Project CARS

Il simulatore di guida ad un altro livello
Scritto da Mail@ Ninoethan95il 06 maggio 2014
Project CARS Anteprima

Di simulatori di guida sul mercato ne abbiamo ormai svariati, primi tra tutti Gran Turismo e Forza Motorsport, rispettivamente di Sony e Microsoft. Quindi vi starete chiedendo perché tenere d'occhio Project CARS.; il fatto è molto semplice: al timone troviamo i ragazzi di Slightly Mad Studios, gli stessi dei due Need for Speed: Shift e del più recente Test Drive: Ferrari Racing Legends. Ma se questo non dovesse bastarvi, i ragazzi londinesi promettono l'esperienza simulativa più realistica che abbiate mai provato, dimostrandolo con i fatti. Non ci credete? Continuate a leggere per potervi ricredere. 


Il Dream Team perfetto

Una delle principali particolarità di Project CARS è quella di essere il primo progetto sviluppato attraverso la piattaforma "World of Mass Development", per gli amici WMD, ovvero una community in cui il gioco viene sviluppato in stretta collaborazione con l'utenza, che finanzia direttamente il titolo, bypassando così i soliti costi di sviluppo; una sorta di Kickstarter si potrebbe azzardare a dire, con la particolarità che, a gioco finito, il 70% dei guadagni verrà distribuito tra tutti coloro che hanno dato un contributo alla crescita del gioco. A questo punto dello sviluppo le iscrizioni sono ormai chiuse, ma tutti coloro che hanno avuto modo di finanziare il gioco ed entrare nel progetto hanno avuto modo di provare ogni nuova build rilasciata da Slightly Mad Studios, dando importanti feedback agli sviluppatori, a volte dialogando direttamente con loro presenziando ai meeting organizzati. 

È poi possibile mantenersi costantemente aggiornati tramite il sito ufficiale del WMD, in cui è possibile apprendere che il team sta lavorando per portare il pieno supporto al Project Morpheus di Sony, il casco a realtà aumentata, che garantirà il salto di qualità nell'ambito simulativo, portando l'immersività ad un altro livello.


Tanta simulazione, tante modalità, e cuore custom

Il beneficio di lavorare direttamente con l'utenza è quello di ascoltarne i commenti e i consigli, affinché la propria creatura cresca in modo rigoglioso. Ed è proprio questa la filosofia abbracciata da Slightly Mad Studios che con Project CARS proporrà ai videogiocatori svariate modalità di gioco; dall classica modalità carriera, che partirà in modo realistico dalle basi con i kart per poi scegliere tra Turismo, Ruote Scoperte, GT e Stock Car, passando poi per le onnipresenti sfide a tempo, con cui poter rivaleggiare con i propri amici e avversari online, e confrontarne i punteggi. Oltre a queste saranno presenti contenuti condivisibili, competizioni multiplayer, eventi unici costruiti ad hoc, e tanto altro che rimane ancora una sorpresa. Per quanto riguarda il numero di tracciati non possono mancare circuiti come quelli del Mugello, Laguna Seca, Monza, Silverstone, nonché i tracciati dedicati esclusivamente ai kart come il Dubai Kartdrome, Summerton, e tanti altri, per un totale di oltre 35 tracciati al lancio, per poi essere estesi ad un numero superiore con i consueti DLC.
Ma che simulatore sarebbe senza un comparto tecnico adeguato? Il problema qui non si pone in quanto Project CARS si avvale dell'ultima versione del Madness Engine, motore grafico sviluppato direttamente dai ragazzi londinesi, che permette l'implementazione di una IA realistica e reattiva, una fisica del mondo e degli oggetti avanzata, un sistema di guida dinamico e realisitico, ed un sistema meteo variabile che al suo variare rimescolerà le regole della sfida, dando la possibilità ai videogiocatori di affermarsi rispetto gli avversari. 
Tornando ad inizio articolo, l'aver citato i due capitoli di Need fo Speed: Shift non è stato un caso, proprio perché il cuore custom della serie torna a farsi sentire all'interno di Project CARS, seppur in modo più ristretto (parliamo sempre di un simulatore di guida, ndr.), permettendo ai videogiocatori di modificare le livree dei veicoli, creandone di personalizzate, e creare motori elaborati di prim'ordine. Insomma, di carne al fuoco ne abbiamo parecchia.

Confronto tra realtà e versioni

Parlando ora puramente in termini numerici, sappiamo che Project CARS. è atteso per il mese di novembre su PS4, Xbox One, Wii U (esatto, c'è anche il Wii U), e PC, dove i protagonisti saranno interpretati da PS4, e ovviamente dal PC, dove il divario con la console giapponese non è così marcato come ci si aspetterebbe, secondo le parole di Slightly Mad Studios, e dai numerosi video ed immagini che abbiamo potuto visionare nel corso dei mesi. 
Inoltre, per i patiti della grafica, il Madness Engine, come detto nel paragrafo precedente, riesce a gestire i modelli delle macchine (in ogni loro minimo particolare) e della fisica del mondo di gioco in modo impressionante, talmente impressionante che la differenza tra finzione e realtà è quasi indistinguibile; aggiungete il pieno supporto a tecnologie quali Oculus Rift e Project Morpheus, cosicché la vostra percezione del mondo di gioco non sarà più la stessa. 
Slightly Mad Studios ha tutte le carte in regola per proporre una vera ventata di aria fresca nel genere, portando l'esperienza simulativa ad un altro livello. Da tenere sott'occhio.
ASPETTATIVA4/5
Forza Motorsport 5Al momento la miglior scelta in campo simulativo su Xbox One.
Gran Turismo 6Come non citare la storica serie di Gran Turismo arrivata alla sua sesta incarnazione su PS3? Esatto, è impossibile non farlo.
SCHEDAGIOCO
Cover Project CARS

Project CARS

Scheda completa...
Project CARS2014-05-06 15:00:00http://www.vgnetwork.it/anteprime/project-cars/Il simulatore di guida ad un altro livello1020525VGNetwork.it