Kirby: L'oscuro Disegno

Il debutto di Kirby su Nintendo DS
Scritto da il 01 ottobre 2012
Kirby: L'oscuro Disegno Recensione

La ormai ventennale serie di Kirby si articola tanto su handheld quanto su home console, come attestano le numerose uscite degli ultimi tempi. Mentre gli episodi “casalinghi” hanno visto una certa discontinuità, con dieci anni di silenzio (se escludiamo Air Ride, un dimenticabile spin-off dedicato alle corse) tra Kirby 64 e Kirby's Epic Yarn, seguito poi nello stesso anno da Kirby's Adventure Wii, le uscite su console portatili sono state molto più frequenti, tra spin-off, remake e titoli inediti. L'oscuro Disegno, noto come Power Paintbrush in Gran Bretagna e come Canvas Curse negli Stati Uniti, rappresenta il debutto del batuffolo rosa su Nintendo DS. Cosa si saranno inventati quelli di HAL Laboratory per incorporare nel gioco le caratteristiche tattili della nuova (all'epoca, cioè tra il 2005 e il 2006) macchina di Nintendo?


Like a rolling stone

In L'oscuro Disegno Kirby non cammina o svolazza come al solito, bensì rotola! Il nostro eroe, infatti, è stato trasformato in una palla dalla strega Drawcia, la quale ha anche pensato bene di tramutare Dream Land in un mondo di inchiostro. Quella che per il batuffolo rosa è una grande sventura per noi è motivo di godimento, siccome questi sono proprio gli elementi centrali di un gameplay fresco e divertente, ma comunque in grado di non stravolgere totalmente i canoni della serie. A causa della sua nuova forma, Kirby è naturalmente portato a rotolare, senza che il giocatore lo controlli direttamente; egli, piuttosto, dovrà utilizzare l'inchiostro magico per aiutarlo a superare gli ostacoli: grazie allo stilo, sarà possibile tracciare linee colorate sullo schermo inferiore, che, per un periodo limitato, costituiscono muri, rampe e quant'altro. L'oscuro Disegno non necessita di tasti (se non per mettere il gioco in pausa) per essere completato: oltre all'attività pittorica di cui sopra, anche le altre azioni sono gestite grazie alle funzionalità del touch screen. Lo schermo superiore, invece, ospita la mappa del livello e altre importanti indicazioni, come la barra di inchiostro e il numero di vite.

Ad un sistema di controllo totalmente rinnovato si affiancano alcune caratteristiche più classiche per la serie, come la bidimensionalità, la facilità di fondo e la capacità di Kirby di copiare le abilità degli avversari, che si rivelano utili per sconfiggere gli altri nemici e talvolta indispensabili per superare alcune sezioni ed entrare così in possesso delle preziose medaglie. Questi poteri speciali in realtà non sono poi tantissimi, se confrontiamo L'oscuro Disegno con gli episodi più “generosi” da questo punto di vista. La maggior delusione però è data dalle boss fight: tolta l'ultima, le altre tre sono dei minigiochi ben poco originali (abbiamo un clone di Breakout, un pinball e una corsa su carrelli) che vengono ripetuti. Si sarebbe decisamente potuto fare di più, in un gioco che per molti altri aspetti appare decisamente curato.Nonostante questi piccoli nei, il giudizio sul gameplay non può che essere molto positivo, grazie ad un sistema di controllo nuovo ed efficace, unito all'esperienza ormai ventennale di HAL Laboratory. Un gran bel platform portatile, che si sposa perfettamente con la console per la quale è stato concepito.


Un mondo di colori

Anche sotto il profilo tecnico non possiamo che applaudire il lavoro svolto: L'oscuro Disegno, a dispetto del “tetro” titolo scelto per il mercato italiano, è proprio un degno esponente della serie di appartenenza, grazie ad una grande varietà di ambienti (sfondi inclusi, ovviamente) e colori. Certo, non si può dire oramai che sia una sorpresa vedere livelli ambientati negli oceani o immersi nella lava di un vulcano, ma tutto è stato realizzato con la dovizia di particolari a cui ci ha abituati HAL Laboratory. Il comparto tecnico è interamente bidimensionale, come accade in tutti i capitoli portatili, e non dà adito a problemi di sorta nello scrolling, nonostante esso possa rivelarsi più rapido rispetto agli altri episodi, dal momento che Kirby può acquistare una velocità di rotolamento non indifferente.Il sonoro non delude, soprattutto sul versante delle musiche, composte dal duo Jun Ishikawa – Tadashi Ikegami, già apprezzato in altre occasioni dai fan (Ishikawa, in particolare). Come spesso capita all'interno della serie, L'oscuro Disegno presenta il classico citazionismo in stile Nintendo, offrendo ottimi remix di brani già noti. Le varie tracce possono essere sbloccate nel Negozio e poi ascoltate dal menu delle opzioni.


Cacciatori di medaglie

La Storia segue una struttura abbastanza regolare: si compone di otto livelli, ciascuno dei quali (ad eccezione dell'ultimo) conta tre quadri, che celano tre medaglie (per quadro, si intende). Per arrivare ai titoli di coda servirà appena una manciata di orette, ma non bisogna pensare che il gioco abbia esaurito le sue attrattive.Innanzitutto, raccogliere tutte le medaglie non sarà un'impresa impossibile, ma nemmeno così rapida; se poi non bastassero quelle reperibili nella Storia, moltissime altre possono essere conquistate nella modalità Corsabaleno. Essa ripropone alcuni spezzoni di schemi già affrontati in precedenza e otto percorsi speciali, da superare in condizioni particolari: a seconda che si scelga “Gara a tempo” o “Gara a tratto”, infatti, sarà necessario battere alcuni record oppure utilizzare una certa quantità di inchiostro, che nelle altre modalità è illimitato e si ricarica piuttosto rapidamente.Insomma, quando avrete conquistato tutte e 250 le medaglie (se ne avrete la voglia, si intende), il contatore potrebbe essere arrivato tranquillamente a venti ore. Questa caccia al tesoro non è fine a se stessa, perché le medaglie possono essere spese al negozio per ottenere numerosi extra, fra cui brani, personaggi e i suddetti percorsi speciali.Kirby: L'oscuro Disegno è stato un ottimo titolo di debutto su Nintendo DS, grazie ad un gameplay studiato ad hoc, tenendo a mente le caratteristiche touch della console, e ad una realizzazione che non ha lasciato nulla al caso. Alcuni tratti caratteristici e non del tutto positivi della serie permangono: ci riferiamo in particolare alla facilità di base e alla relativa brevità, che però sono controbilanciate da un'offerta di extra contenutisticamente valida. Un titolo da non lasciarsi sfuggire.

COMMENTO

Negli ultimi mesi mi sono ritrovato, in maniera del tutto casuale, a giocare più di qualche Kirby e mi sono appassionato alle gesta del batuffolo rosa. L'oscuro Disegno è un ottimo episodio, in grado di sfruttare in modo efficace le caratteristiche tattili della console, senza però snaturare Kirby. In linea con la tradizione, non si tratta di un gioco lunghissimo o particolarmente difficile, ma i più smaliziati potranno cimentarsi nell'impresa di ottenere tutte le medaglie, che li terrà impegnati piuttosto a lungo!

GRAFICA:8.5Ottimo comparto grafico bidimensionale, graziato da tanti bei colori vivaci. Insomma, c'è tutto lo stile di Kirby!
SONORO:8Gran parte della colonna sonora è costituita da remix di temi provenienti dai precedenti episodi. Qualità audio ottima.
GIOCABILITà:9Il nuovo sistema di controllo è originale e funziona benissimo, senza sconvolgere eccessivamente la formula di gioco.
LONGEVITà:7.5La Storia dura pochino, come al solito, ma per raccogliere tutte le medaglie dovrete cimentarvi anche nelle altre modalità.
VOTO FINALE8.5
PRO:-Bello da vedere e da ascoltare
-Sistema di controllo originale e ben implementato
-Buona dotazione di extra...
CONTRO:-... ma Storia abbastanza breve, come da tradizione
-Boss fights “riciclate”
-Non tantissimi poteri speciali
Kirby Mass AttackL'ultimo episodio uscito su DS. Un prodotto abbastanza particolare all'interno della serie.
Kirby's Adventure WiiL'ultimo episodio uscito su Wii. In Italia è stato un successone!
SCHEDAGIOCO
Cover Kirby: L'Oscuro Disegno

Kirby: L'Oscuro Disegno

Scheda completa...
Kirby: L'oscuro Disegno2012-10-01 10:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni-nintendo-ds/kirby-l-oscuro-disegno/Il debutto di Kirby su Nintendo DS1020525VGNetwork.it