Bakugan: Battle Brawlers

Cartone animato e gioco da tavolo non bastavano? Ma certo che no, ecco anche il videogioco!
Scritto da Fabio “Dartagnan” Cecco D’Ortonail 02 dicembre 2009
Bakugan: Battle Brawlers Recensione
Con l’ingresso sul mercato delle next-gen, il fenomeno dei tie-in, ossia di trasposizioni di film, serie tv e cartoon anche in videogioco, ha tolto, in parte, quella ventata di freschezza che si stava definendo per mezzo dell’utilizzo di nuove tecnologie e con l’ingresso di nuovi standard di sviluppo possibili. Sebbene alcuni di questi siano riusciti nel loro intento, vedi i due titoli su Naruto, altri hanno fallito miseramente, o in parte, nel proporsi al mondo videoludico. Bakugan: Battle Brawlers è uno di questi. Vediamo perché…

Baku che? Bakugaaaannnn!!!

Per chi non lo sapesse, il gioco consiste in scontri a 2 o 4 persone all’ interno di un’arena di scontro. Siamo quindi chiamati a dare prova delle nostre abilità per mezzo di Bakugan, sfere che racchiudono al loro interno dei “mostriciattoli” differenziati da varie classi di appartenenza: Acqua, Vento, Terra, Fuoco, Luce ed Oscurità. Naturalmente, chi ha seguito e segue tutt’ora il cartone animato, non ha bisogno di preamboli o spiegazioni di alcun genere, saprà che questo titolo ripercorre le atmosfere e gli eventi della serie anime, facendoci scontrare coi personaggi visti anche in TV per raggiungere traguardi ambiziosi e vittorie sempre più importanti nei vari tornei prepostici. Sicuramente, i minuti iniziali hanno un impatto più che positivo nei confronti di chi lo gioca: creare il nostro avatar, personalizzarlo nell’abbigliamento, nel taglio di capelli, eccetera, è un aspetto che piacerà a tutti i fan. Peccato che tale editor soffra di scelte limitate.

La stanza, il parco, il negozio ed il torneo. Ci sei? Ora ripeti il tutto per una infinità di volte!

Dopo un breve filmato introduttivo, inizia l’avventura. E dove se non nelle location di gioco appena annunciate? Eccole nel dettaglio: abbiamo “La Stanza” dove poter scegliere i bakugan da portare ai vari incontri, personalizzare il mazzo di carte, cambiarsi d’abito, salvare la partita in corso e chattare con i nostri amici per avere consigli sul gioco e su come bruciare le tappe per diventare dei bravi giocatori; “Il Negozio” dove acquistare o potenziare questi simpatici “mostri” ed infoltire il mazzo; “Il Parco” dove prendere dimestichezza col gioco e l’ “Arena dei Tornei” dove vengono sbloccate varie competizioni a seconda del livello di gioco raggiunto che cambia in base al numero di vittorie ottenute.Per quanto riguarda il sistema di combattimento, dobbiamo dire che si è cercato di essere il più possibile immediati, visto anche il pubblico a cui questo titolo si riferisce in particolar modo. Ogni giocatore ha il proprio mazzo di carte costituito da 3 carte portale e 3 abilità, oltre ai 3 bakugan. Lo scopo del gioco è quello di vincere tre carte portale tra quelle giocate sul terreno di gioco. Per aver la meglio sul nostro avversario bisogna, però, effettuare dei lanci e centrare una delle carte portale: lo scontro ha inizio appena due bakugan di fazioni rivali sono sulla stessa carta; in caso contrario non accade nulla, a meno che due sfere dello stesso sfidante riescono a posizionarsi sulla stessa carta ottenendo un doppio posizionamento a cui consegue la vittoria di quest’ultima senza alcun tipo di scontro. Naturalmente saremo noi a decidere dove lanciare, sistema che tra l’altro risulta davvero semplice e di veloce esecuzione. Arrivati a questo punto è opportuno, però, aver scelto un mazzo idoneo ai bakugan che possediamo: infatti, a seconda delle loro classi di appartenenza le carte possono fornire bonus di abilità e di punteggio, utili, a conti fatti, per portare a casa la vittoria. Il lancio nelle prime partite, che hanno perlopiù scopo di tutorial, risulta facilitato rispetto a quelli da compiere in tornei o scontri 2 vs. 2. In queste speciali occasioni entrano, difatti, in gioco tutt’una serie di incrementi d’attacco e di difesa reperibili direttamente nell’arena, accessibili “dirigendo”, tramite l’uso del joypad, la nostra biglia nelle direzioni desiderate. Tale procedimento richiede una certa esperienza e praticità, più che altro per evitare che il nostro bakugan non riesca a posizionarsi correttamente sul terreno di gioco.Lo scontro vero e proprio arriva nella fase successiva. Quelli di Now Production hanno ben pensato di differenziare il combattimento in tre tipi:1. il primo consiste nell’agitare, fino a quasi rottura del joypad, gli stick destro e sinistro per arrivare ad un punteggio globale G, che dev’essere maggiore di quello del bakugan avversario;2. nel secondo siamo chiamati a selezionare, più volte possibile, il simbolo di appartenenza del nostro “mostricciatolo” muovendo esclusivamente lo stick sinistro ed il grilletto destro;3. nell’ultimo abbiamo un rhytm-game che ci dà la possibilità di vincere contro il nostro avversario soltanto se il nostro tempismo si attesti su buoni livelli.

Tecnicamente.

Per quanto riguarda lo sviluppo dei comparti tecnici possiamo dire che Bakugan: Battle Brawlers si attesta su livelli appena sufficienti. Graficamente siamo di fronte ad uno stile cartoon, il classico cel-shading, che compie il proprio lavoro quasi esclusivamente sui personaggi di gioco, visto che le ambientazioni sono, in realtà, degli screen fissi e con texture di media-bassa risoluzione. Il sonoro invece si rivela accurato quanto basta, certo è che un numero di frasi preregistrate maggiore delle poche inserite non avrebbe fatto male. Ma d’altronde, il fatto di avere gli stessi doppiatori del cartone animato e quindi una localizzazione completamente in italiano, permette di chiudere un occhio su quanto detto poc’anzi.Concludendo, possiamo dire con certezza che il titolo prodotto da Activision mira esclusivamente ai fan della serie cartoon e del gioco da tavolo. Un pubblico che mediamente si attesta su livelli di età piuttosto bassi, e ciò permetterebbe anche di capire il motivo per il quale la componente multiplayer online sia stata esclusa a priori. Nonostante questo, la longevità si aggira intorno alla decina di ore. Peccato per la ripetitività dei combattimenti e dello sviluppo approssimativo, sotto alcuni punti di vista, dei comparti tecnici. Siamo sicuri che con talune modifiche, Bakugan: Battle Brawlers, sarebbe potuto essere un titolo molto migliore, in ogni aspetto.
COMMENTO
Fabio “Dartagnan” Cecco D’Ortona
Piccola precisazione: di certo non sono un fan del cartone né lo diventerò, almeno in questa vita. Quello che mi preme dire, però, è che Bakugan: Battle Brawlers piacerà, senza dubbio, ai fan accaniti. Nonostante tutto, questo prodotto riesce ad essere, soprattutto inizialmente, interessante ed abbastanza divertente. Purtroppo l’eccessiva ripetitività porta, nel giro di un paio d’ore, a stancare chi lo gioca. Per capirlo appieno bisogna mettersi nei panni degli amanti del genere, che lo troveranno, alla fine, un buon titolo col quale trascorrere una manciata di ore di svago. Gioco destinato, però, ad un pubblico non troppo in là con gli anni, anche se le eccezioni esistono eccome: provate a chiedere cosa ne pensa il nostro caro caporedattore Meghar!
GRAFICA:6Buona la realizzazione dei personaggi e dei bakugan. Migliorabili, e di molto, gli scenari e le arene di gioco.
SONORO:6Il doppiaggio non delude anche se un maggior “bagaglio culturale”, per quanto riguarda le frasi recitate, non avrebbe guastato.
GIOCABILITà:7Più che buona. Peccato per la ripetitività durante gli scontri che rendono, alla lunga, il gioco noioso.
LONGEVITà:6Una decina di ore scarse. Ai fan basterà di sicuro, ma la decisione di non prevedere una componente online, sinceramente, non trova alcun tipo di motivazione o spiegazione.
VOTO FINALE6
PRO:- Ai veri fan non dispiacerà averlo nel proprio scaffale
- Completamente in italiano e con buon doppiaggio
CONTRO:- Graficamente si può esser contenti solo dei personaggi di gioco
- Alla lunga troppo monotono
- Manca il multiplayer online
Naruto: The Broken Bondun titolo ben riuscito ed ispirato al punto giusto. Anche qui siamo di fronte ad una grafica in stile cartoon e ad un titolo che ha preso spunto dalla serie anime.
SCHEDAGIOCO
Cover Bakugan

Bakugan

Scheda completa...
Bakugan: Battle Brawlers2009-12-02 08:15:29http://www.vgnetwork.it/recensioni/bakugan-battle-brawlers/Cartone animato e gioco da tavolo non bastavano? Ma certo che no, ecco anche il videogioco!1020525VGNetwork.it