro punto di respawn.


Il multiplayer del minatore

Il client di Minecraft, nonostante sia ancora in fase beta, offre la possibilità di allestire un server nel quale ospitare diversi giocatori che potranno cooperare per creare tutto quello di cui abbiamo parlato sopra in un mondo perenne, nel quale le nostre modifiche, le nostre opere, i nostri scavi, rimarranno impressi e salvati nella mappa, previe modifiche. I server multiplayer, se ben organizzati e regolamentati, possono dare vita a vere e proprie città ricche di case ed edifici dove ognuno può stabilire la propria dimora, a gilde e fazioni che possono entrare in guerra tra di loro, o comunque a tante di quelle attività collettive impossibili da realizzare nel single player.Con il progresso dello sviluppo di Minecraft e il miglioramento di tanti aspetti che devono essere ancora riveduti, il multiplayer potrebbe diventare effettivamente qualcosa di enorme, perché contempla l’infinito gameplay del single player e lo moltiplica per tutti i giocatori presenti sul server, aggiungendo divertimento a divertimento.Vagare su una mappa di un server multiplayer e incontrare qualche altro giocatore o ammirare le costruzioni fatte e abbandonate da altri player ha un che di avventuroso e allo stesso tempo misterioso, sensazione purtroppo assente in single player.Noi in questa anteprima, che assomiglia più ad una recensione visto che parliamo di un titolo che si può giocare già da parecchio tempo, abbiamo tentato in tutti i modi di riuscire a veicolarvi un’idea generale di ciò che è Minecraft, un gioco enorme che richiederebbe un libro intero per spiegare e contemplare tutto ciò che è possibile realizzare. Nonostante tutte le nostre parole abbiamo forzatamente trascurato una quantità elevatissima di elementi come i cambiamenti atmosferici, il fuoco, i trasporti, la redstone (con la quale si possono creare veri e propri circuiti elettrici funzionanti), le centinaia di ricette di crafting, le torce, le barche, la coltivazione, i portali, i mod e tanto altro ancora.Il nostro invito è quello di fare una semplice ricerca su Youtube per visualizzare le quantità di video presenti sul gioco e delle opere monumentali realizzate dalla comunità, magari vi convincerete anche voi ad entrare nella grande comunità di minatori in attesa del completamento di Minecraft che porterà con sé tantissime altre novità.

SCHEDAGIOCO
Cover Minecraft

Minecraft

Scheda completa...
Minecraft2011-05-02 09:00:00http://www.vgnetwork.it/anteprime/minecraft/Analisi di un fenomeno di massa1020525VGNetwork.it