Impara con Pokémon: Avventura tra i Tasti

Impariamo a dattilografare con i nostri amici Pokémon
Scritto da @ EdrianoCordarail 02 ottobre 2012
Impara con Pokémon: Avventura tra i Tasti Recensione

In attesa che giungano in Italia i nuovi episodi Versione Bianca 2 e Versione Nera 2 (qui potete leggere la nostra anteprima), Nintendo propone al pubblico un prodotto alquanto particolare ispirato al mondo dei Pokémon. Sviluppato da Genius Sonority, già curatori di altri titoli Pokémon destinati alle console casalinghe della grande N, Impara con Pokémon: Avventura tra i Tasti è un esperimento molto curioso che mette i giocatori alla prova nella loro conoscenza del mondo dei piccoli mostri. Il titolo è palesemente rivolto ad un pubblico giovane, specialmente di età compresa tra i 3 ed i 10 anni, dove l’apprendimento dell’uso di una tastiera elettronica è fondamentale per il loro futuro nella società moderna. La domanda sorge però spontanea: è un software didattico oppure un videogioco?


Un’idea geniale

A Nintendo piace creare prodotti che non siano solo divertenti ma che risultino anche utili. L’esempio lampante è la sua console Nintendo Wii, che ha reso il videogioco un intrattenimento attivo, ottimo nella vita sedentaria dei giorni nostri. Altro esempio è Brain Training, dove giocando si tiene in allenamento la mente con esercizi e giochi di memoria. Pokémon è un brand che riscuote un gran successo, sia per la qualità della serie ufficiale sia per i vari spin-off di discreto successo, ed è probabilmente da questa considerazione che deve essere scaturita l’idea di utilizzare i piccoli mostri per una buona causa, quella dell’apprendimento per i più piccini. Genius Sonority ha ricevuto tale richiesta dalla casa di Kyoto e con il supporto di un nuovo hardware, una tastiera bluetooth per Nintendo DS, si è data da fare per confezionare un videogioco istruttivo. Ecco qui la definizione giusta! Si tratta si di un videogioco (come vedremo a breve) ma nel contempo anche un software per l’apprendimento. Nintendo usa un verbo specifico per identificare l’interazione tra gioco e giocatore: “dattilografare”, ossia imparare ad usare una classica tastiera per la scrittura elettronica, ma a differenza che imparare a farlo mano a mano che si usa un computer, con i Pokémon il tutto risulta semplice e divertente!

Immagine scatola Impara con Pokémon: Avventure tra i Tasti

La scatola del gioco è più grossa del normale per via della tastiera compresa


Un’avventura tra i tasti

In questo gioco il giocatore dovrà affrontare sfide che spaziano per inventiva ed utilità. Si partirà da semplici esercizi di battitura, dove a seconda della lettera che compare a schermo bisognerà premere il corrispettivo pulsante presente sulla tastiera inclusa nel gioco, fino a giungere all’obiettivo largamente pubblicizzato da Nintendo: digitare per intero il nome dei Pokémon che verranno mostrati. Il protagonista è un aspirante studioso di Pokémon, nonché dattilografo provetto, che attraverso le dattilo ball cattura i piccoli mostriciattoli che incontra lungo i sentieri per così poterli aggiungere alla propria lista dei pocket monster studiati. Per poter selezionare un livello desiderato basterà digitare una delle lettere sbloccate visualizzabili sullo schermo inferiore, dove si trova una tastiera virtuale. Diciamo che questo è un escamotage che gli sviluppatori hanno trovato per far seguire un filo logico all’avventura e la difficoltà progressiva delle sfide accompagna il giocatore nella sua crescita, mettendo a volte a dura prova le sue abilità.

Ovviamente non si passerà di punto in bianco dal digitare singole lettere a nomi interi di mostriciattoli, ma ci sono molte “lettere” che nascondono prove in cui viene chiesto di digitare nomi parziali o addirittura un mix tra prime lettere di nomi e pulsanti singoli casuali. All’interno di ogni percorso che affronteremo ci saranno un tot di Pokémon da catturare e, una volta catturati tutti, completeremo gli appunti di studio. Insomma il gioco si presenta vario e con un livello di difficoltà graduale, ma le sorprese non finiscono qui.


Spezzare la routine

Le lettere speciali della tastiera offrono delle varianti alle missioni principali del gioco. Per esempio, i numeri portano il giocatore in prove speciali dove per giungere alla fine bisogna superare determinati ostacoli, mentre nel tasto tabulatore dovremo scrivere correttamente un certo ammontare di nomi di Pokémon altrimenti la missione fallirà. In ogni stage l’obiettivo sarà ricevere la medaglia d’oro e per farlo ci verrà detto preventivamente qual è il risultato minimo richiesto affinché si possa guadagnare una medaglia nel percorso selezionato. Alcune di queste prove sono davvero difficili, come per esempio la sfida ad Ho-oh, dove dovremo premere in successione 4 tasti velocemente per respingere le sue palle di fuoco. Come ulteriore svago troviamo anche i tasti della punteggiatura, che offrono esercizi particolari capaci di farci imparare l’uso e la posizione di questi particolari pulsanti sulla tastiera.

E se volessimo imparare ad usare la tastiera come un vero esperto in dattilografia? Basta recarsi al tasto “parentesi angolare” dove all’interno troveremo esercizi per usare al meglio i minioli, gli anulari, i medi e le singole mani, con una loro corretta posizione sulla tastiera. Con quasi 60 prove, altrettante medaglie e circa 300 Pokémon, di tempo da passare con questo software/gioco d’apprendimento ne spenderemo molto, il tutto divertendoci!


Un esperimento riuscito

E’ difficile avvicinarsi a titoli di questo tipologia per noi redattori, perché bisogna utilizzare metri di giudizio differenti rispetto ai classici videogiochi. Come già detto, in Impara con Pokémon: Avventura tra i Tasti troviamo sia componenti ludiche che didattiche e Genius Sonority ha riposto attenzioni ad entrambe le componenti. Era difficile inventarsi qualcosa di convincente e divertente con in mezzo una tastiera per dattilografia, però i ragazzi se la sono cavata egregiamente ed il prodotto finale risulta godibile ed utile. Infatti, dopo tante sessioni da gioco inizierete ad imparare la posizione dei tasti della tastiera a memoria e scrivere i nomi dei pocket monster risulterà semplice. Il vero problema sarà quello dei tasti dei numeri, dei caratteri speciali e della punteggiatura, le cui posizioni risultano difficili da imparare anche a chi usa da parecchi anni un computer.

La parte tecnica del gioco è minimale, adatta più ad un software d’allenamento piuttosto che ad un videogioco, ed anche gli sprite dei pokémon non risultano particolarmente curati ma si tratta per lo più di singole immagini in movimento. Il sonoro è invece composto da una speaker italiana che ripete le singole lettere digitate in alcune prove mentre in altre cerca di incitare il giocatore con frasi del tipo “Bravo” o “Inarrestabile!”, mentre le musichette di contorno risultano orecchiabili anche se non eccezionali. Nonostante ciò, è indubbia la qualità del prodotto, con tante ore da gioco ed esercizi vari ed utili all’apprendimento. Insomma, non abbiamo più scuse: grazie a Nintendo ed ai Pokémon potremo diventare tutti dei bravissimi dattilografi!

COMMENTO
@ EdrianoCordara

Da fan dei Pokémon ero molto curioso di questo prodotto che per certi versi sapevo non essere diretto ad un giocatore della mia età. L'ho studiato con un occhio da giovincello e devo dire che quel che ho trovato è stato un prodotto curato e completo. Brava Genius Sonority che dopo prodotti come Pokémon XD e Pokémon Colosseum, sembrava un po' persa e priva di idee.

GRAFICA:7Graficamente non eccelle né delude. Ha una buona impostazione per un software d’apprendimento.
SONORO:7.5La speaker fa il suo sporco lavoro anche se alla lunga stufa un po’. Le musichette sono buone ma non eccezionali.
GIOCABILITà:9Non era facile inserire una vera tastiera in un gioco portatile. A discapito del concetto portatile sia chiaro (anche se si può giocare senza) ma è molto ben sfruttata.
LONGEVITà:8Tante prove, sia classiche che particolari e catturare tutti i Pokémon non sarà affatto facile.
VOTO FINALE8
PRO:- Esercizi vari e di buona fattura
- Soluzioni di gameplay interessanti
CONTRO:- Grafica e sonoro sotto tono
- Bisogna avere una minima conoscenza del mondo Pokémon
Pokémon Versione Nera - BiancaGli ultimi capitoli del filone originale di Pokémon, che ogni fan della serie non deve lasciarsi sfuggire!
Pokémon ConquestUno degli ultimi spin-off della serie che ha un ottimo gameplay e che può piacere agli amanti dei giochi strategici.
SCHEDAGIOCO
Cover Impara con Pokémon: Avventura tra i Tasti

Impara con Pokémon: Avventura tra i Tasti

Scheda completa...
Impara con Pokémon: Avventura tra i Tasti2012-10-02 18:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni-nintendo-ds/impara-con-pokemon-avventura-tra-i-tasti/Impariamo a dattilografare con i nostri amici Pokémon1020525VGNetwork.it