Bionic Commando

È sempre così: gli dai un dito, e si prende un braccio
Scritto da Mail@ simoneazzil 03 agosto 2009
Bionic Commando Recensione
I titoli fantascientifici non sono mai passati di moda. Dai libri ai videogiochi, passando per i film, sono sempre stati sulla cresta dell'onda. Probabilmente per il loro fascino: è bello poter dare una sbirciatina al futuro. Bionic Commando è appunto uno di questi titoli sci-fi che ci permette di comandare un soldato con un dispositivo speciale. Un dispositivo decisamente interessante...

“È un bionico, non ci possiamo fidare!”

Questo aggeggino è ciò che si può chiamare un "braccio bionico". Nel futuro qui raccontato, infatti, la scienza è riuscita a creare protesi speciali per soldati che hanno perso degli arti. Queste riescono a donare - ovviamente - una forza sovrumana e consentono al possessore di svolgere azioni incredibili. Tuttavia, la società ha sviluppato una certa repulsione per i bionici che vengono visti come qualcosa di diverso, da emarginare in quanto non più umani per intero, ma macchine a metà. Del resto, anche piaghe come il razzismo possono evolvere.

Questa è la storia di background. La vicenda del nostro protagonista, invece, inizia in una prigione federale, nella quale si trova per una condanna della corte marziale. I motivi ci sono dati da sapere, ma solo più avanti nel gioco... Senza rivelare troppi dettagli, diciamo solo che non ha obbedito ad alcuni ordini a lui impartiti. E questo, si sa, spesso viene visto come una cosa poco carina. Ora si trova nuovamente a combattere per loro, sotto ricatto: una persona a lui cara è scomparsa per più di dieci anni, ed il governo (FSA) ha sue notizie. Per questo Spencer torna (riluttante) a combattere i terroristi che hanno fatto esplodere un'intera città per prenderne il controllo e cercare qualcosa. Il nostro compito è reperire informazioni sul campo e scoprire cosa stiano cercando. Perché proprio il nostro Spencer? Semplice: la città è stata devastata da un'esplosione nucleare ed i terroristi hanno stabilito un perimetro difensivo massiccio intorno a tutto l'agglomerato urbano. Un'invasione senza informazioni è fuori questione, e per reperirle non basta un uomo comune, serve un (ex) Bionic-Commando.


Arti bionici

Il gameplay viene dosato fin dai primi momenti di gioco. Non abbiamo a disposizione fin da subito tutte le potenzialità di Spencer, ma ci verranno fornite man mano che avanziamo nel gioco. Tant'è che appena atterrati avremo solamente a disposizione la pistola, che rimane come arma primaria per tutto il gioco. Ritrovato il nostro nuovo braccio bionico, entreremo in un tutorial che ci insegnerà ad utilizzare le prime mosse che ci sono state date a disposizione, in modo da imparare a librarsi in città, secondi solo all'uomo ragno. Nei primi momenti il gioco sembra promettere molto bene. Il braccio riesce a trovare appigli praticamente ovunque, l'interazione con l'ambiente è gestita bene, non paiono esserci grossi limiti. Usciti dal tutorial ci troveremo a dover saltare da un palazzo: da qui si gode la vista di tutta la città, che pare prostrarsi a noi, aspetta solo di essere esplorata.

Ben presto, però, questo entusiasmo si spegne. La libertà è solo un'illusione data per i primi attimi di gioco, in realtà il percorso è guidato: non solo saremo "indirizzati" dove andare da dei punti guida sulla mappa (che possono essere utili), ma il percorso sarà unidirezionale. Gli sviluppatori hanno posto molti limiti al nostro personaggio, imprigionandolo. Qua e là, infatti, troveremo dei residui radioattivi che potrebbero ucciderci: ecco il primo ostacolo insormontabile. Dove non si deve andare o dove la mappa finisce, ci sono queste stratosferiche "pozze". Il secondo grande ostacolo è l'acqua: il braccio bionico pesa molto e nel caso in cui si finisse infradiciati, l'unica via di scampo sarebbe trovare un appiglio a cui aggrapparsi. In caso contrario, Spencer morirà affogato in nemmeno dieci secondi. Talvolta si esagera anche, visto che il personaggio rischia di affogare in posti che non esiteremmo a definire niente di più che pozzanghere. Questo punto, in particolare, risulta essere frustrante in quanto interi livelli hanno alla base dell'acqua: sbagliare un salto o un volteggio vuol dire dover caricare la partita all'ultimo check-point (talvolta troppo lontani l'uno dall'altro), costringendoci a rifare interi pezzi svariate volte. Anche la varietà di mosse lascia a desiderare: per quanto quelle presenti siano spettacolari, sono pur sempre poche. Basti pensare che un tasto, addirittura, è praticamente spento. Viene utilizzato per guardare con attenzione scene scriptate facendo un primo piano su di esse o prendere un arma. Nulla di più. Certamente avrebbero potuto utilizzarlo per creare nuove combinazioni e varietà nel gameplay, che invece risulta essere scarno.

Per concludere: Bionic Commando ci è sembrato un titolo decisamente discreto, ma penalizzato da un gameplay che oggi come oggi è davvero troppo banale.

COMMENTO
Mail@ simoneazz
Di Bionic Commando ne avevo solo sentito parlare, non mi ero mai interessato. Quando in redazione mi hanno dato il compito di recensirlo, mi sono informato un po' di più. Devo dire che mi sarei aspettato una sorta di "rivale" di Prototype. Sono rimasto deluso quando ho appurato il contrario. Senza contare la frustrazione: certi check point sono gestiti davvero male, posti solo dopo mille impervie. Morire all'ultima vuol dire doversi rifare tutto.
GRAFICA:7Nella media, buona la pulizia dello schermo e l'anti-aliasing.
SONORO:7Musiche consone ai momenti, in battaglia danno la carica.
GIOCABILITà:7Il gameplay, anche se poco vario, è decisamente più che sufficente. Buona la trama.
LONGEVITà:7Nella media, avrebbe potuto essere ulteriormente allungata dando più libertà di gioco. Inoltre gli obiettivi non sono altro che un rifacimento alle “sfide” interne al gioco.
VOTO FINALE7
PRO:- Mosse spettacolari
- Ci si può librare in aria!
- Buona varietà di armi...
CONTRO:- ... Ma poche munizioni disponibili
- Sottotitoli "piccolissimi"
- Gameplay poco vario
Prototype ( X360 )Un buonissimo titolo, capace di donare l'emozione dell'onnipotenza e, al tempo stesso, del free-roaming.
Metal Gear Solid 4: Guns of The PatriotsUn capolavoro che suggella la serie ideata dal grande Hideo Kojima.
SCHEDAGIOCO
Cover Bionic Commando

Bionic Commando

Scheda completa...
Bionic Commando2009-08-03 15:26:19http://www.vgnetwork.it/recensioni/bionic-commando/È sempre così: gli dai un dito, e si prende un braccio1020525VGNetwork.it