Bakuman.

Sogni e realtàScritto da il 04 Marzo 2013
Bakuman. Recensione
Per buona parte dei lettori di manga Tsugumi Ohba e Takeshi Obata non hanno bisogno di presentazioni. Si tratta dei due mangaka che hanno dato vita a Death Note, serie di grande successo pubblicata sul settimanale Weekly Shonen Jump dal 2003 al 2006. Dopo due anni l'accoppiata vincente è tornata sulle pagine della rivista nipponica con Bakuman, un nuvo manga molto differente per tematiche e atmosfere dalla loro opera precedente.
La serie si è conclusa in Giappone durante il 2012 e a breve giungerà al termine anche in Italia con l'uscita del ventesimo volume. È dunque il momento ideale per tirare le somme sull'ultima fatica di Ohba e Obata.

La dura vita del mangaka

La vita del mangaka può sembrare affascinante e ricca di soddisfazioni, ma in realtà non è tutto oro quel che luccica. Diventare un famoso autore di manga è un' impresa estremamente ardua e richiede, oltre ad un innato talento, anche una dose elevata di fortuna ed una notevole perseveranza. Non basta certo presentare il proprio lavoro ad un editor per avere la certezza di vederlo pubblicato sulle pagine di una rivista più o meno nota. Vi sono autori che riescono ad essere pubblicati solamente dopo anni di fatica, impegno e dedizione assoluta. Tuttavia la vera sfida non consiste nel far accettare la propria serie agli editor della rivista, ma evitare che finisca prematuramente, rendendola interessante settimana dopo settimana. Insomma, creare un manga è un lavoro difficile, spesso stressante e che lascia poco tempo per lo svago, per gli amici e addirittura per la famiglia.
Mashiro Moritaka, pur essendo solamente un ragazzino delle medie, conosce benissimo questa dura realtà. Suo zio, noto col nome d'arte di Kawaguchi Taro, era un mangaka e da bambino Mashiro lo ammirava e sperava ardentemente di poter un giorno svolgere anche lui la sua stessa professione. Ma tale desiderio svanì dalla sua mente quando suo zio perse la vita. Suo padre disse che era morto per "il troppo lavoro", ma il giovane era convinto che in realtà si fosse tolto la vita in seguito all'ennesimo rifiuto degli editor di pubblicare una sua nuova serie.
Ora Mashiro è un ragazzo disilluso e rassegnato a vivere una vita ordinaria di cui i suoi genitori potranno essere fieri. Il destino ha però in serbo altri piani per il giovane e questo diventa evidente quando un brillante ragazzo di nome Akito Takagi entra casualmente nella sua vita e gli propone di collaborare assieme per diventare mangaka. Inizialmente Mashiro non è molto incline ad accettare la proposta del compagno di classe, ma la situazione cambia radicalmente quando il ragazzo scopre che Miho Azuki, la ragazza di cui è segretamente innamorato da anni, desidera diventare una doppiatrice. Il giovane decide così di tornare ad inseguire il suo sogno di diventare mangaka e fa a Miho un'audace proposta: quando la ragazza doppierà l'eroina di un anime tratto da un suo manga allora loro due si sposeranno. Inaspettatamente la ragazza accetta, ma pone a sua volta una condizione: lei e Mashiro non potranno vedersi fino a quando i loro sogni non saranno diventati realtà. Ha così inizio il lungo percorso, ricco di insidie e difficoltà, che Akito Takagi e Mashiro Moritaka dovranno affrontare per diventare dei mangaka degni di tale nome.

Uno shonen atipico, ma non troppo

Nel corso della serie Ohba e Obata illustrano ai lettori qual'è effettivamente la vita di un mangaka, com'è strutturata la redazione di una rivista che pubblica manga (come Shonen Jump), quali mansioni svolge un editor e molti altri retroscena solitamente poco noti al pubblico. Il tutto viene chiaramente proposto in chiave romanzata e, in certi casi, non sempre realistica, ma permette comunque di capire chiaramente quali sono i meccanismi che regolano Weekly Shonen Jump e quali sono le difficoltà che i mangaka incontrano settimana dopo settimana. Nonostante il tema trattato sia abbastanza atipico per un manga shonen, va comunque sottolineato che molti elementi caratteristici di tale genere sono facilmente individuabili all'interno della serie. Ad esempio sono presenti le classiche tematiche dell'amicizia, del lavoro di squadra e della forza di volontà in grado di far superare ostacoli apparentemente insormontabili. Inoltre sono presenti delle "battaglie", anche se alquanto atipiche: i protagonisti e gli altri mangaka si sfidano settimana dopo settimana coi singoli capitoli dei loro manga e la vittoria va a chi è più votato dai lettori di Shonen Jump nei tipici sondaggi proposti dalla rivista. Il manga è dunque rivolto al classico target degli shonen, ma non risulta comunque indigesto a chi ha qualche anno in più sulle spalle.

I personaggi rappresentano uno dei punti di forza del manga. Pur essendo talvolta stereotipati, sono generalmente ben caratterizzati, spesso divertenti ed in grado di maturare nel corso della serie. Purtroppo non possiamo fare a meno di segnalare anche la presenza di un paio personaggi poco ispirati che paiono quasi inseriti a forza in un contesto col quale non hanno poi molto a che fare.
Un altro aspetto di Bakuman da tenere in grande considerazione è la componente metamanga, ovvero la presenza all'interno della serie delle trame o, in alcuni casi, di intere pagine dei manga realizzati dagli stessi personaggi. Alcuni di questi metamanga hanno riscosso molto successo tra i fan giapponesi del manga ed un capitolo di uno di essi, "Lontra numero 11", è stato pubblicato sulle pagine di Weekly Shonen Jump.
Oltre a vari pregi, Bakuman presenta anche alcuni difetti che non possono essere trascurati. Col passare dei volumi situazioni che inizialmente per il lettore sono nuove e stimolanti finiscono col ripetersi, diventando abbastanza monotone e prevedibili. Questo è strettamente legato al fatto che alcune parti del manga lasciano la spiacevole sensazione di non essere altro che un pretesto per allungare un po' il brodo e, pur presentando a volte alcuni aspetti interessanti, non riescono a reggere il confronto con archi narrativi decisamente più ispirati.

Disegni ed edizione

Dal punto di vista dei disegni Obata ha svolto ancora una volta un buon lavoro, forse non pari a Death Note come qualità, ma comunque apprezzabile. In alcune tavole è possibile notare come il mangaka tenda ad utilizzare uno stile più semplice del solito, forse per permettere al lettore di concentrarsi maggiormente sui corposi dialoghi o forse per rendere più netta la separazione tra scene serie e scene comiche. In generale i disegni sono comunque ottimi e la cura per i dettagli che si può notare osservando i vestiti dei personaggi, gli accessori, gli strumenti da disegno e molti altri elementi è encomiabile. Ben pensato il design dei personaggi, in quanto permette di riconoscerli sempre con grande facilità.

Il manga è edito in Italia da Planet Manga e l'edizione proposta rientra negli standard della casa editrice. Come per la stragrande maggioranza delle edizioni da edicola di Planet non sono presenti sovracopertine o pagine a colori.
COMMENTO

Bakuman è un manga godibile e potenzialmente interessante per tutti coloro che nutrono curiosità nei confronti della professione di mangaka e delle riviste giapponesi che pubblicano manga. Il suo difetto principale è la ripetitività, problema che si sarebbe potuto evitare se la serie fosse durata un po' meno. Anche così resta comunque un'opera interessante e che consiglio di provare a leggere.

DISEGNO:9Il tratto di Obata è una garanzia
ANIMAZIONE:6Rientra negli standard della casa editrice
:
TRAMA:8Godibile, ma minata dalla ripetitività e da qualche scelta poco felice
VOTO FINALE8
PRO:- Trama originale e interessante
- Personaggi generalmente ben caratterizzati
- Disegni di alto livello
CONTRO:- A tratti troppo ripetitivo
- Alcuni archi narrativi sono meno ispirati di altri
SCHEDAMANGA
Cover Bakuman.

Bakuman.

  • data d'uscita:
  • produttore: n.d.
  • sviluppatore: n.d.
  • Distributore: n.d.
  • Genere: Shonen
  • Anno:
  • Genere: Shonen
  • Autore: Tsugumi Ohba
  • Regia:
  • Musiche:
  • Studi coinvolti:
  • Tipologia: Bimestrale
  • Disponibilità:
  • Durata: 20 (Completo)
  • Genere: Shonen
  • Autore: Tsugumi Ohba
  • Disegnatore: Takeshi Obata
  • Casa editrice: Shueisha
  • Editore italiano: Planet Manga
  • Tipologia pubblicazione: Bimestrale
  • Volumi: 20 (Completo)
  • Produttore:
  • Distributore:
  • Interpreti:
  • Anno:
  • Genere:
  • Regia:
  • Durata:
Scheda completa...