Grid 2

Il mondo è troppo piccolo per tutti questi racing games
Scritto da il 10 giugno 2013
Grid 2 Recensione

Il mercato dei racing game arcade quest’anno è stato molto affollato. Alla fine del 2012 infatti abbiamo visto arrivare davvero molti titoli interessanti e degni di essere giocati: Need for Speed Most Wanted, Forza Horizon, WRC 3, Sonic & Sega All Star Racing. Tutti titoli dal gameplay più o meno veloce, divertente e frizzante, in grado di innovare nel loro piccolo il genere o sotto genere a cui appartengono, così da ritagliarsi un’idendità tutta loro rispetto ai concorrenti. Fare quindi qualcosa di originale, soprattutto in questo periodo, è assai difficile ed impegnativo. Forza Horizon ha espanso all’ennesima potenza il concetto di racing game free roaming, Need for Speed Most Wanted ha invece fatto del social gaming il suo punto di forza, WRC 3 ha offerto un’esperienza molto interessante sotto l’aspetto rallystico mentre Sonic & Sega All Star Racing ha introdotto non poche novità nel sub-genere dei karting game.

In questo affollatissimo panorama si è affacciata anche Codemasters che, con il suo nuovissimo Grid 2, prova ad intaccare il mercato dei racing game arcade con un prodotto dalle potenzialità interessantissime.


I’m a single player!

L’esperienza giocatore singolo di Grid 2 è davvero corposa e molto variegata. I ragazzi di Codemasters hanno infatti messo in piedi una campagna davvero interessante e non priva di sorprese. Una volta avviato il gioco, inizierà subito un giro di prova nel quale saremo chiamati a prendere confidenza con il modello di guida che, nemmeno a farlo apposta, è estremamente arcade. Inutile girarci intorno: la simulazione in questo prodotto non la vedremo nemmeno con il binocolo. Fortunatamente il modello di guida messo in piedi è comunque molto buono e soddisfacente da governare pur nella sua anima prettamente arcade: la auto risponderanno in maniera decisamente differente a seconda del loro modello e delle loro catarreristiche tecniche, facendo quindi della scelta del mezzo un elemento importantissimo prima di ogni gara. Anche i differenti terreni giocheranno un ruolo importante e riuscire a guidare adeguatamente su ognuno di essi è fondamentale. Non c’è decisamente quella terribile sensazione di guidare una saponetta che ha uno scarso grip sul terreno e questo, nonostante non sia un prodotto simulativo, è un grandissimo punto a favore del prodotto. Una nota di merito va poi fatta al sistema danni delle auto: questo risulta davvero ben realizzato e spettacolare al punto che ci ha ricordato a più riprese un’altra famosissima serie arcade di qualche anno fa ovvero FlatOut. Le carrozzerie si deformano, si rompono e si staccano che è una meraviglia e, se vorremo, questi danni potranno anche influenzare attivamente la guidabilità del veicolo. Non preoccupatevi comunque: prima che la vostra auto diventi inutilizzabile dovrete davvero sfasciarla nel peggiore dei modi!

Parlato del modello di guida ora trattiamo del single player in sé. Il gioco mette a disposizione varie tipologie di gare: avremo le classiche gare contro la CPU, le gare di resistenza nelle quali guidare per un certo tot di tempo, le gare di sorpasso veicoli, le gare di velocità, le gare testa a testa, i campionati ed altro ancora. Le modalità non sarebbero però nulla se non fossero accompagnate da dei circuiti degni di questo nome. Il gioco utilizza infatti un mix sapiente di ambienti urbani, extra urbani, su pista ambientati nelle parti più disparate del mondo. Le piste saranno sia totalmente di fantasia che realmente esistenti, in modo da donare al titolo la giusta varietà di ambientazioni e modelli di guida. Per l’occasione Codemasters ha poi ideato un’altra tipologia di piste denominata LiveRoutes: queste, protagoniste di varie tipologie di gara, sono piste nelle quali il percorso continua a cambiare curva dopo curva rendendo di fatto la sessione di guida totalmente imprevedibile. Se da un lato l’idea è davvero apprezzabile, dall’altro l’algoritmo che a quanto pare gestisce la generazione dei tracciati non deve essere molto efficiente in quanto, in più di qualche occasione, ci siamo ritrovati ad affrontare un po’ troppo spesso i medesimi spezzoni di pista nella stessa gara, rendendo il tutto parecchio frustrante e molto poco divertente.

Se dobbiamo infine giudicare un ultimo elemento importantissimo di ogni racing game, ovvero l’intelligenza artificiale, dobbiamo dire che Codemasters ha saputo realizzarne una di tutto rispetto, dove effettivamente riuscire ad arrivare nei primi posti in alcune gare risulta essere più problematico del previsto. Onestamente però, a volte le auto risultano essere anche troppo perfette nell’esecuzione dei tracciati: avremmo preferito vedere un’intelligenza artificiale più verosimile! Buona la parte legata alla personalizzazione dell'auto: potremo scegliere vari aspetti come colore della vernice, aerografie, tipologia di cerchioni e via dicendo in modo da rendere unici i mezzi che utilizzeremo durante le partite. La personalizzazione dell'auto però non è fine a se stessa: porre certi sponsor sull'auto comporta attivare alcuni obiettivi secondari come percorrere un certo tot di chilometri, superare un determinato quantitativo di auto, condurre un intero giro al primo posto e via dicendo. Un'idea tutto sommato simpatica ed originale!


Tecnica non perfetta

Sotto il profilo grafico questo Grid 2 non ci ha del tutto convinti. Tecnicamente infatti, negli ultimi tempi abbiamo visto prodotti brillare molto di più che il titolo Codemasters. Innanzitutto, sotto un profilo prettamente visivo, le ambientazioni che faranno da sfondo alle nostre gare risultano essere sì buone ma, soprattutto nelle sessioni cittadine, prive di quel grado di dettagli e cura che ci si aspetterebbe da un titolo uscito a metà 2013. Anche gli elementi a schermo infatti non risultano essere poi così tanti, fatta esclusione per le auto in gara, rendendo i tracciati a volte spogli. La situazione è poi “aggravata” dalla discontinuità nella qualità delle texture che risultano a volte molto buone e dettagliate ed altre volte invece molto meno attraenti. I modelli poligonali delle auto sono invece nella media: sufficientemente curati e con una realizzazione delle texture buona. Sia chiaro, si son viste comunque auto meglio riprodotte in altri titoli come Forza Horizon o Need for Speed Most Wanted, ma dobbiamo anche tenere conto del fatto che in questo titolo le carrozzerie sono totalmente deformabili e che quindi conciliare perfezione grafica e deformabilità sarebbe stato molto difficile.

Parlando di deformabilità non possiamo non citare il sistema di collisioni: esso purtroppo non è reso molto bene in quanto la reazione dell'auto agli urti è spesso esagerata ed estremizzata e basta un piccolo colpetto per farle fare un testacoda. Questo aspetto inficia anche il gameplay vero e proprio del gioco rendendolo spesso confusionario e caotico, costringendo l'utente a ricorrere un po' troppo spesso al rewind, opzione che permette di tornare sui propri passi e riavvolgere le azioni appena compiute. Il numero di rewind è però limitato, circa 5 a partita, e non è disponibile in tutti i tipi di gara.

Notevoli invece gli effetti di luce e particellari, che regalano spesso scorci suggestivi ed oltretutto intervengono attivamente durante le partite: una gara giocata sotto il sole comporterà una limitata visibilità dei tracciati a causa del riflesso! Non molto buona invece la pulizia visiva: il gioco soffre infatti di effetto aliasing, che rende l'immagine un po' granata. Ultima pecca del motore grafico è la fluidità: nelle gare in cui si contano pochi partecipanti i frame al secondo sono più che accettabili ma quando si raggiunge il massimo di auto per gara, circa 12, i frame subiscono un drastico calo rendendo il gioco parecchio scattoso e ben poco piacevole da giocare. Un problema non da poco per un racing game arcade dove, si sa, la fluidità dell'azione è uno degli elementi più importanti. Il problema è inoltre maggiormente accentuato durante le partite multiplayer dove, più spesso che nel single player, il calo di frame si fa sentire in maniera pesante. Buona la colonna sonora, fatta di brani piacevoli e che conciliano le varie partite; ben fatto anche il doppiaggio, che ci assisterà con consigli e spiegazioni durante tutto il corso del gioco.


Put a multiplayer on it!

Sotto il profilo del multiplayer Codemasters ha confezionato un prodotto molto classico ma comunque buono. Avremo a disposizione varie possibilità: potremo infatti accedere ad una gara casualmente scelta tra quelle disponibili, ricercarne di specifiche a seconda delle nostre esigenze, crearne o ancora accedere ad una serie di eventi mondiali. Sotto il profilo delle varie gare, le tipologie disponibili saranno esattamente quelle presenti nel single player, potendo anche scegliere se attivare oppure no i danni, la categoria di auto da utilizzare o il numero di giri da svolgere. Durante le partite online guadagneremo punti esperienza che determineranno la nostra abilità agli occhi degli altri giocatori e potremo inoltre acquistare mezzi e personalizzarli proprio come nella carriera. La parte più originale è costituita però dagli eventi mondiali: questi sono messi a disposizione direttamente da Codemasters e rappresentano gare in cui raggiungere certi obiettivi specifici come terminare una gara in un certo tempo limite, superare un tot di auto o percorrere una certa distanza in un tempo limite. Sono tutti eventi single player ma essi variano con il tempo e le classifiche dei risultati ottenuti sono chiaramente globali.


Il mare è pieno di pesci...

Il gioco confezionato da Codemasters è nel globale un buon prodotto, che riesce a divertire gli appassionati dei racing game arcade con alcune idee interessanti. Purtroppo però non riesce a centrare il punto e sotto vari aspetti Grid 2 ha certi problemi strutturali non da poco. LiveRoutes è un'idea interessante ma realizzata non molto bene, il motore grafico del gioco è buono ed offre un sistema di danni davvero spettacolare, ma fallisce nell'offrire un buon frame rate anche nelle situazioni più concitate ed infine le gare, a causa di un sistema di collisioni forse troppo enfatizzato, spesso risultano essere un po' troppo caotiche e frustranti. Accanto a ciò però vi è una longevità di base molto buona, migliorata anche dal corposo multiplayer e dagli eventi mondiali offerti da Codemasters.

Grid 2, insomma, è un prodotto dedicato principalmente ai fan di Codemasters e dei racing game arcade. Speriamo che con la prossima iterazione i difetti che possiede siano aggiustati perché, lo ripetiamo, alcune idee le abbiamo proprio gradite e le potenzialità per divenire una serie di un certo peso ci sono tutte.

COMMENTO

Sono un gran fan dei racing game arcade di vecchia data, ne ho giocati davvero tanti e questo inverno sono usciti prodotti che finalmente hanno aggiunto davvero tanti nuovi aspetti al genere. Grid 2 è forse uscito in un momento sfortunato, dove fare qualcosa di davvero innovativo è estremamente difficile. Il problema di Grid 2 però non è solo l'originalità: il comparto grafico non è di certo così brillante ed il sistema di collisioni un po' troppo intrusivo. Mi è piaciuto il multiplayer invece, anche se affetto a sua volta da un po' troppi cali di framerate. Forza Codemasters, che le potenzialità per realizzare un racing game come si deve le hai tutte!

GRAFICA:7Buono il sistema di collisioni ma non il frame rate.
SONORO:8Piacevole il doppiaggio e buoni i brani utilizzati.
GIOCABILITà:7.5Buono il sistema di guida ma non ci è piaciuto il sistema di collisioni.
LONGEVITà:9Tante modalità a disposizione, multiplayer ben gestito.
VOTO FINALE8
PRO:- Buon sistema di danni
- Tante cose da fare
- Multiplayer ben fatto
CONTRO:- Collisioni troppo enfatizzate
- Frame rate ballerino
- LiveRoutes non funziona come dovrebbe
Forza HorizonUno dei migliori racing game arcade di quest'anno, davvero meritevole!
Need for Speed: Most Wanted ( PS3 )Il reboot di Codemasters mischia Burnout a Need for Speed in un risultato semplicemente adrenalinico!
SCHEDAGIOCO
Cover Grid 2

Grid 2

Scheda completa...
Grid 2 2013-06-10 15:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/grid-2/Il mondo è troppo piccolo per tutti questi racing games1020525VGNetwork.it