Super Mario 3D World

Mario e soci nel regno delle fate
Scritto da Mail@ FedeGiacoil 19 novembre 2013
Super Mario 3D World Recensione

Era il “lontano” 30 novembre 2012 e sul suolo europeo si preparava ad approdare il Wii U, l'ultima arrivata in casa Nintendo, pronta a conquistare il mercato casalingo dopo il successo stratosferico del Wii. In seguito ad un lancio più che buono, però, qualcosa non è andato nel verso giusto: molti dei titoli previsti per la finestra di lancio sono slittati a data da destinarsi, le vendite sono andate in calando e - come conseguenza - il supporto terze parti, da sempre il tallone d'Achille di Nintendo, ha latitato molto.Un anno è quasi passato, la situazione del Wii U – dal punto di vista delle vendite – è ancora lontana dall'essere perfetta, ma il 29 del mese, per tutti i fan della casa di Kyoto, è un giorno da segnare sul calendario. Oltre ad essere la vigilia di compleanno dell'uscita del Wii U in Europa, è anche il giorno dell'arrivo nei negozi di Super Mario 3D World. E allora, quale miglior regalo potrebbe esserci, se non una bella copia nuova fiammante dell'ennesimo, grande lavoro sfornato dalle mani di Nintendo EAD?


Un idraulico nel regno delle fate

Già, un altro grande titolo, perché non vogliamo lasciarvi troppo sulle spine (tanto sappiamo che andate subito al fondo a vedere il voto, non mentite ndr.), Super Mario 3D World è un gioiello veramente raro e prezioso, accuratamente forgiato e levigato dalle sapienti mani di uno dei team più talentuosi - se non il più talentuoso in assoluto – che Nintendo annovera tra le sue schiere, Nintendo EAD.Mario e compagni, in una quieta serata di mezza estate (o di chissà quale stagione, nel regno dei funghi il concetto di “tempo” è relativo) si ritrovano a passeggiare tranquillamente lungo una stradina desolata, quando dal profondo della terra il sempreverde Bowser fa la sua comparsa. Per una volta, però, la principessa Peach non si ritrova ad essere l'oggetto del desiderio del tartarugone spinoso, che si concentra invece nel rapire la Princifata. Il simpatico esserino volante - nonché principessa del regno delle fate - finisce così per essere imbottigliata in un'ampolla (quando lo fa Link non gli dicono niente!) da Bowser, il quale si dilegua in fretta lanciandosi in un tubo trasparente che sbuca dal terreno. Mario, Luigi, Toad e Peach, senza pensarci due volte, si buttano a loro volta nel tubo ed inizia così l'inseguimento che porterà i nostri amici a vivere un'altra stupenda avventura.


Salta che ti passa

Se c'è una cosa nella quale Nintendo è maestra e regina incontrastata, ancor di più adesso che non negli anni passati, è nel fare i platform come andrebbero fatti. Che si parli di platform 2D o 3D, l'eccellenza la si trova sempre su console Nintendo. Attenzione, questo non vuol dire che altre case non siano all'altezza ed in particolare Ubisoft, con Rayman Legends, ha dimostrato che i platform 2D hanno ancora molto da offrire, però è innegabile che il genere, soprattutto nella sua incarnazione 3D, stia vantando sempre meno esponenti degni di nota. Dopo il boom avuto con PS1 e Nintendo 64 nella seconda metà degli anni '90, al giorno d'oggi sono rimaste poche le software house che ancora fanno del genere platform il proprio cavallo di battaglia e Nintendo è una di queste.Super Mario 3D World è davvero un esempio esemplare di come un personaggio oramai trentennale, appartenente ad una serie videoludica altrettanto anziana, sappia ancora come rinnovarsi e risultare fresco ed innovativo. Nintendo EAD aveva già dato sfoggio della propria inventiva in più occasioni, prima con la serie Galaxy, oramai vero e proprio oggetto di culto per moltissimi appassionati e poi con Super Mario 3D Land su Nintendo 3DS, un titolo veramente “nuovo” nel vero senso della parola, dove Mario aveva la possibilità di sgambettare allegramente in una serie di livelli dalla visuale isometrica. Se avete seguito le gesta dell'idraulico baffuto su console portatile, avrete già un'idea di cosa vi aspetta in Super Mario 3D World, infatti il gameplay viene ripreso da 3D Land ed ampliato all'inverosimile.Appena appoggiate le paffute gambette di Mario e soci sul soffice terreno del regno delle fate, quello che viene trasmesso alle mani del giocatore è una sensazione di controllo totale. I comandi sono, come al solito, pochi e semplici, ma il loro lavoro lo svolgono egregiamente. Saltare, rotolare, nuotare e fare qualsiasi altra cosa all'interno dei mondi nati dalla fantasia degli sviluppatori è un'esperienza incredibilmente tangibile e difficile da descrivere senza averla provata in prima persona. Giocando in singolo, la visuale non è fissa come capitava invece su Nintendo 3DS, ma può essere spostata quasi sempre grazie all'analogico destro, rendendo di fatto il gioco molto più simile ad un episodio 3D “canonico” di quanto non fosse apparso dai primi video rilasciati.Volendo fare i pignoli, l'unica cosa alla quale occorre fare l'abitudine è la nuova prospettiva, che in certe situazioni rende un po' difficile prendere le giuste misure ed inizialmente vi porterà a qualche morte indesiderata, stessa cosa che già capitava in 3D Land e che in genere è il problema intrinseco di praticamente ogni platform 3D.Tolto quest'appunto, lasciarsi trasportare nell'atmosfera magica di Super Mario 3D World è veramente questione di pochi attimi. A mano a mano che si prosegue con i livelli, non si può che rimanere stupiti dalla quantità di situazioni ed idee messe in gioco dai ragazzi di Nintendo EAD. Tra livelli che vanno affrontati in corsa, livelli a bordo di mezzi di trasporto atipici come Plessie - un simpatico dinosauro – e livelli con sviluppo verticale, orizzontale, obliquo e chi più ne ha, più ne metta, non c'è davvero spazio per la noia. Il level design, del resto, non si discosta mai dall'eccellenza.Un aspetto che nei giochi di Mario 3D “post-Mario 64” è sempre stato oggetto di critiche da parte dei cosiddetti “hardcore gamers” è il livello di difficoltà. In Mario Sunshine, Mario Galaxy1 e 2 e Super Mario 3D Land - per i giocatori navigati - arrivare alla fine del gioco era davvero una passeggiata di piacere e la difficoltà stava invece nel trovare tutti gli extra e completare i livelli al 100%. Super Mario 3D World, anch'esso, non fa eccezione e propone un livello di difficoltà alla portata di tutti. Un giocatore abbastanza esperto, per completare i canonici 8 mondi di gioco senza badare a prendere i vari extra, impiegherà circa sulle 8/9 ore, ma se l'obbiettivo è invece quello di raccogliere tutte le stelline verdi, i timbri ed ottenere la bandiera dorata in ogni stage, il tempo di gioco si allunga esponenzialmente. Come se non bastasse, una volta completata la prima run non avrete che vissuto una piccola parte di Super Mario 3D World e da qui a considerare il gioco terminato ce ne passa. Oltre all'elevata rigiocabilità dei livelli per i motivi sopracitati, finiti gli otto mondi di base vi si sbloccheranno parecchie cose che ovviamente non vi diciamo per non rovinarvi la sorpresa, ma chi ha terminato 3D Land avrà già un'idea di cosa stiamo parlando.


Divertimento multiplo

La più grande novità di questo Super Mario 3D World, sbandierata fin dal primo annuncio, è il multiplayer a quattro giocatori. Per la prima volta in un Mario 3D, infatti, fino a quattro persone possono imbracciare uno dei pad supportati e lanciarsi all'avventura assieme ai propri amici.I personaggi selezionabili - in totale - sono cinque, ovvero: Mario, il più equilibrato della squadra, Luigi, il fratello baffuto di Mario, in grado di saltare più in alto di tutti, Peach, capace di compiere dei piccoli voli utili per salvarsi in certe situazioni, Toad, il funghetto velocista che può correre come un razzo ed infine Rosalinda, la special guest da Mario Galaxy, dotata di una piroetta letale che spazza via i nemici.Visto che ogni membro della squadra ha delle caratteristiche peculiari che lo rendono unico, la scelta del personaggio non sarà solamente estetica, ma avrà ripercussioni ai fini del gameplay. Per fare un esempio, un vostro amico particolarmente scarso potrebbe scegliere la principessa Peach, infatti con i suoi movimenti lenti e la possibilità di librarsi in aria non richiede un controllo perfetto per raggiungere le piattaforme. Al contrario, se chi ospitate a casa è un veterano dei platform, scegliere Toad potrebbe regalargli una sfida adeguata, infatti la maggior velocità è compensata da una conseguente maggiore difficoltà nel compiere salti precisi.Giocare in due, tre o quattro, ve lo assicuriamo, è un'esperienza veramente divertente che vi regalerà parecchi momenti di puro delirio da party game, sindrome che di certo i giocatori assidui di multiplayer locale conosceranno bene. Il divertimento, infatti, sta sia nell'aiutarsi a vicenda, ma sta anche e soprattutto nel cercare di primeggiare sui propri compagni. Come vi avevamo anticipato nell'anteprima, alla fine di ogni stage il gioco fornisce una graduatoria e pone su un podio virtuale il giocatore che ha ottenuto il punteggio maggiore, regalandogli una corona che potrà essere sfoggiata con spocchia nei livelli successivi. Quello che il malcapitato vincitore munito del sfarzoso orpello non sa, però, è che gli altri giocatori rimasti senza faranno di tutto per procurarselo, arrivando a compiere infamate senza eguali al fine di rubare la corona.Questo semplice stratagemma ideato dagli sviluppatori dona a quello che sarebbe stato un semplice multiplayer cooperativo una vena di competitività molto gradita.Parlando della scelta dei personaggi, infine, molti giocatori saranno felici di sapere che – in certi livelli – ci saranno dei pulsanti da premere che richiederanno per forza l'uso di questo o quel character ed apriranno la strada al raggiungimento di alcuni extra, così che anche se giocate in singolo vi venga voglia di variare il vostro protagonista.


44 gatti in fila per tre col resto di 2

La seconda novità, oltre al multiplayer, sulla quale Nintendo ha calcato la mano presentando Super Mario 3D World è l'introduzione di nuovi power-up. Il primo è la tuta-gatto, una speciale tuta che avvolgerà Mario e soci e gli donerà sembianze feline. Oltre all'aspetto - in questi momenti - i personaggi erediteranno anche le abilità dei gatti, ovvero una grande agilità e la possibilità di usare gli artigli per arrampicarsi su muri e piattaforme, così da arrivare in punti altrimenti irraggiungibili.Il secondo power-up inedito (ed è anche il mio preferito ndr.) è la ciliegia, la quale ha l'effetto di sdoppiare chiunque la tocchi. Vien da se che, più ciliegie si prendono, più personaggi si hanno a schermo, arrivando a muovere contemporaneamente un vero e proprio esercito mariesco. Oltre ad essere divertente da vedere, avere più personaggi spesso è utile per smuovere delle speciali piattaforme o per premere più pulsanti contemporaneamente, con conseguente sblocco di zone inedite.C'è inoltre un terzo power-up inedito, cioè un cannone da indossare a mo' di casco e che permette a chi lo porta di sparare proiettili letali. Per il resto, ovviamente, ricompaiono anche i classici potenziamenti che abbiamo imparato a conoscere in questi anni come il fiore di fuoco, il fiore boomerang, la tanooki suit, ecc...Parlando del Wii U gamepad, in Super Mario 3D World questo è sfruttato in maniera piuttosto blanda, ovvero solamente per muovere la visuale quando possibile, anche se è più comodo usare l'analogico destro, oppure per portare alla luce qualche segreto toccando il touch screen. In rare occasioni, poi, soffiando nel microfono si smuoveranno delle apposite piattaforme o si darà vita a qualche tipo d'interazione col mondo di gioco, ma davvero nulla d'incredibile.Il Miiverse, invece, funziona in maniera simile a quanto visto in New Super Mario Bros U, con l'opzione di lasciare commenti sparsi per i livelli e per la mappa, ma con in più la possibilità di ricevere i Mii altrui come ghosts nel proprio gioco, così da sfidarli in gare di velocità nei vari stage.Infine, i timbri che troverete durante l'avventura potranno essere utilizzati nei post del Miiverse per creare composizioni creative e divertenti.


Un mondo fiabesco

Oltre al gameplay, a rendere così incredibile Super Mario 3D World ci pensa anche l'aspetto tecnico. Graficamente il titolo EAD è qualcosa di assolutamente magnifico. Lasciando da parte numeri e frequenze, la direzione artistica del gioco è semplicemente stupefacente e più di una volta dovrete raccogliere la mascella da terra di fronte alle ambientazioni che vi si dipaneranno davanti. Gli sviluppatori, in barba alle molte chiacchiere che si sono fatte sull'hardware del Wii U, spazzano via ogni dubbio e ci regalano un aspetto visivo che – al colpo d'occhio - è quanto di più vicino alla computer grafica ci sia capitato di osservare, merito anche e soprattutto di texture definite, pulizia visiva ottima ed un sistema d'illuminazione che fornisce tinte cromatiche fiabesche e surreali che ben si sposano con lo spirito dell'avventura. In aggiunta, la fluidità è sempre perfetta, senza un calo di framerate neppure nelle ambientazioni più grosse o con molti personaggi a schermo.Il sonoro, del resto, non è da meno e la colonna sonora, con le molte tracce orchestrate dal vivo si fa sentire, accompagnandoci alla grande per tutta la durata dell'esperienza.


La perla da non perdere

Super Mario 3D World costituisce, ad un anno dall'uscita del Wii U, il primo vero e proprio punto imprescindibile della line-up. Se i giochi meritevoli per la console casalinga di casa Nintendo stanno crescendo esponenzialmente in questa seconda metà dell'anno, Mario – per adesso – è la vera punta di diamante ed arriva proprio nel momento giusto, ovvero poco prima delle vacanze natalizie. Se già con Super Mario 3D Land la direzione intrapresa era quella giusta, è con 3D World che EAD raggiunge l'eccellenza e ci fa vedere che, nonostante gli anni sul groppone, Mario è ancora capace di rinnovarsi. Riuscirà Super Mario 3D World a dare la spinta definitiva che tanto occorre al Wii U per guadagnarsi la sua fetta di mercato? Noi questo non lo sappiamo, ma quello che vi possiamo dire con certezza è: giocatelo, non ve ne pentirete.

COMMENTO
Mail@ FedeGiaco

Sono un appassionato di Mario da sempre e non faccio mistero del fatto che Super Mario 3D Land sia stato uno dei miei episodi preferiti. All'annuncio di questo 3D World, lo ammetto, le mie certezze hanno vacillato parecchio, non perchè non fossi felice di vedere il seguito di uno dei miei titoli preferiti, ma perchè pensavo fosse una mossa azzardata riproporre il gameplay di un titolo portatile su console fissa. Fortunatamente, tutti i dubbi si sono dissolti dopo pochi minuti di gioco.

GRAFICA:10Un gioiello di pulizia e fluidità, unito ad una direzione artistica magnifica come da tradizione EAD.
SONORO:9,5Tanti brani classici ed inediti, molti dei quali orchestrati dal vivo in studio. E la differenza la si sente.
GIOCABILITà:10Semplicemente al top, tanto in singolo, quanto in multiplayer.
LONGEVITà:9Portare a termine la “storia” principale è questione di una decina di ore, ma poi c'è ancora molto, moltissimo da fare.
VOTO FINALE10
PRO:- Level design superbo
- Graficamente magnifico
- Tantissima varietà
CONTRO:- Inizialmente la prospettiva da qualche problema
Rayman Legends ( Wii U )Un platform davvero incredibile.
Sonic Lost World ( Wii U )Un Sonic 3D davvero tosto e che mette il platform al centro dell'esperienza.
SCHEDAGIOCO
Cover Super Mario 3D World

Super Mario 3D World

Scheda completa...
Super Mario 3D World2013-11-19 18:59:00http://www.vgnetwork.it/recensioni-wii-u/super-mario-3d-world/Mario e soci nel regno delle fate1020525VGNetwork.it