Hardware: Rivals

Dal calcio agli sparatutto: torna il dinamico mondo dei veicoli digitali!
Scritto da @ Dagheloril 14 gennaio 2016
Hardware: Rivals Recensione

L'avvento di ogni mese videoludico è salutato con gioia ed un pizzico di speranza dagli utenti PlayStation: nei giorni antecedenti il primo mercoledì del mese, infatti, non mancano le speculazioni inerenti i potenziali nuovi titoli che andranno a comporre l'offerta di PlayStation Plus, con conseguenti tripudi o fischi indecorosi.

A far parlare di sé, questo mese, ci pensa Hardware: Rivals, uno sparatutto dalle dinamiche più che collaudate in un passato (per quanto concerne il tema ludico) remoto, e che ben poco spazio ha avuto nelle ultime generazioni di console.


Autoscontro a suon di piombo

Con Hardware: Rivals festeggeranno i piloti più eclettici, capaci di esprimere la propria abilità al volante nelle condizioni (e nei contesti) più disparati: se qualche mese fa è stato il turno di Rocket League di offrire una variazione (calcistica) sul tema del racing game, questa volta è Hardware: Rivals a mischiare le carte in tavola, con un connubio di derapate e sparatorie che faranno la gioia dei giocatori più caciaroni.

Il titolo della Instant Game Collection targata PlayStation di questo mese, infatti, lancerà gli utenti all'interno di arene esclusivamente online dalle dimensioni piuttosto generose, dove ognuno potrà esprimere il proprio potenziale pirotecnico. Molti hanno avuto modo di provare il titolo nella sua versione Beta, ed è proprio per questi utenti che le cose potrebbero rivelarsi più amare del previsto: poche o addirittura nulle sono state le variazioni sul tema rispetto alla versione vetusta del titolo in questione, dal momento che Hardware: Rivals si presenta sul mercato bene o male nella stessa forma già apprezzata in precedenza, con soltanto poche “limature” a migliorare il quadro complessivo. 


Quattroruote vs Cingolati!

I giocatori, superato il preventivo tutorial, utile per prendere confidenza con i comandi, dovranno effettuare le prime, marginali, scelte, che consisteranno nel veicolo da utilizzare per scorazzare liberamente in una delle quattro arene presenti: questi si differenzieranno in tipiche Dune Buggy (o ben più generici fuoristrada) e Carri Armati, ognuno dei quali presenterà, com'è lecito, punti di forza e talloni d'Achille. Se, infatti, i fuoristrada mostreranno una manovrabilità ed un rateo di fuoco degno di nota, i tank la spunteranno sotto il profilo della potenza nuda e cruda e della strenua resistenza: la scelta del mezzo migliore, a seconda delle proprie strategie, sarà quindi fondamentale per far sì di non finire “ruote all'aria” più volte di quante saranno le uccisioni del nemico.

A rendere poi il tutto più frizzante ci penseranno gli immancabili power up disseminati sul campo di battaglia, che elargiranno utilissime armi secondarie, ognuna con le proprie caratteristiche specifiche – che andranno dall'aggancio automatico alla disattivazione delle armi nemiche – e utilissime ricariche per i parametri di salute e scudo: c'è da segnalare, però, sotto il profilo dei potenziamenti, un certo squilibrio, dal momento che la raccolta di un'arma secondaria, differente da quella in uso, automaticamente eliminerà dal proprio arsenale quella precedente, senza possibilità di scelta dinamica in fase di attacco, rendendo quindi fondamentale una conoscenza maniacale di ogni anfratto degli stage, in cui i giocatori potranno sfidarsi secondo quattro diverse tipologie di incontro, tutte, c'è da dirlo, alquanto classiche e stereotipate: a fare il paio con le immancabili modalità Deathmatch tutti contro tutti e a squadre, troveremo infatti un altrettanto classico Dominio a Squadre, dove sarà fondamentale prendere possesso dei vari punti strategici segnalati, ed Eliminazione a Squadre, dove soltanto il Last Man Standing garantirà ai propri compagni di squadra la vittoria. Varietà, certo, ma senza inventare né sdoganare.


Acquisto borderline?

Hardware: Rivals, pur non brillando per i contenuti, mostra un comparto tecnico che non delude, con un frame-rate che non presenta segni di cedimento evidenti nemmeno nelle fasi più concitate. Qualche aggiustamento sotto il profilo della manovrabilità dei mezzi non sarebbe stata cosa sgradita, vista l'eccessiva legnosità delle invece (nella realtà) sguscianti Buggy, e questo ci porta a differenziare un pochettino il nostro punto di vista generale su questo Hardware: Rivals: la sua natura di titolo gratuito inserito all'interno della Instant Game Collection di PlayStation Plus ci permette infatti di essere un pelo più indulgenti consentendoci di elevarlo oltre la sufficienza. Tutt'altra storia se doveste sborsare 20,99€ per acquistarlo ex-novo, visto il basso rapporto contenuti/prezzo.

Insomma, un titolo godibile mantenendo le aspettative adeguatamente basse, che potrebbe sorprendere o deludere, a seconda dell'approccio e dello stato d'animo con cui ci si appresta a giocarlo.

PRO:- Gameplay che ha fatto la storia
- Comparto tecnico discreto
CONTRO:- Poca varietà di modalità e veicoli
- Scarsa manovrabilità dei mezzi
- Prezzo elevato in rapporto ai contenuti
Twisted MetalL'ultima apparizione di un brand che ha fatto la storia di PlayStation, a suon di veicoli e sparatorie mozzafiato!
Rocket League ( PS4 )Un'altra interpretazione dei veicoli, questa volta in salsa calcistica: un titolo imperdibile, da giocare e rigiocare online!
VOTO FINALE6
SCHEDAGIOCO
Cover Hardware: Rivals

Hardware: Rivals

  • data d'uscita: 05 gennaio 2016
  • produttore: Sony Computer Entertainment
  • sviluppatore: SCE Connected Content Group
  • Genere: Azione
  • Multiplayer: Online
Scheda completa...
Hardware: Rivals2016-01-14 18:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni-playstation-4/hardware-rivals-52168/Dal calcio agli sparatutto: torna il dinamico mondo dei veicoli digitali!1020525VGNetwork.it