Cattivi vicini 2

Irriverente e politicamente scorrettissimo
Scritto da Mail@ eugeniofiumiil 30 giugno 2016
Cattivi vicini 2 Recensione

A due anni dal primo Neighbors, distribuito fuori dal Nord America come Bad Neighbors, letteralmente Cattivi Vicini, un inaspettato successo al botteghino, ecco arrivare puntuale come un orologio svizzero il sequel Cattivi Vicini 2 (la fantasia, questa sconosciuta). Squadra che vince non si cambia e quindi Nicholas Stoller ancora dietro la macchina da presa e cast riconfermato in toto (Seth Rogen, Zac Efron e Rose Byrne) con qualche aggiunta importante (Chloe Grace Moretz) per puntare ad una fetta di pubblico più giovane.


Generazione Delta Psi Beta

No, non si vuole fare riferimento alla mitica Delta House di Landisiana memoria, ma alla fratellanza protagonista del primo film, che fa da apripista a questo secondo capitolo. A capo di questa compagnia maschilista non c’è la panza di John “Bluto” Belushi, ma gli addominali del bello di High School Musical, Zac Efron. Il suo personaggio sta attraversando una profonda crisi post-adolescenziale nella quale non riesce a trovare il suo posto nel mondo: anziché fare lo step per entrare nell’età adulta, preferisce rimanere nel limbo. Interessante il parallelismo tra l’attore e quella del soggetto che interpreta, entrambi incatenati in un personaggio stereotipato ben definito. Decide quindi di fare da mentore ad una ragazza del primo anno, Shelby (Moretz), che intende fondare una sorellanza, proprio di fianco alla villetta familiare di Mac e Kelly (Rogen e Byrne), che vedono così nuovamente minacciata la loro tranquillità quotidiana.

Cattivi Vicini aveva stupito per la sua freschezza e dinamicità, ingredienti che in questo secondo episodio vengono a mancare. Per acchiappare più generazioni possibili da portare al cinema oltre a Seth Rogen (’80) e Zac Efron (’90) si è cercato di puntare sulla Moretz (‘00), che dei tre è purtroppo quella che convince meno nel proprio ruolo (e dopo La Quinta Onda non ci voleva proprio un altro passo falso Chloe). Le parti più divertenti in assoluto sono quelle che vedono protagonista il personaggio interpretato da Rogen, con una serie di gag al limite e politicamente scorrettissime.

Aspettate un momento, sarà che sono nato negli anni ’80 e quindi ci son cascato anch’io?


E vissero tutti (troppo) felici e contenti

Si ride tanto di pancia e le situazioni costantemente sopra le righe tengono sempre alto il ritmo del film, tant'è che l'ora e mezza di durata non si percepisce per nulla. Vi è però una nota particolarmente stonata: il finale. Gli ultimi cinque minuti del film sono un po’ troppo al miele, una conclusione che poco ci sta a dire coi toni eccessivi del resto della pellicola. Dopo tutte le sequenze esilaranti che si susseguono infatti è lecito aspettarsi i fuochi d'artificio che però, purtroppo, non arrivano.

Il film è retto, come detto, dalle innumerevoli scene esilaranti che vengono proposte una dopo l'altra, ma qualcosa non funziona. Il film diverte, ma è fine a se stesso. Insomma si lascia guardare volentieri, ma finisce lì. Probabilmente una "sorellanza" più matura (non necessariamente di età) ed una sceneggiatura un po' più solida (camminare su di un filo che separa il divertente dal trash è stato troppo rischioso ed in più di un'occasione il film cade in questo senso) avrebbero influito positivamente sul risultato finale. 


Una produzione che funziona?

Un pop-corn teen movie americano quindi, se non convince a pieno perché sorprendersi? Occorre fare un mini passo indietro per capire la cocente delusione. Seth Rogen non è solo un grande attore, ma anche un produttore intelligente. Superbad, Pineapple Express e This is the End, a dispetto dei corrispettivi titoli italiani (ah, dannati traduttori), sono produzioni che nel loro piccolo hanno del genio. Tutti lavori coerenti fra loro, che vedono protagonisti sempre lo stesso gruppo di attori, amici nella vita reale, il cui affiatamento giova tantissimo ad un genere come la commedia influendo in senso positivo sul risultato finale. Last but not least, un tipo di comicità che, per chi scrive, è dannatamente divertente. Con questo Cattivi Vicini 2, non si può purtroppo essere soddisfatti al 100% del pacchetto finale e quindi inserire il film in quella ristretta cerchia di pellicole dal tratto inconfondibile di cui sopra.

Non ci resta che aspettare il prossimo lavoro di Rogen&co., attualmente in post produzione, Sausage Party: il trailer promette bene, benissimo. Vedere per credere!

SCHEDACINEMA
Cover Cattivi vicini 2

Cattivi vicini 2

  • Produttore: Good Universe
  • Distributore: Universal Pictures
  • Interpreti: Seth Rogen, Zac Efron, Chloe Grace Moretz
  • Anno: 2016
  • Genere: Commedia
  • Regia: Nicholas Stoller
  • Durata: 92'
Scheda completa...
Cattivi vicini 22016-06-30 10:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni-cinema/cattivi-vicini-2-53894/Irriverente e politicamente scorrettissimo1020525VGNetwork.it