Il mio 2014: cinque giochi da ricordare

La premiazione più prestigiosa di VGN

Visto il discreto successo della prima edizione, pure quest'anno propongo la mia classifica personale dei cinque migliori giochi che mi sono capitati per le mani nel 2014. Anche stavolta è necessaria una premessa: questo intervento blog non c'entra nulla coi GOTY di VGN (tanto che vedrete che cito perlopiù titoli non coinvolti nella competizione), di cui conoscerete gli esiti fra qualche ora; è solo un'iniziativa personale, che magari può mettere in luce anche qualche opera un po' dimenticata nel corso dell'anno. Ripeto pure la seconda premessa: mi riferirò solo a ciò che ho giocato, in prima persona e nel 2014, quindi in lista possono comparire titoli usciti in anni precedenti, facenti parte del mio backlog.

5) Valiant Hearts: The Great War

La quinta posizione era la più affollata, non sapevo proprio cosa mettere. In ballottaggio erano arrivati Tears to Tiara II, Super Time Force e Inazuma Eleven (il primo), ma alla fine l'ha spuntata il gioco di Ubisoft, che è meno divertente di quelli citati sopra, ma decisamente più significativo. Certo, avrei preferito cuccarmi Child of Light, ma se l'è sgraffignato Scanna, quindi mi “accontento”; ma accontentarsi è una parola ingiusta quando si parla di Valiant Hearts, un gioco in grado di esplorare la Grande Guerra come nessun altro aveva mai fatto prima. VOTO 8, Lezioni di Storia.

4) Dragon Age: Inquisition

Inquisition è stato l'unico “tripla A” a cui abbia giocato quest'anno. Mi sono approcciato ad esso con un po' di timore, visto che è il terzo esponente di una serie iniziata bene e proseguita (quasi) male; le mie preoccupazioni si sono accentuate quando ho visto che la stampa stava dispensando votoni, quando a me il gioco era piaciuto sì, ma non lo ritenevo un capolavoro. Alla fine è uscita fuori una recensione-parto, e mi aspettavo un minimo di shitstorm, che per fortuna non ci è stata. Diciamo – e i WRPGisti redazionali sono d'accordo con me – che quest'anno ci sono stati giochi di ruolo occidentali di livello superiore. VOTO 8, Si può dare di più.

3) Kirby: Triple Deluxe

Negli anni di militanza in VGN, ho imparato ad essere fan di Kirby. Il batuffolo rosa insegna una filosofia di gioco (eccezion fatta per Mass Attack): per divertire non è necessario sfidare il giocatore, ma “semplicemente” metterlo a suo agio. HAL Laboratory ripropone sostanzialmente la stessa formula che aveva caratterizzato Kirby's Adventure Wii, multiplayer escluso, e confeziona l'ennesimo ottimo platform della storia di Nintendo. Tuttavia, se devo essere sincerissimo, mi aspettavo qualcosa in più da Triple Deluxe; non necessariamente una novità dirompente come in L'oscuro Disegno, ma comunque qualcosa in più. VOTO 8, Tradizionalista.

2) Etrian Odyssey Untold: The Millennium Girl

Nel 2013 ho approcciato per la prima volta la serie di Etrian Odyssey con l'ottimo quarto capitolo, ma, per quanto mi sia piaciuto, alla fine non lo inserii nella mia TOP 5. Quest'anno la faccenda è diversa: un po' perché nel complesso ho provato giochi che mi sono piaciuti di meno, un po' perché ho preferito The Millennium Girl a Legends of the Titan. Qualche purista potrebbe ritenermi un facilone, ma non è un problema, visto che già Etrian Odyssey IV era stato tacciato da alcuni di maggior semplicità rispetto ai predecessori. Un titolo perfetto per approcciare il genere dungeon crawler. VOTO 8.5, Tanta roba.

1) Hotline Miami

Quest'anno il backlog estivo non mi ha portato troppo indietro nel tempo, visto che Hotline Miami è del 2012 (2013 per la maggior parte delle piattaforme). Mi sono accaparrato il gioco per meno di € 5, approfittando di qualche sconto, e, dopo un inizio un po' scorbutico, ne sono stato letteralmente rapito. E non è solo una questione di trama, dialoghi, stile grafico e musiche (eccezionali, veramente): Hotline Miami è proprio bello da giocare. È un action adrenalinico, in cui l'azione spesso si svolge nell'arco di pochi secondi, ma richiede un'attenta fase di pianificazione per ripulire i vari schemi. Inutile dire che sono carichissimo per Wrong Number! VOTO 9, Allucinato e allucinante.