Halo 4 - Majestic Map Pack

Maestosamente in matchmaking!Scritto da Mail@TheSad5torkil 26 febbraio 2013
Halo 4 - Majestic Map Pack Recensione

Analizzando il panorama degli sparatutto in prima persona su console non si può prescindere dalla saga di Halo, punto di non ritorno per un genere che si è rinnovato contemporaneamente sul versante offline e online. Tralasciando le numerose innovazioni nel singleplayer, che oggi sono alla base del gameplay di tutti gli FPS da dieci anni a questa parte, indirizziamo il focus sul comparto multiplayer, altrettanto seminale per quanto riguarda l'affermazione e la consacrazione su console di un genere che fino all'uscita di Halo 2 era appannaggio esclusivo dell'utenza PC. Dal 2004 a oggi di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia ma il principale brand Microsoft non ha visto scendere le proprie quotazioni nemmeno dopo il passaggio di testimone tra Bungie e 343 Industries, casa di software creata ad hoc per curare e sviluppare i prossimi episodi della serie.


Mappe troppo open

Halo 4 ha convinto praticamente tutti circa la competenza di 343 Industries nell'ambito degli FPS, sebbene alcune modifiche alle meccaniche delle modalità online abbiano inevitabilmente fatto storcere il naso ai puristi. In primis le dimensioni della maggior parte delle mappe, fin troppo grandi e aperte per un' utenza abituata a giocare principalmente su mappe piccole e matematicamente simmetriche, da sempre portatrici di un certo modo di intendere il gameplay di uno sparatutto. Fortunatamente, per colmare questa lacuna, è arrivato il secondo contenuto aggiuntivo di Halo 4 che introduce, tra le altre cose, tre nuove mappe caratterizzate da ambienti particolarmente ridotti che strizzano l'occhio alle mappe più giocate della storia di Halo.


Landfall

La prima mappa del Majestic Map Pack è Landfall, una via di mezzo tra una base militare e un hangar portuale. E' caratterizzata da ambienti stretti e pieni di coperture come casse e container che invitano all'utilizzo di abilità come l'invisibilità e l'ologramma. Landfall è strutturata su più livelli, solitamente collegati da rampe di scale metalliche o cementate. E' asimmetrica, priva di veicoli e piena di repentini saliscendi che la rendono adatta soprattutto per i classici Slayer senza troppi fronzoli in cui a fare la differenza è l'abilità del giocatore. In questo senso interviene la nuova modalità introdotta dal DLC, Infinity Rumble, nuova per modo di dire dato che consiste in un classicissimo deathmatch tutti contro tutti simile a Regicidio ma con il punteggio basato solo sulle uccisioni. Oltre agli ambienti al chiuso ci sono delle zone relativamente aperte, anch'esse piene di container e camion che fungono da copertura, dove è possibile usare maggiormente armi di precisione.


Monolith

La seconda mappa del DLC è Monolith. Come il nome può facilmente far intendere, la struttura architettonica dominante è proprio un monolite eretto dai Precursori. Monolith è la mappa dal level design più grezzo, essendo simmetrica (quattro basi per ogni punto cardinale, collegati da dei cannoni gravitazionali) e molto semplice nella planimetria. E' strutturata fondamentalmente su due livelli di altezza, piano terra e quello sopraelevato presente in ogni base e al centro. Al contrario di Landfall e Skyline gli elementi di copertura sono molto meno, di conseguenza risulta essere una buona mappa sia per i Team Objective che per i Slayer. Gli ampi spazi aperti tra le basi e il monolite centrale possono far nascere dei bei combattimenti sulla lunga distanza, utilizzando tutte le armi di precisione a disposizione dei giocatori, mentre le basi garantiscono il giusto equilibrio tra scontri concitati e attacchi ragionati durante le partite a obiettivi.


Skyline

La terza mappa del contenuto aggiuntivo di Halo 4 è Skyline, ambientata negli ultimi piani di un grattacielo. Sviluppata principalmente su due livelli, consente di sfruttarne un terzo tramite le numerose piattaforme, ringhiere e colonne che permettono di avere una visuale dall'alto sul campo di battaglia. Gli stessi elementi architettonici fungono anche da riparo e, se sfruttati a dovere tramite i salti, si può passare rapidamente da un livello all'altro. Skyline ha il vantaggio di essere simmetrica, il che la rende particolarmente indicata per le playlists Capture the Flag e Team Objective dove la collaborazione del team è fondamentale per portare a casa il risultato. Per quanto riguarda gli scontri, questi avvengono principalmente su raggio medio e corto esaltando quindi armi come i vari mitragliatori, lo shotgun e la magnum. Ad ogni modo il terzo livello, formato dalle ringhiere e dalle colonne, è un buon punto per utilizzare BR e DMR a patto di essere rapidi perché i nascondigli e le vie di fuga nei piani inferiori abbondano.  


In definitiva

Le mappe di questo Majestic Map Pack riescono in parte a colmare la bassa quantità di mappe piccole e simmetriche in Halo 4. Siamo lontanissimi da mappe storiche come Guardian o Epitaph ma un confronto all'americana sarebbe fuori luogo viste le enormi modifiche al gameplay apportate con gli ultimi due capitoli di Halo. Tirando le somme, il Majestic Map Pack soddisferà sicuramente chi non ne ha ancora avuto abbastanza del Matchmaking dell'ultima incarnazione di Halo ma non aggiunge praticamente nulla all'esperienza di gioco vissuta fin ora. Certamente chi si è sentito orfano, in questi mesi, di mappe di medie dimensioni che favoriscono i combattimenti ravvicinati non resterà deluso dalla nuova proposta firmata 343 Industries che anzi si segnala per l'ottimo level design delle mappe, superiori in termini qualitativi al terzetto del precedente Crimson Map Pack. Chi invece ha perso interesse nel titolo, o semplicemente non ama il gioco competitivo online, farebbe bene a tenersene alla larga perché difficilmente sarà questo contenuto aggiuntivo a fargli cambiare idea.

COMMENTO
Mail@TheSad5tork

Superiore in termini qualitativi al Crimson Map Pack, questo nuovo DLC è particolarmente indicato a chi è tutt'ora insoddisfatto delle poche mappe di piccole dimensioni tra quelle proposte di base in Halo 4.

GRAFICA:
SONORO:
GIOCABILITà:
LONGEVITà:
VOTO FINALE8
PRO:- Matchmaking a iosa
- Dimensioni ridotte delle mappe
- Buon level design
CONTRO:- 10 euro per tre mappe
- Infinity Rumble è un semplicissimo deathmatch
Halo 4Settare la campagna su Leggendario è un buon modo per allenarsi.
Halo 4 - Crimson Map PackL'altro pacchetto mappe, dai contorni più open space.
SCHEDAGIOCO
Cover Halo 4 - Majestic Map Pack

Halo 4 - Majestic Map Pack

Scheda completa...