Monster Hunter 4 Ultimate

La fabbrica dei mostri è in piena attività
Scritto da Mail@ FedeGiacoil 10 febbraio 2015
Monster Hunter 4 Ultimate Recensione

Lo abbiamo atteso molto, qua in Occidente, ma è finalmente arrivato il giorno...Monster Hunter 4 Ultimate sta per giungere nei negozi! Questa sferzante euforia non è assolutamente casuale, eh no, anzi, ma più che giustificata e certamente troverà riscontro in tutte quelle persone appassionate della saga dei mostri made in Capcom, costrette a vivere fino ad oggi solo con news sporadiche, screenshoots e qualche video promozionale, il tutto distribuito col contagocce, mentre i nostri cugini orientali già da un paio d'anni avevano modo di divertirsi con Monster Hunter 4 prima e l'Ultimate poi, entrambi rilasciati, come da tradizione, in largo anticipo rispetto al bistrattato Occidente.Un'attesa che è parsa quasi interminabile, ma in procinto d'esaurirsi, e l'unica domanda che rimane è: ne sarà valsa la pena?

IFrame


Un'accoglienza coi fiocchi

Gli interminabili tutorial erano da sempre un marchio di fabbrica della serie, la quale, a causa della mastodontica mole di contenuti e meccaniche da apprendere, non era affatto una passeggiata di piacere per un neofita e moltissima gente che voleva avvicinarsi spesso finiva per abbandonare il proposito ancor prima di aver incontrato qualche mostro vero, pensando che tutto quello che aveva d'interessante il gioco era uccidere esserini dalla dubbia pericolosità e raccogliere erbette in giro per i livelli.Con Monster Hunter 4 Ultimate la solfa cambia e l'apprendimento è stato reso molto più adrenalinico fin da subito. Dopo aver creato il nostro alter-ego, grazie ad un editor abbastanza interessante, si passerà all'azione. Questa volta la trama ci mette nei panni di un cacciatore che sta cercando di raggiungere, a bordo di una carovana, la cittadina di Val Habar, che altri non è se non un immenso bazar ubicato tra le dune desertiche. L'obiettivo è quello d'iscriversi al “registro dei cacciatori”, per essere poi abilitati ufficialmente alla caccia dei mostri più pericolosi, con la possibilità di accedere al “registro missioni” e successivamente alle complesse “missioni gilda”.Il viaggio, però, non prosegue così tranquillo come ci si sarebbe aspettati, ma la carovana viene invece presa di mira da un Dah'ren Mohran, che non è un terrorista dell'ISIS, ma invece un mostro dalle dimensioni mastodontiche e dalla forza inaudita. Respingere il suo attacco sarà la nostra prima missione “non ufficiale” da cacciatore di mostri e ci farà subito capire con che cosa avremo a che fare per il resto del gioco, una sorta di tutorial decisamente esaltante e che scongiura la possibile noia iniziale dei precedenti capitoli.La storia, inoltre, questa volta sarà un pochino più interessante ed approfondita, con una misteriosa scheggia ritrovata dal capo della carovana, la quale finirà per farci unire a lui e la sua truppa al fine di scoprire di cosa di tratta.


Vecchie meccaniche...

Se avete giocato a qualche capitolo precedente della serie Monster Hunter, in questo Monster Hunter 4 Ultimate ritroverete parecchie meccaniche che vi saranno familiari. Di base, il tutto si può ancora una volta riassumere in “seleziona la missione – caccia il mostro – scuoialo – crea un'armatura o un'arma con i suoi pezzi – ripeti”. Se non sapete di cosa si sta parlando, probabilmente potreste essere un po' confusi, infatti prima vi abbiamo parlato di quanto sia vasto il gioco, mentre ora scriviamo che tutto si può riassumere in quei pochi e semplici passaggi? Esatto, questo è il fantastico ossimoro, nonché quello che fa di ogni Monster Hunter una vera e propria droga, cioè il fatto che l'obiettivo è chiaro fin da subito, ma riuscire a raggiungerlo richiede sempre più dedizione, apprendimento, abilità e pazienza.La curva della difficoltà, come sempre, non è esattamente docile, almeno per chi non è avvezzo al genere. Andare a caccia di mostri, infatti, potrà anche sembrare la cosa più naturale del mondo a chiunque abbia già speso centinaia di ore in un qualsiasi Monster Hunter, ma per i nuovi arrivati rischia di essere un notevole impatto.

Il fiore all'occhiello della serie, e lo è anche in Monster Hunter 4 Ultimate, è il battle system. Questo, infatti, è davvero qualcosa di unico nel panorama videoludico ed i numerosi cloni della saga Capcom ancora non sono riusciti a produrre qualcosa di altrettanto preciso e raffinato. Oltre ad avere la solita abbondanza di classi di armi (più 2 nuove, il falcione-insetto e la spad-ascia caricata), quello che rende tanto gradevole il sistema di combattimento è il suo essere verosimile. Per ovvie ragione, dato che si utilizzano armi spesso grandi il doppio di un adulto medio e dal peso inimmaginabile per qualsiasi essere umano, non possiamo parlare di realismo, eppure nel mondo di gioco esse sono integrate alla meraviglia. Ogni combo concatenata è un vero piacere per chi la esegue e questo perché i diversi strumenti d'offesa sembrano possedere davvero un peso ed un'inerzia, così come i personaggi, e quindi prima di lanciarsi a testa bassa contro i mostri occorre valutare bene la situazione.Il bilanciamento del titolo è davvero magnifico e come sempre le battaglie sono decisamente epiche, anche e soprattutto perché – tolto quelle iniziali – spesso e volentieri per riuscire ad abbattere il proprio avversario occorrerà ingaggiare uno scontro che potrà durare tranquillamente più di mezz'ora ed alla fine, in caso di esito positivo, ci si sentirà davvero come se si fosse compiuta un'impresa da ricordare.A rendere il tutto ancora più adrenalinico ci pensano le nuove possibilità d'ingaggio, grazie agli attacchi in salto ed alle arrampicate sulle pareti, oltre al poter cavalcare i mostri. Le zone di caccia, invece di essere piatte come al solito, sono ora molto più complesse e particolareggiate, con numerosi punti rialzati dai quali lanciarsi, pareti scalabili, spuntoni dove appendersi per tendere agguati e così via.

In aggiunta al battle system fantastico, a rendere memorabile l'esperienza di Monster Hunter 4 Ultimate ci pensano quelli che sono i veri e propri protagonisti del gioco, ovvero i mostri. Rispetto al nutrito roster presente in Monster Hunter 3G, Capcom non ha dormito sugli allori e quindi avremo a che fare con tantissime nuove creature, oltre ad alcune vecchie conoscenze. I moveset dei mostri, altro tratto caratterizzante della serie, sono ancora più curati che in passato. Vi abbiamo parlato di come il nostro alter-ego sarà ora in grado di scalare praticamente ogni superficie per colpire su più piani, ma ovviamente lo stesso potranno fare i nemici. Le battaglie, quindi, non avverrano più esclusivamente a terra o in aria, ma a 360 gradi in ogni anfratto dell'ambiente.

Per il resto, ritornano le zone di caccia divise in “micro-zone”, le liste di missioni da affrontare a piacimento e l'arena dove settare i propri record.


...e nuove meccaniche

Se fino ad adesso vi abbiamo parlato di tutto quel che è ritornato dai vecchi episodi, passiamo ora all'analisi di quelle che sono invece le novità vere e proprie.In primis è doveroso citare la nuova struttura del “mondo”. Invece di avere solamente una città principale per le missioni single player ed una zona per quelle multiplayer, in Monster Hunter 4 Ultimate ci saranno invece molte città visitabili e diverse zone di “relax”, quali ad esempio il teatro, dove sarà possibile ascoltare le diverse tracce della OST del titolo.La seconda grossa novità sono i compagni che ci aiuteranno in battaglia. Se i felyne già erano presenti in Monster Hunter 3G, adesso la meccanica è stata espansa di molto. Oltre al nostro aiutante “primario” (che potremo creare ad inizio gioco), nel corso dell'avventura entreremo in contatto con moltissimi altri “Fericompagni”, ovvero dei gatti-guerrieri senza un padrone che, una volta salvati, potranno essere arruolati nelle nostre fila. Ognuno di questi felyne avrà diverse caratteristiche e skills peculiari, ma in battaglia potremo portarne solamente due. Gli altri, in ogni caso, non staranno con le mani in mano, ma potranno essere mandati in missione a caccia di mostri. Grazie a queste missioni dei Fericompagni, potremo accumulare i cosiddetti “scarti”, cioè materiali utili per forgiare armi ed armature esclusive per i nostri aiutanti.Tutti i Fericompagni saranno raggruppati in un'isola apposita che sbloccherete avanzando nella storia.Altra novità sono le fusioni, possibili grazie a “Fusualdo”, un simpatico signore che utilizzerà i “cristalli frenetici” al fine di moltiplicare oggetti e creare talismani.

Infine, ma non meno importante, i mostri possono ora entrare in uno stato frenetico, ovvero essere avvolti da una particolare nebbia oscura che li renderà molto più pericolosi, oltre che infettivi. Rimanere infettati dalla nebbia significa non potersi più curare, ma colpendo ripetutamente la creatura sarà possibile liberarsi dell'infezione e guadagnare, per un certo lasso di tempo, un bonus all'attacco.


A caccia in compagnia

La novità più importante di Monster Hunter 4 Ultimate, in ogni caso, è senza ombra di dubbio il multiplayer online. Se nella terra del Sol Levante l'avere o meno l'online nel titolo era giusto uno sfizio, dato che trovare giocatori di Monster Hunter per strada è facile come trovare un parcheggiatore abusivo in centro a Torino, qua era invece un'opzione fondamentale. Sebbene sia presente una demo sull'e-shop (non accessibile a tutti) per provare questa funzionalità del gioco, noi possiamo solamente confermare che essa funziona davvero bene. L'unico “inconveniente” che viene a crearsi giocando in multiplayer a 4 giocatori è un calo di framerate rispetto a quando si gioca in singolo, ma il tutto rimane comunque perfettamente godibile.

Parlando di aspetto tecnico, in ogni caso, è impossibile non dare credito a Capcom per quello che è riuscita a spremere da una console datata come il Nintendo 3DS. I risultati, infatti, sono ancora più incredibili di quanto si era visto con l'ottimo Monster Hunter 3G. I modelli poligonali delle persone sono ora più curati e caratterizzati ed i modelli dei mostri rimangono davvero belli da guardare ed animati in maniera fantastica. Le zone di caccia, poi, sono decisamente più complesse e ricche di dettagli, oltre che più ampie e sviluppate su più piani. A pagarne il prezzo, in questo caso, sono le ombre, le quali risultano meno definite rispetto al precedente episodio. Nel complesso, comunque, ci troviamo di fronte ad una sorta di miracolo, sempre tenendo conto della console sulla quale gira. L'unico appunto lo si può fare alla scelta infelice di Capcom di pubblicizzare quasi sempre il gioco usando la prima zona di caccia disponibile, ovvero quella con una paletta cromatica che avrebbe fatto impallidire anche un consumatore abituale di acidi negli anni '70, decisamente la più brutta.

La OST, anch'essa, rimane di livello, tra sonorità vecchie e nuove, ma sempre piacevoli ed orecchiabili.


La caccia è aperta

Monster Hunter 4 Ultimate, dopo essersi fatto attendere come non mai, arriva finalmente in Occidente, carico di novità ed aspettative che – lo assicuriamo – sono state rispettate.Se potrà o meno essere un successo commerciale non lo sappiamo, infatti il genere è ancora abbastanza di nicchia qua da noi e la scelta di Nintendo di lanciare il gioco lo stesso giorno di Majora's Mask 3D non è probabilmente lungimirante, però lo speriamo fortemente, perchè abbiamo di fronte uno dei migliori titoli prodotti per la portatile Nintendo e sarebbe un peccato mortale vederlo floppare.A prescindere da questo, comunque, noi non possiamo che consigliarvelo caldamente, sia che siate degli esperti, sia che non lo siate. Lasciare questo gioco sullo scaffale sarebbe come scartare una Gemma Drago Terra dopo averla droppata da un Jhen Mohran.

COMMENTO
Mail@ FedeGiaco

Sono un appassionato di hunting games, ma il mio preferito rimane sempre e comunque Monster Hunter. Dopo aver speso, letteralmente, centinaia e centinaia di ore a Monster Hunter 3 Ultimate, sia su Wii U che su 3DS, la voglia di provare il nuovo capitolo era davvero elevatissima e le mie aspettative non sono state affatto deluse, anzi!

GRAFICA:9Per essere su Nintendo 3DS, era davvero impossibile chiedere di più.
SONORO:9OST veramente ottima e variegata, epica al punto giusto quando serve.
GIOCABILITà:10La giocabilità è stata rifinita ed ampliata ancora di più rispetto al passato, davvero incredibile.
LONGEVITà:10Smetterete di giocarci quando vi stuferete...e non capiterà tanto presto.
VOTO FINALE9.5
PRO:- Tantissimi contenuti
- Molti mostri ed armature
- Battle system al top
CONTRO:- Qualche calo di framerate in multiplayer
Monster Hunter 3: Ultimate ( 3DS )Il capitolo precedente della serie, imperdibile per gli appassionati.
Toukiden: The Age of DemonsUno dei migliori hunting game per PS Vita.
SCHEDAGIOCO
Cover Monster Hunter 4 Ultimate

Monster Hunter 4 Ultimate

Scheda completa...
Monster Hunter 4 Ultimate2015-02-10 12:28:48http://www.vgnetwork.it/recensioni-nintendo-3ds/monster-hunter-4-ultimate-48516/La fabbrica dei mostri è in piena attività1020525VGNetwork.it