Guacamelee! Super Turbo Championship Edition

La storia di Juan, il Luchador
Scritto da Mail@TheSad5torkil 01 luglio 2014
Guacamelee! Super Turbo Championship Edition Recensione

Poco più di un anno fa, nell'aprile del 2013, i ragazzi di DrinkBox Studios lanciarono su PS3 PSVita la loro ultima creatura: Guacamelee!. Il titolo, strizzando l'occhio a molte convenzioni videoludiche del passato, voleva dire la sua all'interno di un genere particolarmente in voga negli anni passati e che verrà poi ribattezzato come “Metroidvania”. Questo neologismo, nato dall'unione linguistica della saga di Metroid con quella di Castlevania, andava ad indicare alcune caratteristiche delle meccaniche di gameplay che entrambi i titoli avevano in comune e che risultavano peraltro molto simili: grafica bidimensionale, un grande mondo interconnesso, tanta esplorazione e un pizzico di backtracking, il tutto condito da un sistema di combattimento profondo quanto basta. Oggi DrinkBox Studios ha deciso di riproporre una riedizione della riedizione (sic!), di quella Gold Edition lanciata su Steam lo scorso Agosto, che prende il nome di Guacamelee! Super Turbo Championship Edition, diretta a Playstation 4, Wii U, Xbox 360 e Xbox One. Andiamo a verificare se le nuove parole aggiunte al sottotitolo rispecchiano realmente la proposta targata DrinkBox.


Juan, la figlia di El Presidente, Carlos Calaca

In questa nuova edizione di Guacamelee!, il giocatore è richiamato a vestire i panni di Juan Aguacate, un fattore di un piccolo villaggio in Messico e promesso sposo alla figlia di El Presidente. Dopo un incipit che gioca a citare una famosa saga Nintendo che ha per protagonista un ragazzo vestito di verde – per inciso, il titolo è pieno zeppo di riferimenti al mondo videoludico, con un occhio di riguardo proprio per la Grande N – Juan va a trovare la figlia di El Presidente proprio quando quest'ultima sta per essere rapita. Gli eventi purtroppo sfuggono rapidamente dalle mani del nostro beniamino il quale viene ucciso da Carlos Calaca, uno scheletro incaricato di rapire la figlia di El Presidente. Juan si risveglia quindi nel mondo dei morti e per sua fortuna gli viene consegnata una maschera particolare in grado di riportarlo in vita e donargli le fattezze e i poteri di un luchador, un guerriero molto simile al concetto di wrestler...


El pollo loco

Guacamelee! Super Turbo Championship Edition, come detto, è una riedizione e in quanto tale offre un'esperienza allargata ma sostanzialmente identica al capitolo originale. Il titolo è strutturato come un platform bidimensionale con forti componenti da beat'em up e con una spiccata vocazione all'esplorazione. La mappa di gioco, ispirata a diversi titoli del passato (e a qualcuno che ha voluto omaggiare il genere più recentemente), ha la peculiarità di mostrarsi accessibile nella sua interezza fin dall'inizio, presentando però numerosi ostacoli in un primo momento insormontabili. La chiave per superare queste barriere risiede nelle numerose abilità apprese da Juan durante la sua avventura. Gli sviluppatori hanno deciso di rendere estremamente semplice e chiara l'individuazione degli ostacoli, i quali si presentano sempre come dei grossi blocchi di un determinato colore a seconda del tipo di abilità richiesta. Il punto di forza della mappa risiede nel sopraffino level design della stessa: tutte le aree sono infatti interconnesse tra loro da varie scorciatoie che sfruttano la naturale progressione del personaggio e delle sue abilità, spingendo di tanto in tanto il giocatore a utilizzare un pizzico di materia grigia. Il titolo sfrutta inoltre il dualismo tra il mondo dei vivi e quello dei morti per rendere la mappa ulteriormente varia, con adrenaliniche e ritmatissime sezioni platform interamente basate sul tempismo. 


WWE Guacamelee!

Il sistema di combattimento si difende molto bene sia per quanto riguarda il numero di mosse utilizzabili che per la varietà garantita dalle stesse. Le diverse mosse, prese di peso dall'immaginario e dal mondo del wrestling, saranno utilissime non solo in combattimento permettendo di realizzare diverse combo tramite la loro concatenazione ma anche durante le intense fasi di esplorazione. Il giocatore mentre combatte è tenuto a vigilare su tre indicatori: ovviamente la vita, la resistenza che permette di effettuare i colpi più potenti e infine l'Intenso. Quest'ultimo è una delle più corpose novità presenti nel titolo e permette, dopo aver riempito un'apposita barra, di entrare in una modalità in cui si diventa più forti e veloci, recuperando peraltro parte della vita e della resistenza. Il sistema di controllo è reattivo ed intuitivo, frutto del buon lavoro in fase di mappatura dei tasti. A influenzare lo status del personaggio, intervengono invece diversi costumi (alcuni dei quali creati ad hoc per questa riedizione) i quali conferiscono rispettivamente un bonus e un malus: ad esempio se preferite che l'energia si ricarichi col tempo otterete dei malus nella resistenza che tende a ricaricarsi meno velocemente, e così via. Molta varietà è stata riservata anche per i nemici, i quali si segnalano più per le loro peculiarità che per la raffinatezza dell'intelligenza artificiale di cui sono dotati. Ogni avversario avrà infatti determinate caratteristiche, abilità o tipologia di attacchi da costringere il giocatore a trovare la giusta strategia offensiva. Lo stesso discorso può essere esteso ai boss, tutti ben caratterizzati e differenziati tra loro, nonostante restino comunque un numero abbastanza esiguo.


Tecnicamente parlando

Da un punto di vista tecnico il titolo si difende egregiamente. Guacamelee! non punta tutto sulla forza bruta, prediligendo invece il versante artistico. Tutti i fondali e i personaggi sono realizzati in modo bidimensionale come se fossero stati disegnati a mano, strizzando l'occhio a diverse opere in cel-shading che abbiamo avuto modo di apprezzare nel corso degli anni. Il frame-rate fortunatamente non mostra segni di affaticamento nemmeno nelle situazioni più concitate, rendendo l'azione sullo schermo sempre fluidissima, e non ci sono segnalazioni negative da fare per quanto riguarda le animazioni e la fisica. La direzione artistica intrapresa dagli sviluppatori ha avuto come nucleo e punto di partenza il Messico e il suo folklore, andando a influenzare pesantemente ambientazioni e personaggi. Questi ultimi si segnalano soprattutto per l'ironia che pervade tutti i dialoghi e per il citazionismo sfrenato e compulsivo di numerose saghe storiche dei videogiochi. Il comparto sonoro è di alto livello come il resto della produzione: il registro musicale utilizzato dai compositori è pesantemente influenzato da sonorità tipicamente messicane, riadattate e mixate in chiave sintetica. 


Super, turbo o championship?

Guacamelee! Super Turbo Championship Edition è insomma la stessa avventura che gli sviluppatori proposero un anno fa. Un platform di azione onesto e ben strutturato, dotato di una direzione artistica sempre sopra le righe ed estremamente curata. L'unico neo in una produzione di tale livello riguarda esclusivamente la longevità. Per completare l'avventura ci vorrano sei o sette ore al massimo e nonostante il titolo provi ad allungare il tutto tramite i classici collezionabili, le classifiche online, qualche missione secondaria appena abbozzata e la modalità multiplayer in cooperativa, è solo quest'ultima a garantire realmente qualche ora extra di divertimento. Insomma, molto probabilmente da questa Super Turbo Championship Edition ci saremmo potuti aspettare qualcosina in più in termini di contenuti ma, a onor del vero, quelli presenti sono davvero di altissima qualità, tanto da renderlo un prodotto caldamente consigliato a chiunque non abbia mai giocato il capitolo originale. 

COMMENTO
Mail@TheSad5tork

Guacamelee! Super Championship Edition è un titolo che sprizza classe da tutti i pori. Paga il fatto di essere una riedizione che difficilmente spingerà chi ha già vissuto la splendida avventura di Juan ad accaparrarsene una copia. Per tutti gli altri invece si presenta come una nuova chance di giocare a uno dei migliori platform bidimensionali usciti lo scorso anno.

GRAFICA:9Splendidi e coloratissimi sia i fondali che i personaggi, frame-rate mai incerto.
SONORO:8.5Sonorità squisitamente messicane si fondono a motivi sintetici e più moderni.
GIOCABILITà:9Controlli reattivi e precisi, level design sopraffino, nemici ben ideati.
LONGEVITà:6.5Per completare il titolo saranno necessarie dalle 5 alle 8 ore. Il livello di rigiocabilità è abbastanza basso.
VOTO FINALE8.5
PRO:- E' un Metroidvania!
- Direzione artistica molto ispirata
- Level design stellare
CONTRO:- Bassa longevità e rigiocabilità
Guacamelee! ( PS Vita )Il titolo originale, sempre godibilissimo.
Tales From Space: Mutant Blobs Attack!!!Un altro piccolo capolavoro di DrinkBox, in arrivo anch'esso su console fisse in questi giorni.
SCHEDAGIOCO
Cover Guacamelee!: Super Turbo Championship Edition

Guacamelee!: Super Turbo Championship Edition

Scheda completa...
Guacamelee! Super Turbo Championship Edition2014-07-01 15:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/guacamelee-super-turbo-championship-edition/La storia di Juan, il Luchador1020525VGNetwork.it