Mario Kart 8

Il Gran Premio nel Regno dei Funghi
Scritto da Mail@ FedeGiacoil 15 maggio 2014
Mario Kart 8 Recensione

Probabilmente l'E3 del 2013 non sarà tra quelli che i posteri studieranno sui libri di storia, però anche quell'anno non mancarono le belle sorprese. Sul fronte Nintendo, uno degli highlight fu senza dubbio la presentazione di Mario Kart 8. Certo, il fatto che lo presentarono non fu di per sé una sorpresa, in quanto già sapevamo da un Direct precedente che il titolo era in sviluppo, ma ancora non si era visto nulla sul fronte del gameplay. Ebbene, bastarono pochi fotogrammi di gioco per far capire che Mario Kart 8 c'era ed era pronto a fare il suo debutto su Wii U nel migliore dei modi.Da quel giorno sono passati circa 11 mesi e finalmente l'attesa è terminata, infatti – col gioco tra le mani – abbiamo avuto modo di sviscerarlo per bene e siamo pronti a dare un responso.

IFrame


Percorso di vita

Da dove partire? Ovviamente da uno degli aspetti che contribuisce in maniera prepotente a rendere grande o far deragliare qualsiasi gioco di guida che si rispetti, i percorsi.Come gli sviluppatori della serie amano ricordare, ogni nuovo Mario Kart non è semplicemente un'evoluzione del capitolo precedente, o almeno non lo è in senso stretto, infatti lo sviluppo parte sempre da zero ed ogni idea viene rivista, ampliata o scartata a seconda di come è stata accolta dal pubblico.Mario Kart 8 non fa eccezione ed arriva su Wii U pregno di novità, la più grande delle quali è senza dubbio l'introduzione dell'antigravità. Se nella settima incarnazione della saga su 3DS avevamo già avuto un notevole stravolgimento della formula classica di guida, grazie all'inserimento dei deltaplani per librarsi nell'aria e l'elica posteriore per guidare sott'acqua, adesso il gioco fa un ulteriore passo in avanti e ci permette, in appositi tratti, di continuare la nostra corsa su muri inclinati, pareti, soffitti ed amenità di ogni genere.L'orpello, ovviamente, non è soltanto estetico, ma ha permesso invece agli sviluppatori di sbizzarrirsi e dare sfogo in toto alla propria creatività, portandoci a percorrere decine di percorsi dal design assolutamente fuori di testa.Il totale dei circuiti è 32 e come da tradizione abbiamo a disposizione 16 piste nuove e 16 piste riprese dai vecchi episodi. In questo caso, però, potremmo quasi parlare di 32 percorsi inediti, infatti il lavoro di “ritocco” operato sui circuiti classici è veramente notevole e, soprattutto grazie alla già citata antigravità, il design che ricordavamo è stato pesantemente modificato.Aria, acqua e gravità alterata, ve lo assicuriamo, sono un mix esplosivo e mischiati insieme danno vita ad un cocktail che sa di novità ed incontrerà senza dubbio il gusto tanto dei fans storici, quanto dei nuovi giocatori.


Un guscio a te, una banana a me...anzi, il contrario

Se il track design risulta stellare nel vero senso della parola, da solo esso non sarebbe sufficiente a fare di Mario Kart 8 un degno esponente della serie.Parlando di gameplay, una delle critiche che – a partire dall'episodio Wii – si sono sentite più spesso da parte dei fan “hardcore” è stata nei confronti dell'abbassamento del livello di bravura richiesto per vincere, assottigliatosi in favore del fattore “casualità”. Uno dei pilastri portanti della serie - lo sanno tutti - sono gli strumenti, che da sempre aiutano a rendere imprevedibile ogni gara nel mondo di Mario Kart. Ultimamente, però, si era effettivamente andati un po' troppo oltre, infatti riuscire a difendersi da certi oggetti era diventato praticamente impossibile e la cadenza degli attacchi da parte dei giocatori nelle file posteriori era qualcosa di addirittura frustrante, soprattutto per chi aveva molta esperienza nella guida e si vedeva sfumare continuamente la vittoria senza poter fare nulla.In Mario Kart 8, fortunatamente, si è lavorato molto in questo senso ed il bilanciamento è tornato un fattore preponderante. Gli strumenti ovviamente sono ancora importantissimi e non mancheranno i momenti in cui, a pochi metri dal finale, vi ritroverete colpiti da un guscio blu e finirete per essere superati dai vostri avversari che tanto avevate faticato a tenere dietro, anche perché senza questo non sarebbe Mario Kart, però le cose ora funzionano molto meglio. La maggiore differenza rispetto ai capitoli precedenti consiste nella possibilità di tenere un solo strumento alla volta. Anche nel caso abbiate, per esempio, una banana e decidiate di tenerla attiva dietro di voi in modo che vi salvi da eventuali gusci rossi, passando sopra alla cassa strumenti, essa non vi darà un altro oggetto da tenere di scorta, ma dovrete invece consumare prima quello in uso per poi averne un altro.Potrebbe apparire come una cosa da poco, ma è una differenza sostanziale che abbassa di molto la cadenza con la quale vengono lanciati gli oggetti più pericolosi e riporta l'accento sulle fasi di guida.


Di tutto e di più

Le novità di Mario Kart 8 non si limitano alle modifiche di gameplay, ma c'è molto di più. Oltre a diversi nuovi strumenti quali l'ottomatto, il boomerang o la pianta Piranha, a farla da padrone sono le nuove modalità legate all'online. Finalmente, e ne siamo davvero felici, Nintendo sembra aver capito l'importanza del gioco in rete ed ha deciso di fare le cose per bene. In Mario Kart 8, quindi, avrete davvero di che divertirvi, sia con i vostri amici reali che con quelli virtuali. Partiamo con la modalità più classica, la corsa in singolo online. In questo caso verrete catapultati in una lobby assieme ad altri giocatori che avranno selezionato la stessa opzione e dovrete semplicemente votare un percorso tra quelli disponibili, aspettare che il sistema di selezione faccia il suo corso e correre contro un massimo di 11 piloti. A fine gara, a seconda della posizione ottenuta, verrete premiati o privati di un certo quantitativo di punti, punteggio che partirà da 1000 ed andrà a crescere o decrescere a seconda del vostro storico di gare.Allo stesso modo funziona la modalità battaglia, con la differenza che per vincere non dovrete arrivare primi, ma dovrete invece cercare di far saltare tutti i palloncini agli avversari, preservando i vostri. In questo caso ci sentiamo di muovere una critica, infatti non sono presenti delle arene apposite per le battaglie, che si consumeranno invece nei percorsi classici e non sempre risulteranno così intuitive come ci si aspetterebbe.Esiste poi la gara personalizzata, che – come dice il nome – permette di scegliere le regole che preferite, ad esempio gareggiando senza oggetti, solo con determinate categorie di strumenti, solo con le moto o con i kart, con controlli giroscopio o normali e così via.Come se non bastasse, si potrà correre in split screen con un amico reale, ma online contro giocatori di tutto il mondo.Infine, c'è quella che è probabilmente la novità più interessante per quanto concerne l'online, ovvero i tornei. I tornei possono essere organizzati da chiunque, basterà deciderne le regole e l'orario ed ecco che comparirà la vostra stanza personalizzata alla quale potranno accedere i giocatori e competere con una classifica legata a quella competizione. Assieme al torneo verrà anche creato un gruppo sul Miiverse, nel quale i partecipanti potranno scambiarsi messaggi ed uppare i video migliori. A proposito di video, come non citare la Mario Kart TV, una nuova sezione tutta dedicata agli highlights delle vostre corse. Alla fine di ogni gara potrete creare (tramite la selezione di alcune opzioni) dei video dalla durata di 30, 45, 60 secondi o lunghi quanto tutta la gara ed essi potranno essere uplodati sul Miiverse o su youtube, così che tutti possano essere resi partecipi delle vostre sfide più emozionanti. E se ve lo state chiedendo, almeno per quella che è stata la nostra esperienza, dopo parecchie ore spese a gareggiare in rete non c'è stato mai un filo di lag od un crash, quindi speriamo che una volta uscito ufficialmente il gioco i server continuino a reggere così bene.

Se l'online è una parte sostanziosa dell'esperienza in Mario Kart 8, la componente offline non è affatto stata messa da parte, anzi. Rimangono i consueti 8 Gran Premi da vincere, affrontabili a difficoltà facile, media o difficile (50cc, 100cc, 150cc), più la modalità speculare che si sblocca una volta superate tutte le gare classiche. Ci sono parecchi personaggi segreti, tantissimi timbri da ottenere e parti di veicolo da guadagnare, raccogliendo le monete in pista.La personalizzazione dei veicoli è stata ampliata rispetto al settimo episodio e mischiando le diverse parti si possono ottenere moltissime combinazioni, ognuna con determinate caratteristiche di velocità, accelerazione, peso, ecc...Ovviamente si può ancora gareggiare in split-screen fino a 4 giocatori offline, sia in Gran Premio che in gare personalizzate e battaglie.

Il gamepad, invece, ha un'utilità limitata e sullo schermo potrete vedere la posizione degli avversari, il percorso, oppure usarlo per giocare trasferendo l'immagine dalla TV allo schermino.


Gusci in HD

Giocando a Mario Kart 8, è impossibile non rimanere stupiti dalla componente visiva dell'opera, che è veramente qualcosa di magnifico. Lasciando da parte i tecnicismi, difficilmente si era visto un titolo proporre colori tanto vibranti e luci così vivide, unite a modelli poligonali dettagliati ed espressivi come mai prima d'ora.Anche i circuiti sono uno spettacolo per gli occhi, saturi di particolari che aiutano a creare un'atmosfera piena e movimentata in ogni momento, il tutto a 60fps fissi e senza mai un'incertezza.Infine, ma non meno importante, la componente sonora è altrettanto di spicco, con brani completamente suonati e registrati dal vivo, i quali propongono sonorità classiche e nuove che si sposano alla perfezione con la pista alla quale sono legati.


Un verdetto semplice

In definitiva, Mario Kart 8 è un titolo magnifico, pieno di particolari, che farà la felicità tanto dei fans di vecchia data, quanto dei neofiti. Se avete un Wii U, non c'è neppure da stare a pensarci, prenotatelo e non ve ne pentirete, mentre se ancora non possedete la casalinga “made in Nintendo”, forse sarebbe il momento di farci anche più di un pensierino.In Europa, oltretutto, il titolo farà parte di una promozione che permetterà, a chiunque lo acquisti, di poter scaricare un altro gioco gratuitamente, scegliendo tra una nutrita schiera di candidati.Davvero, non fatevelo sfuggire!

COMMENTO
Mail@ FedeGiaco

Considerando solo gli episodi per console casalinga, devo ammettere che Mario Kart Wii non incontrò alla perfezione i miei gusti e per certi versi non riuscii ad apprezzarlo completamente. Storia diversa, però, per Mario Kart 8 che mi ha invece stregato fin dal primo istante e penso proprio rimarrà nel mio Wii U per un tempo indefinito.

GRAFICA:10Il Wii U non fa di certo della forza bruta la sua arma principale, ma quando Nintendo ci mette lo zampino, sa come spremere le sue console.
SONORO:9.5Tracce registrate in studio dal vivo e la differenza la si sente, vi verrà voglia di giocare col volume al massimo.
GIOCABILITà:9Probabilmente il giusto compromesso tra party game e titolo di corse, siamo sicuri piacerà praticamente a tutti.
LONGEVITà:10Già il multiplayer fa di qualsiasi Mario Kart un titolo potenzialmente infinito, con un online così curato possiamo giocarci tranquillamente per anni.
VOTO FINALE9.5
PRO:- Online curato
- Fluido, fluido, fluidissimo!
- Track design fantastico
CONTRO:- Nessuna arena appositamente studiata per le battaglie
Super Mario 3D WorldUno dei migliori titoli su Wii U
Wii Party UNon un capolavoro, ma perfetto per le feste
SCHEDAGIOCO
Cover Mario Kart 8

Mario Kart 8

Scheda completa...
Mario Kart 82014-05-15 12:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni-wii-u/mario-kart-8/Il Gran Premio nel Regno dei Funghi1020525VGNetwork.it