Star Fox Zero

La volpe Nintendo torna alla carica
Scritto da il 20 aprile 2016
Star Fox Zero Recensione

Io ve lo dico: proporre nel 2016 un gioco come Star Fox Zero è un rischio enorme. Perché lo affermo? Beh è semplice, in un mercato fatto di FPS multiplayer, RPG colossali ed action game di ogni genere dar vita ad un arcade shooter su binari potrebbe essere visto da molti come un qualcosa di assolutamente anacronistico. Qualcuno direbbe addirittura che non c’è più spazio per prodotti di questo tipo, eppure Nintendo ha voluto donare alla sua famosa serie un nuovo fiammante episodio, per di più in alta definizione! L’azienda giapponese però non è nuova alle sfide, basti pensare ai Metroid Prime, a Wind Waker o a Mario Sunshine: tutti esempi di giochi dall’alto tasso di rischio ma che in un modo o nell’altro sono rimasti ben impressi nei ricordi di milioni di giocatori. Ecco cos’è Star Fox Zero: un’enorme scommessa che vi racconterò fin nel più piccolo dettaglio.


Sento odore di reboot…

Il termine che più di tutti si avvicina a descrivere l’essenza di Star Fox Zero è reboot. Avviata una nuova partita ci si accorgerà infatti di come background, personaggi ed ambientazioni verranno reintrodotti come fosse la prima volta, anche se poi gli eventi prenderanno pieghe del tutto differenti. Una scelta che in un primo momento potrebbe far storcere il naso ai fan di vecchia data ma che ben presto si rivela essere assai furba in quanto ha donato agli sviluppatori un elevato grado di libertà. La narrazione non è tuttavia l’unica componente in cui si è assistiti ad un reboot: anche nel gameplay le modifiche apportate abbondano e ruotano tutte o quasi attorno al doppio schermo di Wii U. Ecco un ennesimo rischio che Nintendo si è assunta poiché sappiamo tutti quanto sia risultato indigesto il pad-tablet della console al grande pubblico. State già iniziando a tremare?


Alto tasso di adrenalina

Bisogna ammettere che le prime build del titolo non avevano lasciato una buona impressione ai giornalisti che le avevano provate: gameplay lento, sistema di controllo macchinoso, comparto tecnico arretrato… Tutto faceva pensare ad un vero e proprio disastro annunciato, cosa che fortunatamente però non si è assolutamente verificata. Da un punto di vista meramente strutturale, Star Fox Zero si comporta esattamente come i suoi predecessori dai quali eredita l’intero impianto dei livelli. Una pratica mappa consentirà l’accesso alle varie location che richiedono di affrontare percorsi prestabiliti con lo scopo di eliminare il più alto quantitativo di nemici possibile. Il mezzo che saremo chiamati a pilotare modificherà di conseguenza anche il gameplay vero e proprio che però rimarrà sempre ben inscritto all’interno del macro-genere degli shooter arcade. Con l’Arwing o il Landmaster solitamente si avanza in automatico mentre con il Wolker ed il Gyrowing ci viene data maggior libertà di azione, consentendoci addirittura di esplorare in tutta tranquillità, si fa per dire, la mappa di gioco. 


Come ti gioco la partita

Ciò che più è cambiato è il come si pilota: Nintendo ha infatti voluto utilizzare entrambi gli schermi di cui è dotata la console per mostrare la partita in atto da due punti di vista differenti. Sullo schermo della TV avremo la panoramica generale mentre sul pad la visuale dall’abitacolo del mezzo. Di conseguenza mirare non sarà più una prerogativa del solo analogico sinistro ma potremo aggiustare il tiro grazie anche al giroscopio; inizialmente farete fatica a centrare l’obiettivo ma dopo un po’ di pratica tutto acquisterà una maggior fluidità e naturalezza. Non mancheranno evoluzioni di ogni genere per invertire il senso di marcia, fare piroette o sfuggire ai nemici, così come avremo a disposizione bombe e potenziamenti per recuperare la barra della vita.

Quando si parla di shooter arcade su binari, uno dei primi problemi che balza alla mente è la longevità. Questa tipologia di titoli punta infatti più alla rigiocabilità dei livelli che alla loro mera quantità e anche Star Fox Zero non fa eccezione. Durante le varie partite infatti ci sono numerosi collezionabili da raccogliere nonché percorsi secondari da scoprire. I primi daranno accesso alle missioni di addestramento, ognuna con uno specifico obiettivo da portare a termine, i secondi invece condurranno a boss opzionali molto più coriacei del normale. Un’offerta tutto sommato discreta, anche se in effetti qualche livello in più non avrebbe di certo guastato. 


L’importanza dei dettagli

Fino ad ora il gioco sviluppato da Nintendo EPD e PlatinumGames sembra essere un buon prodotto, ma graficamente invece come si comporta? In principio il comparto tecnico era apparso assai sottotono, molto rudimentale e per niente spettacolare, tuttavia l’aver rimandato di alcuni mesi la sua uscita ha consentito ai developer di raffinarne l’estetica per rendere tutto molto più gradevole. Sia ben chiaro che non sono stati fatti passi da gigante, anche perché Wii U deve renderizzare l’immagine di ben due schermi, quanto mostrato dalla console però raggiunge un buon livello di qualità sia per pulizia visiva che fluidità, che ricordiamo essere costantemente inchiodata ai 60 frame per secondo. Assai ispirata la colonna sonora, la quale affianca a brani storici della serie anche pezzi inediti, così come è apprezzabile l’inaspettato doppiaggio in lingua italiana. 


Pericolo scampato! 

Il rischio di consegnare all’utenza un prodotto tutt’altro che buono era alto, anche perché molto tempo era passato dall’ultimo capitolo inedito della serie. Nintendo però ha fatto le cose per bene, si é presa il tempo che serviva ed ha dato vita ad un buonissimo shooter arcade su binari. Certo, non è affatto un capolavoro, ma il titolo riesce a divertire quanto basta per tenervi incollati al pad un discreto quantitativo di ore. Qualche difetto c’è eccome, per esempio la discutibile modalità multigiocatore o il limitato numero di livelli, nonostante ciò Star Fox Zero può essere considerato come un ottimo punto di partenza per un ritorno in grande stile di questa storica serie. Avete un Wii U? Allora DOVETE avere anche l’ultima avventura di Fox McCloud!

PRO:- Ottimo frame rate
- Rigiocabilità alta
- Controlli che funzionano
CONTRO:- Qualche livello in più non avrebbe guastato
- Il multiplayer è assai discutibile
Star Fox 64 3DUn ottimo modo per prendere familiarità con la serie è giocare il remake realizzato per Nintendo 3DS
Sin and Punishment: Successor of the SkiesUn titolo molto simile a Star Fox e che vi sorprenderà non poco grazie alla sua azione frenetica
VOTO FINALE8
SCHEDAGIOCO
Cover Star Fox Zero

Star Fox Zero

Scheda completa...
Star Fox Zero2016-04-20 17:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni-wii-u/star-fox-zero-53289/La volpe Nintendo torna alla carica1020525VGNetwork.it