Football Manager Classic 2014

Il manageriale per eccellenza torna su console portatile
Scritto da @ Dagheloril 28 aprile 2014
Football Manager Classic 2014 Recensione
Molto probabilmente non sono in molti a conoscere le vere origini della serie Football Manager, nonostante sia sterminata la massa di giocatori che annualmente fa propria una copia del manageriale calcistico più famoso di sempre: ebbene si parla del 1982, anno che vide la nascita del marchio Football Manager ad opera di Kevin Toms; soltanto dopo altre tre edizioni, dilazionate nel tempo, il marchio ha visto SEGA farsene carico, pronta a rilanciarlo, a partire dal 2005, ed a stabilirne cadenza fissa annuale. L’arrivo sul mercato delle varie console portatili ha poi portato il brand a sdoganare dal classico PC, per giungere fin nelle tasche dei giocatori, al fine di intrattenerli anche durante una fugace corsa in metro o durante uno spostamento in autobus: ebbene dopo una fugace apparizione su PSP con Football Manager Handheld, il marchio edito da SEGA torna a calcare la scena ludica portatile con questo Football Manager Classic 2014, che cerca di trasportare sul ridotto schermo di PS Vita tutto il divertimento della versione casalinga! 

Nuovi Ferguson crescono! 

La prima comparsata di Football Manager su PSP non fu propriamente indimenticabile: il fascino del brand c’era, ma mancava quel certo non so che, quello stesso non so che capace di trasformare la serie su PC in un continuo best seller, anno dopo anno. Questa volta gli sviluppatori sembrano essersi decisamente all’opera per instillare anche nella copia portatile tutto il fascino di quella casalinga, e l’esperimento sembra aver portato i suoi frutti. Una volta lanciato il gioco ed inseriti i dati preliminari con i propri dati di allenatore, si potrà infatti, selezionata la modalità Classic, selezionare fino ad un massimo di tre campionati (scegliendo anche quali categorie di ognuno tenere d’occhio attivamente) prima di dare il via alle danze: tutti gli aspetti concernenti l’attività di allenatore sono fedelmente riproposti, e chiederanno ai giocatori di badare ai più svariati aspetti, dall’impostazione dell’allenamento allo scouting di giovani promesse, senza dimenticare le conferenze stampa cui prender parte, snellite e rese quintessenziali per non interrompere troppo il già frammentario impianto di gioco, e che avranno un reale effetto, a seconda delle proprie dichiarazioni, sui rapporti interpersonali con dirigenza, staff tecnico e rosa dei giocatori; per quanto riguarda la parte manageriale, il titolo offre come sempre la possibilità di andare a caccia di offerte tra i giocatori presenti nel database: non saremo però noi a gestire le trattative per l’acquisto dei pezzi pregiati messi sul mercato, dal momento che ci penserà il Direttore Sportivo, una volta fissato un tetto massimo, ad intavolare le trattative, lasciando a noi soltanto l’onere di discutere i dettagli contrattuali con giocatore ed agente.

Allacciate gli scarpini, è tempo di scendere in campo!

Dal punto di vista della gestione manageriale vera e propria durante le partite, il gioco si presenta snellito rispetto alla versione casalinga, con una interfaccia user friendly che sicuramente aiuterà anche i meno avvezzi ai manageriali su portatile: se da un lato abbiamo infatti un touchscreen che non riesce a fare le veci del mouse (ma di questo ne parleremo più avanti, ndr), dall’altro abbiamo una serie di feature che alleggeriranno i gravosi compiti che possono determinare l’esito di una partita; arriverà infatti in soccorso di ogni allenatore virtuale il proprio vice che, in base allo svolgersi delle azioni sul campo da gioco virtuale, elargirà utili consigli su particolari avversari da marcare, o sulla condotta di gioco da adottare in determinati frangenti, tutti applicabili subitaneamente previa la pressione della porzione di schermo in cui andranno a localizzarsi, per pochi secondi, i summenzionati accorgimenti. Sul piano tecnico il gioco non mostra evidenti lacune: se il comparto grafico altro non è che una mera cornice a quello che è il reale gameplay manageriale del gioco, e che quindi non brilla certo per pulizia e definizione, dall’altro abbiamo un buon comparto sonoro, che accompagna degnamente le azioni che si sviluppano su schermo: certo, qualche musica di sottofondo durante le fasi di “Non-gioco” sarebbe stata gradita, ma è un fattore che non inficia certo la buona riuscita del prodotto finale. Quello che lascia l’amaro in bocca è un po’ l’utilizzo del Touchscreen: se da un lato risulta molto intuitivo, dall’altro bisogna 
evidenziare una parziale difficoltà nella pressione delle icone specifiche, viste le loro ridotte dimensioni, che evidenziano la loro natura prettamente “per mouse”, e che non poche volte porteranno i giocatori a pressioni errate, con conseguente perdita di tempo inutile dettato dai caricamenti. Il complesso però mostra un gioco buono, decisamente migliore rispetto al predecessore, ma che può comunque migliorare sotto svariati aspetti: essendo la seconda uscita, e visti i passi in avanti, non possiamo che essere fiduciosi per il futuro!
COMMENTO
@ Daghelor

Football Manager ha sempre il suo fascino, che sia la versione domestica oppure quella portatile: la possibilità di prendere decisioni e cambiare il corso di intere stagioni ha da sempre catturato milioni di calciofili, e con questo Football Manager Classic 2014 raggiunge il suo apice sull'handheld Sony. Certo, di cose da migliorare ce ne sono, ma la strada intrapresa, dopo il non tanto convincente capitolo PSP, sembra quella giusta. Avanti così!

GRAFICA:6Fa la sua parte senza infamia e senza lode.
SONORO:7Buona l’atmosfera da stadio, maluccio l’assenza di musiche di sottofondo durante la navigazione dei menu.
GIOCABILITà:7Buona l’intuitività, un po’ meno l’utilizzo del Touchscreen su operazioni che denotano la necessità del mouse.
LONGEVITà:9Come da canoni della serie, “ruberà” ai giocatori parecchie ore
VOTO FINALE7.5
PRO:- Migliorato sotto numerosi aspetti
CONTRO:- Implementazione del Touchscreen da rivedere
Football Manager 2014La versione casalinga del titolo: un ottimo modo per fruire dell'esperienza del titolo SEGA nella sua interezza.
FIFA 14 ( PS Vita )Il calcio, quello vero, quello giocato, su PS Vita è solo FIFA!
SCHEDAGIOCO
Cover Football Manager Classic 2014

Football Manager Classic 2014

Scheda completa...
Football Manager Classic 2014 2014-04-28 09:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni-ps-vita/football-manager-classic-2014/Il manageriale per eccellenza torna su console portatile1020525VGNetwork.it