Aliens: Colonial Marines

Gli Xenomorphi ci faranno ancora paura?
Scritto da Mailil 18 febbraio 2013
Aliens: Colonial Marines Recensione

Atteso molto a lungo e con moltissime speranze di trovarsi di fronte ad un degno gioco ispirato alla saga di Alien con protagonisti gli spaventosi Xenomorphi, Aliens Colonial Marines ha avuto uno sviluppo un po' travagliato nel corso del tempo. Ci venne fatto sapere che sarebbe stato "programmato" solo se Aliens vs. Predator (quello nuovo del 2010) avesse avuto delle vendite soddisfacenti, ed a quanto pare così è stato visto che Colonial Marines è partito per lo sviluppo in non molto tempo, arrivando nelle nostre mani!

La tech demo mostrata tempo fa, inoltre, presentava grandi potenzialità in fatto di grafica, eppure l'impatto visivo che ci troviamo di fronte in questo gioco ormai finito non è proprio strabiliante, anzi. C'è quindi qualcosa che non funziona come vorremmo in questo titolo? Proseguite e saprete!


Primo impatto fatale

Diciamo che, trattandosi di un seguito ufficiale della saga di Alien, almeno in fatto di storia (è collocato subito dopo la fine di Aliens: Scontro finale, ignorando gli eventi dei due lungometraggi usciti in seguito), avrebbe potuto dare di più visto che ci sono tantissime potenzialità da sfruttare, eppure... bhe, risulta un'occasione bruciata. Inizialmente andiamo a bordo della Sulaco e tutto è riprodotto come alla fine di Aliens: c'è ancora rimasta la metà del corpo dell'androide Bishop (le gambe) a terra, il buco provocato dall'acido della regina Xenomorpha, le grate spostate in cui si era nascosta Newt e poi la sala con le capsule criogene, dove i marine protagonisti del film si erano svegliati all'inizio della pellicola.

Insomma, bella cura nei dettagli e situazione abbastanza calma, almeno all'inizio. Ci vuole poco per trovare i nostri colleghi marine "incapsulati" ed ormai quasi tutti morti, col petto sfondato dai Chestburster, tranne uno. Qui avremo il primo incontro ravvicinato con uno Xenomorpho! Il problema? Abbiamo avuto la sensazione che non sia stata data la giusta suspence a questo evento. Certo, non si tratta di uno spoiler dato che i fan sanno benissimo che gli Alien sono presenti e prima o poi appariranno, ma ad esempio nei primi due giochi di Alien vs Predator si era riuscito a dare maggior enfasi agli incontri con questi mostri, mentre Aliens: Colonial Marines ci da quasi l'impressione di un primo incontro "frettoloso".


Poco mordente

Tuttavia, almeno l'azione dura e pura sarà divertente, giusto? Diciamo che "funziona", ma ci saremmo aspettati altro. A partire dal sangue degli alieni, anche se gli spariamo praticamente in faccia il loro sangue acido non avrà alcun effetto su di noi, mentre invece dovrebbe schizzarci naturalmente addosso come accadeva nei film ed in Alien vs. Predator, in cui dovevamo prestare parecchia attenzione al dannoso liquido corrosivo e sparare gli alieni a distanza ravvicinata era a dir poco controproducente. Altra cosa che può far storcere il naso agli appassionati è che gli Xenomorphi sembrano non avere la giusta enfasi, non fanno paura come accadeva in passato. Sembra di essere in uno sparatutto qualsiasi, dove scambiare gli alien con altri mostri a caso non avrebbe avuto particolari effetti... in pratica abbiamo l'impressione che il brand non sia stato sfruttato a dovere, sul lungo termine. I mostri non si comportano come dovrebbero, cioè attaccando a sorpresa sfruttando cunicoli e prendendoci alle spalle, ma invece vengono semplicemente addosso e saltando qua e là nel tentativo di schivare i nostri proiettili, un comportamente che non ci aspetteremmo da delle creature che dovrebbero essere particolarmente intelligenti!

Oltre a questi, combatteremo anche i mercenari della Weiland Yutani, quindi nemici umani capaci di attaccare a distanza, quindi loro rappresentano una sfida maggiore? Non proprio, l'IA anche in questo caso non è nulla di che, fa stare i mercenari fermi immobili lasciandoli scoprire ogni tanto per spararci, al massimo farli spostare da una copertura all'altra e venirci addosso ad armi spianate divenendo facili bersagli. Non va meglio con i nostri compagni controllati dal computer, che spesso e volentieri stanno fermi anche se siamo nei guai sommersi da Xenomorphi. Le armi a disposizione non sono male, ci sono sia quelle già conosciute nei lungometraggi che qualche novità, in generale il parco armi da fuoco non è male, ma data la scarsa sfida rappresentata dai nemici, non avremo tanti stimoli a cambiare armamentario.

Anche per la narrazione non c'è molto da dire, è scialba, senza pathos ed i dialoghi privi di mordente, mentre in un gioco basato su un brand così ampio sarebbe stato possibile fare grandissime cose, soprattutto se consideriamo che fa da seguito ufficiale ad Aliens! A parte le chicche iniziali, non c'è molto altro che sappia lasciarci stupiti.


Giocabile, tutto sommato

Quindi Aliens: Colonial Marines è un fallimento totale? Diciamo che non ce la sentiamo di bocciarlo al 100%, ma si tratta sicuramente di un'occasione sprecata. I nemici, sebbene siano "stupidi" e non offrano una grandissima sfida, non sono comunque "terribili". Si lanciano addosso al giocatore senza pensare troppo, come accade in tanti altri sparatutto, e si "lasciano sparare" piacevolmente. Il numero degli Xenomorphi rappresenta comunque una certa sfida, e soprattutto nelle zone ristrette ci troveremo in difficoltà dato che non ci vogliono molte artigliate per vedere un game over! Il problema è rappresentato dal brand sfruttato poco e niente, ma in fatto di gioco vero e proprio, un pizzico di divertimento e coinvolgimento possiamo trovarlo, raggiungendo giusto la sufficenza.

La situazione migliora un po' nel multiplayer, che ci offre sia la possibilità di giocare la campagna in cooperativa, sia la classica sfida online contro altri giocatori, in cui potremo indossare anche i panni degli Alien. Il fatto di combattere contro degli umani è ovviamente più appagante dell'IA.


Comparto tecnico scarso

L'impatto grafico della tech demo mostrata tempo fa era più che buono, ma per degli arcani motivi nella versione finale del titolo abbiamo una grafica decisamente peggiore, con texture poco dettagliate, animazioni legnose ed espressioni facciali non proprio convincenti; gli effetti d'illuminazione non sono granchè. Fortunatamente, almeno su PC possiamo porre rimedio a queste lacune usando un paio di mod amatoriali, che migliorano un po' gli effetti DirectX 10 e l'illuminazione. Anche qua occasione sprecata visto che il motore utilizzato è l'Unreal Engine 3, sfruttato decisamente meglio in molti altri giochi. Alcuni degli screenshots che vedete sono stati scattati su PC con i mod amatoriali attivati. Nota positiva è il fatto che possiamo impostare molti dettagli grafici, in modo da rendere il gioco fluido anche su PC di qualche anno fa. Il comparto audio è una delle poche cose sopra la sufficenza, infatti abbiamo i piacevoli effetti sonori ispirati ai lungometraggi originali, ed anche il doppiaggio italiano non è male.


Config test!

Il gioco è stato provato su due computer. Il primo è composto da: processore Amd Phenom II 940, Radeon HD 4850 e 4 GB ram DDR 2 a 1066 mhz; con questa configurazione abbiamo provato il gioco a 1280x1024 con i dettagli al massimo e i due mod amatoriali attivi, girava fluido senza incertezze, mentre attivando l'anti aliasing si avevano alcuni rallentamenti.

L'altra configurazione è un Macbook del 2010 con Windows installato grazie a bootcamp, con Intel Core2Duo a 2.26 Ghz, Geforce 9400M e 3 GB di ram DDR2 a 1066 mhz; così il gioco era giocabile ad una risoluzione di 800x600 con dettagli medio-bassi, dimostrando almeno di poter girare anche sulle configurazioni più vecchie.

COMMENTO
Mail

Ecco un gioco che sarebbe quasi classificabile come il classico tie-in fatto in fretta e furia per racimolare soldi dalla scia lasciata dal lungometraggio ancora presente nelle sale cinematografiche. Solo che in quei casi, i giochi appunto hanno almeno quella "scusa" per d'essere di scarsa qualità, mentre in questo caso si tratta del seguito di un film uscito più di 25 anni fa, e c'era tutto il tempo e la calma necessari per sviluppare un gioco su licenza come si deve, ma a quanto pare la fretta di voler lanciare il gioco sul mercato ha rovinato tutto. Non è pessimo, ma non offre stimoli particolari a proseguire e l'atmosfera della serie non è presente, se non nelle ambientazioni che però non trasmettono nulla se non accompagnate da una buona storia, che "non c'è", visto che i filmati della trama sono piuttosto smorti. Peccato, poteva uscire un grandissimo gioco.

GRAFICA:6.5Nulla di strabiliante, anzi. Quel che avevamo visto nella tech demo possiamo scordarcelo, ma almeno su PC abbiamo l'opportunità di rimediare grazie a dei mod amatoriali.
SONORO:7.5Belli gli effetti sonori ripresi dalle pellicole, buono il doppiaggio.
GIOCABILITà:6.5Non convince. L'IA sia di alieni che di mercenari non è un granchè e si limitano ad attaccarci a testa bassa, per questo non avremo molti stimoli ad usare armi più potenti.
LONGEVITà:7La trama principale è davvero corta, anche se giocabile in cooperativa online, se non altro il multiplayer sembra interessante.
VOTO FINALE6.5
PRO:-Si tratta sempre di Alien
-Alcune chicche riprese dai lungometraggi
-Buon parco armi...
CONTRO:-...ma non c'è stimolo a sfruttarle
-Nemici non particolarmente intelligenti
Aliens vs. Predator (PC)Uno degli ultimi giochi dedicato agli Alien, spin-off dalla saga originale, in cui sono presenti anche i Predator. Giochiamo ancora nei panni dei Marines, ma in più anche coi Predator e gli stessi Xenomorphi!
Dead Space 3 ( PS3 )L'ultimo capitolo della saga horror-fantascientifica, meno spaventoso dei precedenti, ma comunque divertente.
SCHEDAGIOCO
Cover Aliens: Colonial Marines

Aliens: Colonial Marines

Scheda completa...
Aliens: Colonial Marines2013-02-18 15:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/aliens-colonial-marines/Gli Xenomorphi ci faranno ancora paura?1020525VGNetwork.it