FAST Racing NEO

Ringraziamo, per l'ennesima volta, i team indipendenti
Scritto da Mailil 08 dicembre 2015
FAST Racing NEO Recensione

Diciamoci la verità, ci sono un sacco di sottogeneri che non riescono più a trovare spazio nel mercato attuale, e che chiunque abbia più di 20 anni vorrebbe rivedere, possibilmente abbinati ai suoi brand storici. Di giochi di macchine ne escono a iosa, declinati in qualsiasi modo possibile. Tranne uno. Dove sono finite i giochi di corse futuristiche? Se è vero che Wipeout, anche se solo su portatile, ha fatto la sua ultima uscita nel 2012, di F-Zero se ne sono perse le tracce nel 2004 con F-Zero Climax per Game Boy Advance. I ragazzi tedeschi di Shin’en hanno deciso di metterci una pezza con il loro FAST Racing NEO in esclusiva per Wii U, ed è una pezza di ottima qualità.


Oltre il muro del suono

Gli elementi chiave dei racing game futuristici non sono poi così tanti: “macchine” che sembrano astronavi e fluttuano, ambientazioni dal futuro, rispetto per la fisica reale tendente allo zero, velocità smodata (cit.) e musica techno. Poi però bisogna fare in modo che tutto funzioni, e non si può dire che Shin’en non si sia impegnata, ma partiamo dall’inizio: già dall’avvio si può subito notare come le modalità proposte siano i classici tornei da 4 piste ognuno, il Time Attack e il Multiplayer, sia locale sia online. A questi must del giochi di guida si aggiunge una nuova modalità, detta Hero Mode, nella quale i percorsi saranno specchiati, la barra del turbo servirà anche da barra di resistenza del proprio mezzo, la velocità sarà massima e nel caso di caduta fuori dalla pista, o distruzione del veicolo, bisognerà ricomincire la gara dall’inizio. Ah, è anche obbligatorio arrivare primi per passare al tracciato successivo.

Torniamo con piedi per terra e parliamo delle modalità più congeniali all’uomo medio: innanzitutto i tornei classici sono divisi in tre sezioni in base alla difficoltà, e a sua volta ognuna delle tre contiene i medesimi quattro tornei da quattro piste l’uno, arrivando così ad un numero complessivo di 16 tracciati. Per poter sbloccare il torneo successivo è necessario arrivare almeno al terzo posto, cosa che garantirà anche l’accesso ad un nuovo veicolo, la somma dei quali arriva a 10. Il Time Attack è un classicissimo Time Attack, al quale però manca il caratteristico fantasma a farci compagnia nelle gare. Il multiplayer, invece, vede confrontarsi fino a 4 giocatori in locale e fino ad 8 in modalità online.


Correre ad un metro da terra

FAST Racing NEO mette sul piatto tutti quegli elementi di gameplay che hanno stregato i fan di questa specifica tipologia di giochi di corse. Le macchine vanno a velocità folle, ed il senso di questa è assolutamente tangibile. Le piste presentano vie alternative, salti e sezioni praticamente di volo, con un’altissima possibilità di andare fuori pista. Il livello di difficoltà riesce a mettere in difficoltà anche nelle prime battute, dove gli altri veicoli superano prepotentemente il giocatore ad ogni occasione e, soprattutto, una caduta fuori pista significa la perdita di sette/otto posizioni in classifica, così da rendere estremamente difficile il riuscire a tornare dove si era prima dell’errore. La barra del boost, immancabile, si ricarica tramite la raccolta di sfere sparse per le piste, collocate in modo decisamente intelligente così da non far fare a chiunque incetta di queste, se non guidando in modo estremamente pulito. La novità inserita da Shin’en è però quella del doppio colore della macchina: sui tracciati troveremo le classiche pedane che garantiscono un’accelerazione momentanea. In questo caso però saranno alternativamente azzurre o arancio, e sarà compito del giocatore cambiare prontamente il colore della macchina in quello corrispondente alla pedana, così da avere il bonus; in caso contrario, invece, non solo non si otterrà la spinta aggiuntiva desiderata, ma si sarà anzi vittima di un rallentamento. Funziona tutto benissimo ed il gioco fila che è un piacere. L’unico reale difetto è il design dei tracciati, il quale è terribilmente altalenante e alterna piste davvero ben realizzate, nelle quali si vedono degli spunti ottimi per variare il gameplay ad altre molto più banali. Il problema è che queste idee rimangono limitate al singolo tracciato, e spesso non sono ripetute neanche all’interno dello stesso. Altre piste invece sono semplicemente piatte o estremamente brevi. Quello che viene da domandarsi è perché questi spunti non siano stati sfruttati di più.


Velocità o grafica?

Il Wii U non è un mostro di potenza, e questo lo sappiamo già tutti. I giochi di guida, soprattutto quelli che puntano a rendere un’idea di velocità così tanto marcata, necessitano di un frame rate notevole. I ragazzi di Shin’en hanno quindi puntato tutto al raggiungimento dei 60 fotogrammi per secondo, dovendo sacrificare altre cose. È vero che abbiamo visto con Mario Kart 8 come si possa raggiungere un frame rate elevato senza sacrificare il numero di poligoni e gli effetti, sarebbe però ingiusto mettere a confronto i due titoli, visti i diversi budget a disposizione ed il differente know how di EAD e di Shin’en. FAST Racing NEO mantiene i 60fps senza il minimo inciampo in qualsiasi situazione, restituendo un grande senso di velocità. L’effettistica è del tutto assente (scordatevi anche il più banale antialiasing), e la risoluzione è ferma a 720p. I modelli dei veicoli non sono affatto male, ma questa pulizia è utile più per vederli in fase di selezione che per altro. In conclusione abbiamo apprezzato queste scelte di Shin’en; avessero riposto più cura in altro piuttosto che in un frame rate granitico probabilmente si sarebbe perso l’elemento cardine del gioco.

La colonna sonora rientra perfettamente nei crismi del genere, proponendo pezzi di musica elettronica tendenzialmente ben realizzati, seppure un po’ ripetitivi. Soprattutto in cuffia le musiche fanno assolutamente il loro lavoro nell’aumentare l’adrenalina nel giocatore già in tensione nel tentativo di seguire cosa avviene a schermo.

FAST Racing NEO è quindi un buon gioco, che ha come maggior difetto un design delle piste non sempre adeguato, rimbalzando tra grandi idee ed il piattume. C’è un grandissimo senso di velocità, il livello di sfida è elevato, ed è possibile buttarsi sull’Hero Mode nel caso ci si senta in grado di affrontarlo. C’è da aggiungere a quelli che sono gli elementi di un gioco in fondo ben realizzato il fattore nostalgia, dal momento che tutti gli amanti del genere non hanno modo di gareggiare su macchine del futuro da un bel po’ di anni. Il titolo è venduto sull’eshop di Nintendo a €15, un prezzo decisamente basso se pensiamo alla media dello store o anche al solo fatto che i contenuti disponibili bastano a rendere decisamente rigiocabile e longevo il titolo.

PRO:- Finalmente si torna a gareggiare sui bolidi del futuro
- Grande senso di velocità
- Hero Mode
CONTRO:- Design delle piste altalenante
- La grafica nuda e cruda non è granché
Mario Kart 8Il miglior episodio della serie, e dopo l'aggiunta dei 200cc è velocissimo!
WipEout 2048Un gran gioco di corse nel futuro, l'unico problema è il doversi accontentare di uno schermo portatile. Ma, hey, c'è PSTV!
VOTO FINALE8
SCHEDAGIOCO
Cover FAST Racing NEO

FAST Racing NEO

  • data d'uscita: 10 dicembre 2015
  • produttore: Shin'en Multimedia
  • sviluppatore: Shin'en Multimedia
  • Genere: Corse Arcade
  • Multiplayer: Online e Locale
Scheda completa...
FAST Racing NEO2015-12-08 16:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni-wii-u/fast-racing-neo-51657/Ringraziamo, per l'ennesima volta, i team indipendenti1020525VGNetwork.it