Onda su onda

“Questa è la storia di uno di noi, anzi di due”
Scritto da Mail@ kerikappail 19 febbraio 2016
Onda su onda Recensione

Due uomini, una nave e sogni infranti.

Rocco Papaleo presenta una commedia ironica dai risvolti malinconici, dove la musica ne fa da padrona, e affiancato da Alessandro Gassmann come sua controparte, formando un duo ben miscelato. Il tutto incorniciato dai poetici scenari di Montevideo, in Uruguay.


Un viaggio, due vite

Eugenio “Gegè” Cristofori (Rocco Papaleo), cantante che non ha mai sfondato, torna in Uruguay dopo trent'anni per cogliere un'occasione di rivalsa e conquistare il successo che non ha mai potuto avere in patria. Approfitta del passaggio di una nave merci, con un capitano ossessionato dal naufragio e un equipaggio multietnico che si intrattiene suonando canzoni popolari italiane. Nota dolente del viaggio è Ruggero Chiaromonte (Alessandro Gassman), cuoco di bordo da passato lacunoso, dai gusti raffinati e dotato di una cultura che va al di là sua professione. Neanche a dirlo, tra Gegè e Ruggero non corre buon sangue e la traversata passa tra frecciatine e scaramucce. Tuttavia il vero viaggio inizierà arrivati a destinazione, quando Gegé si ritroverà senza voce alla vigilia del concerto e Ruggero si troverà letteralmente incastrato in una situazione che lo costringerà ad avere a che fare con l'indigesto passeggero molto più del previsto.

Ruggero e Gegè sono diversi per natura: uno è un cuoco affascinante dal passato oscuro, schivo e taciturno, con l'animo del poeta e una schiettezza disarmante; l'altro è un cantante fallito a cui manca la “faccia giusta” dall'aria strafottente e i modi un po' folcloristici, autore di un'arte tutta sua nel saper tenere in mano un microfono.

I due si incontrano e si scontrano continuamente in un continuo botta e risposta che denota l'ottima sintonia che i due attori hanno in scena.

Curioso è vedere come le enormi differenze fisiche e caratteriali dei due personaggi siano solo un elemento fuorviante dalla verità, ossia che entrambi sono uomini in cerca di riscatto o addirittura in cerca di redenzione.


Uruguay italiano

Buona parte del film è ambientata in Uruguay, paese stretto tra i due colossi Brasile e Argentina del quale sappiamo poco e che può presentare molte più similitudini con l'Italia di quanto ci si potrebbe aspettare.

Paesaggi malinconici, colore, musica e un mare splendido con il quale ha un profondo legame la giovane Gilda (Luz Cipriota), protagonista femminile che sballotterà i nostri eroi in giro per la città accompagnati da dei collaboratori decisamente sopra le righe. Il lato interessante è proprio lo scoprire le piccole meraviglie di Montevideo, peccato che non sia stato approfondito ulteriormente questo elemento, il quale si sarebbe potuto sfruttare di più.


Musica

Nonostante il carisma dei personaggi, la vera protagonista del film è la musica. Tuttavia non si tratta di musica intesa nella maniera convenzionale, ma di musica popolare, viva, non necessariamente professionale. Si parla di canzoni cantante nella stiva di una nave, schitarrate alla bene e meglio da dei marinai. Della fisarmonica di un anziano accompagnato da un ragazzo che fa beatbox. Di un'opera lirica improvvisata in un ristorante semivuoto. Non aspettatevi grandi colonne sonore virtuisistiche, ma il cuore pulsante di un'Italia popolare, imbrigliata in una cultura dura a morire.

Una filosofia della musica che Papaleo esprime anche alla presentazione del film a Roma, dove ha offerto una piccola esibizione musicale ai giornalisti.

Tutto ciò a dimostrazione che la bellezza dell'arte, in ogni sua forma, è talmente immensa da trovare spazio ovunque.


La vita è un palcoscenico

Andando avanti con la visione ci si rende conto di come uno dei temi più rilevanti del film è la controversa politica dello show buisness. Di fatto Gegè ha prestato in passato la voce ad un cantante destinato a diventare una meteora. Il suo ritorno in Uruguay è più che altro una scialuppa di salvataggio per un uomo alla deriva, schiacciato da un mondo che non gli ha mai voluto bene.

Un ruolo importante lo gioca anche la televisione, un'entità che, come dice lo stesso regista, “sta perdendo colpi” e che come al solito gioca con la realtà per fare spettacolo, ma per chi vive per lo spettacolo vita o palcoscenico non fa molta differenza, almeno per Gegè.

SCHEDACINEMA
Cover Onda su onda

Onda su onda

  • Produttore: Warner Bros.
  • Distributore: Warner Bros.
  • Interpreti: Rocco Papaleo, Alessandro Gassman, Luz Cipriota
  • Anno: 2016
  • Genere: Commedia
  • Regia: Rocco Papaleo
  • Durata: 102'
Scheda completa...
Onda su onda2016-02-19 09:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni-cinema/onda-su-onda-52632/“Questa è la storia di uno di noi, anzi di due”1020525VGNetwork.it