Silent Hill: Downpour

La nebbia è pronta ad avvolgerci per l’ottava volta.
Scritto da @ Dagheloril 22 marzo 2011
Silent Hill: Downpour Anteprima

Raggiungere l’ottavo capitolo, per un brand, vuol dire dimostrare una spiccata propensione, da parte di sviluppatori e publisher, nel confezionare e successivamente lanciare adeguatamente sul mercato prodotti sempre d’un certo spessore: non è purtroppo questa la storia di Silent Hill. Nato nel 1999 per mano di Konami, il brand ha vissuto fortune alterne, che l’hanno portato, dopo un iniziale ingresso nel mondo dell’intrattenimento videoludico in pompa magna, ad un lento ma graduale declino, considerato soprattutto l’accostamento al sempre più avvenente serviva horror con forti tendenze action (vedansi gli ultimi Resident Evil, con la componente sparacchina a farla da padrona, ndr). Dopo aver continuato una striscia non proprio positiva con Homecoming, l’ultimo esponente della serie ed il primo ad essere giunto sulle console di nuova generazione, Silent Hill cerca di intraprendere quel cambio di rotta che sta inutilmente cercando da diversi anni, ed i fan della serie guardano con ottimismo a questo Downpour, titolo che provvisoriamente (e si prospetta anche definitivamente) è stato dato al titolo in fase di sviluppo.


“Ingabbiati” a Silent Hill

Dopo aver accompagnato per le strade della nebbiosa cittadina americana il prode Alex Sheperd, soldato di ritorno dalla Guerra del Golfo sulle tracce dei propri familiari scomparsi misteriosamente nei meandri della cittadina maledetta, ci troveremo questa volta a prendere i comandi di un ben meno raccomandabile individuo: Murphy Pendleton è infatti un detenuto che, durante un trasporto da un penitenziario ad un altro, riesce ad approfittare di un incidente del mezzo su cui viaggia per dileguarsi nella foresta che circonda la strada su cui viaggiava il bus. Una rocambolesca fuga fra gli arbusti, con la frequente sensazione di essere braccato dai propri secondini lo porterà ad arrivare di tutta fretta nella sinistra Silent Hill, con il solito cartello che “amichevolmente” gli da il benvenuto. Ovviamente bastano pochi secondi al nostro per capire la malsana aria che tira nei paraggi: oltre la fitta nebbia, ormai marchio di fabbrica della serie, e le strade deserte, ci sarà questa volta anche un impietoso temporale ad accompagnare le vicissitudini narrate nel corso della storia.

Alcune saranno dunque le sostanziali differenze che troveremo con i recenti predecessori, prima fra tutte, il ritmo decisamente ridotto: niente più scontri all’arma bianca con i mostri che ci si pareranno di fronte nel corso delle esplorazioni della Silent Hill oscura, bensì si potrà usare uno stile molto più stealth che garantirà maggiore discrezione e quindi una vita ben più facile, grazie alla possibilità di non dover obbligatoriamente scendere in campo contro le aberrazioni che scorazzano libere e spensierate tra la nebbia. Nel caso però che lo scontro non si possa evitare, ecco che scendono in campo le fidate “armi da combattimento”: non ci saranno strumenti da mattanza predefiniti, cosa già capitata nei precedenti episodi, bensì l’utente dovrà far di necessità virtù, adoperando qualsiasi attrezzo ci si ritrovi davanti (da una scopa ad un televisore, per intenderci, ndr) come strumento atto ad offendere, e tutti questi avranno una rispettiva usura che, col passare delle fasi di combattimento, potrebbero portare alla rottura per il degrado degli stessi, lasciando Murphy in balia degli attacchi nemici (è buona regola dunque monitorare costantemente il proprio inventario).

Altra novità che segnerà il ritorno su console di Silent Hill sarà la mancata presenza nel titolo delle location “d’ordinanza”: niente più Ospedale/Scuola, dal momento che gli sviluppatori hanno deciso di concentrarsi sulla porzione sud-orientale della mappa, fino ad ora rimasta inesplorata. Sarà questa la volta buona che il “buon” Murphy cominci a far luce anche su quella sinistra zona di Silent Hill e si addentri nella nebbia, pronto a macellare (o, più probabilmente, a farsi macellare da) qualsiasi Pyramid Head gli si pari davanti. Tutto questo nella spasmodica attesa di una data di rilascio che aiutiamo a mitigare con un bel video del trailer proposto in occasione del passato E3.

IFrame

Silent Hill: Homecoming (PS3)Il predecessore, non un capitolo di spessore, ma conserva pur sempre il fascino della serie.
Dead Space 2 (PS3)Il miglior Survival Horror al momento su piazza: serve altro?
SCHEDAGIOCO
Cover Silent Hill: Downpour

Silent Hill: Downpour

Scheda completa...
Silent Hill: Downpour2011-03-22 09:00:00http://www.vgnetwork.it/anteprime/silent-hill-downpour/La nebbia è pronta ad avvolgerci per l’ottava volta.1020525VGNetwork.it