Injustice: Gods Among Us

Ecco perché li chiamano "Super"
Scritto da Leandro "White Lhio" Rossiil 29 aprile 2013
Injustice: Gods Among Us Recensione

Injustice: Gods Among Us. Sapete qual è la vera ingiustizia? Che il gioco non sia uscito prima. Vi confessiamo che la voglia di mettere le mani su questo picchiaduro stava diventando insostenibile; in effetti, come poter resistere alla prospettiva di veder combattere i più celebri supereroi dell'universo DC? Semplice, non si può! Soprattutto sapendo che al timone dell’operazione ci sarebbero stati i ragazzi di NetherRealm, gli stessi dell’ultimo Mortal Kombat. Non è dunque un caso che le similitudini tra i due titoli siano numerose, a partire dallo stile grafico fino ad arrivare al gameplay vero e proprio. Da Batman a Superman, da Flash a Green Lantern, da Wonderwoman a Catwoman, non manca veramente nessuno all’appello. Chi meglio di questi personaggi potrebbe dare vita a epiche battaglie, come quelle viste nei fumetti da cui i paladini del bene (e del male) provengono? Ovviamente, c’era bisogno di un comparto scenografico e ludico all’altezza della situazione per rievocare l’atmosfera che prendeva vita sulle pagine targate DC Comics. Un obbiettivo che, ve lo anticipiamo subito, è stato raggiunto.


VIDEORECENSIONE

IFrame


La guerra dei mondi

Le vicende di Injustice si sviluppano n un periodo storico non ben precisato, ma comunque non lontano dal nostro. Poco prima che Joker riesca ad attivare una bomba nucleare e radere al suolo Metropolis, Batman e altri supereroi dell’universo DC vengono catapultati in una dimensione alternativa dove, invece, l’ordigno è già esploso. In questa nuova realtà Superman è diventato un despota che, dopo aver riunito tutte le nazioni della terra sotto un unico regno, ha sottomesso i paladini del bene al suo volere. Il motivo di tale cambiamento è dovuto all’omicidio di sua moglie e del figlio che la donna aveva in grembo ma, per fortuna, un manipolo di ribelli non ancora corrotti cerca di opporsi alla dittatura. Riusciranno gli eroi dei due mondi, unendo le loro forze, a sconfiggere il tiranno e a riportare la pace in quel luogo devastato?La narrazione prosegue secondo le stesse dinamiche già viste in Mortal Kombat: ogni capitolo è dedicato a un personaggio specifico che dopo 4 o 5 battaglie passa il testimone all’eroe successivo. In questo modo viene data la possibilità di sperimentare la storia da diversi punti di vista e si crea un intreccio capace di coinvolgere tutti i protagonisti. La trama di per se non è originalissima, ma resta comunque in linea con le atmosfere dei fumetti da cui trae ispirazione. Proprio grazie a questo, e ad alcuni momenti particolarmente riusciti (l’incipit ne è un esempio) il titolo saprà spingervi senza troppi sforzi sino ai titoli di coda. Cosa davvero singolare per un picchia-duro, genere che non ha mai dato alla narrazione particolare importanza.L’unico difetto sta nella futilità (questo è l’unico termine che ci viene in mente) di alcuni personaggi, che a parte comparire brevemente o biascicare qualche parola non faranno altro di essenziale. 


Come piace a Batman

Il comparto tecnico del gioco è sicuramente di buon livello. Le ambientazioni o, per meglio dire, le arene di combattimento, sono ricche di dettagli e molto suggestive. Quello che si è cercato di fare, con successo, è stato di ricreare molte delle location conosciute dai fan dell'universo DC e dei videogame della serie Arkham; la villa di Bruce Wayne, il manicomio criminale e il covo del Joker, ne sono soltanto alcuni esempi. Tuttavia, gli sviluppatori sono andati ben oltre, e prendendo spunto dai fumetti hanno realizzato livelli adatti sia per esaltare le caratteristiche dei singoli personaggi, sia per proiettare il giocatore nell'universo dispotico entro cui la vicenda si sviluppa. Da Atlantide a Metropolis, dalla Batcaverna alle strade malfamate di Gotham, dai laboratori ultrateconologici di Lex Luthor alle grotte di ghiaccio... insomma la varietà è veramente alta. Sul piano dell'interattività, Injustice si distingue in positivo da altri picchiaduro: l'onda d'urto scaturita dalla battaglia sarà tanto potente da riuscire a distruggere l'ambiente circostante. Inoltre, i vari elementi presenti in secondo piano potranno essere utilizzati per scopi sia offensivi che difensivi. Ma di questo parleremo meglio successivamente.Per quanto riguarda la grafica in se per se, l'Unreal Engine fa sempre il suo bel lavoro; I toni cupi e i colori spenti sono perfettamente adattati all'atmosfera che il gioco vuole trasmettere. Il titolo viaggia poi ad una velocità costante di 60 FPS (con un leggero abbassamento durante le sequenze filmate) garantendo così un'azione fluida e un ritmo sostenuto. Riguardo le animazioni, possiamo osservare dei movimenti molto rigidi e allo stesso tempo parecchio “accentuati”, capaci di rimandare al giocatore una sensazione di "durezza", come se a combattere non ci fossero dei personaggi virtuali, ma delle action figure di plastica e gomma che se le suonano di santa ragione. Fattore che rende ancor più divertenti, brutali e immersivi gli scontri.


Il più “fumettoso” dei picchiaduro

Injustice rinuncia ai tecnicismi tipici di molti picchia-duro in favore di uno spettacolo fatto di botti e distruzione. In questo senso, il titolo somiglia a Mortal Kombat, anche se le differenze tra i due titoli appaiono fin da subito marcate. Per dirne una, la difesa viene qui attivata "retraendosi" dall'avversario, e non premendo un pulsante apposito. Il classico “uppercut” poi è molto meno importante da un punto di vista strategico, e infine mancano le fatality e gli ettolitri di sangue. Eppure, la sensazione che si prova durante il gioco è molto simile a quella sperimentata nella precedente opera di NetherRealm. Sarà per via delle animazioni, per la “solidità” dei colpi o per le atmosfere cupe; in ogni caso la mano degli stessi autori è ben visibile.Ogni personaggio avrà a disposizione 3 attacchi principali: in genere due pugni e un calcio (ma questo non è uno schema fisso), affiancati da un quarto colpo speciale, differente per ogni avversario. Batman per esempio potrà richiamare a se uno stormo di pipistrelli, mentre Green Arrow scoccherà una freccia in direzione dell'avversario. Ovviamente, ognuno di questi pulsanti potrà essere utilizzato in combinazione con gli altri per dare vita a tecniche molto più pericolose. Peccato che il campionario di mosse a disposizione per ogni combattente sia piuttosto limitato, anche se il livello di distruttività compensa adeguatamente questa carenza. In generale i controlli sono molto fluidi, ma bisogna comunque calibrare attentamente i tempi di esecuzione; una combo viene attivata soltanto pochi secondi dopo la rapida pressione in sequenza dei pulsanti corrispondenti.


Dei super poteri per super eroi!

Trattandosi di supereroi, i nostri guerrieri potranno fare affidamento non solo sulle arti marziali, ma anche su delle capacità fisiche fuori dal comune. La velocità di flash, per esempio, gli permetterà di atterrare l'avversario con decine di pugni sferrati in pochissimi secondi, mentre Lanterna Verde potrà generare un mitragliatore che farà piazza pulita dei malcapitati. Se però avremo scelto un personaggio sprovvisto di super poteri, niente paura: Batman, così come Lex Luthor, giusto per citarne un paio, avranno a disposizione una serie di fantastici giocattoli da utilizzare all'occorrenza. La varietà, in questo senso, va di pari passo con le abilità dei singoli lottatori, ognuno in possesso di doti peculiari che li rendono unici e ben distinti dagli oppositori.Durante il gioco, avremo a disposizione due barre di energia: la prima è posta in alto, e rappresenta la nostra salute, la seconda invece è posizionata in basso ed 'è suddivisa in piccole barre tondeggianti. Per quanto riguarda quest'ultima, si riempirà dopo aver ricevuto o aver assestato dei colpi e potremo utilizzarla per potenziare gli attacchi speciali. Il tutto però avrà un “costo”: dovremo infatti sacrificare una percentuale dell'energia complessiva per poter eseguire l'azione desiderata. Se però riuscissimo a riempire l'intera barra, avremo l'occasione di lanciare un super attacco devastante. La mossa, in questo caso, verrà enfatizzata da un'animazione di qualche secondo incredibilmente brutale e soddisfacente. Tuttavia, in circostanze particolari, ci verrà chiesto di investire parte di quell'energia per affrontare uno scontro molto particolare: attivando un preciso sistema di difesa, i due avversari si lanceranno l'uno contro l'altro e soltanto chi avrà selezionato un livello più alto ne uscirà incolume. In alcune circostanze, parte della nostra salute verrà addirittura ripristinata.


Il mondo ha bisogno di supereroi

Anche le varie arene entro cui prenderanno vita gli scontri giocheranno un ruolo fondamentale durante la partita. Innanzitutto, gran parte degli oggetti presenti su schermo potranno essere afferrati e lanciati contro l'avversario. In alternativa potremmo scagliare direttamente il nostro nemico contro le innumerevoli parti dello scenario poste sullo sfondo. Ma non è finita: se entrambi i contendenti si verranno a trovare a bordo dello stage, uno dei due avrà l'occasione di spazzare via l'altro con una mossa particolare. Si attiverà allora un breve filmato di transizione estremamente esagerato, in cui l'avversario subirà una serie di danni ambientali prima di essere catapultato al livello inferiore (o superiore) dell'area di combattimento. Il tutto ha più una valenza scenografica che tattica, ma resta comunque una soluzione visiva efficacissima.Injustice offre più o meno le solite opzioni che si trovano in ogni picchiaduro. Per quanto riguarda la modalità storia, si tratta di un'ottima alternativa per chi preferisce dedicarsi a una partita in solitario. Peccato che il tutto si esaurisca nel giro di poche ore. Il single player, però, permette anche di affrontare battaglie 1 contro 1 e varie altre modalità come la classica scalata e la più impegnativa "sopravvivenza". In aggiunta, sono stati implementati i laboratori Star, i quali comprendono una serie di sfide e minigiochi che consentono un approccio differente ai normali combattimenti. Per esempio, in alcuni livelli dovremo resistere senza essere toccati per un certo periodo di tempo, in altri dovremo distruggere gli ostacoli che ci verranno lanciati contro ecc... Simpatico come diversivo, ma niente di più. Il multiplayer offre invece tre modalità principali: 1 vs 1, sopravvivenza e Re della collina. Quest'ultima ci porrà di fronte ad 8 contendenti, di cui uno solo potrà detenere il titolo di Re. Attraverso una serie di scontri a turni, avremo modo di conquistare la vetta, ma il difficile sarà mantenere il trono. Peccato siano state riscontrate alcune difficoltà per quanto riguarda l'online: spesso il gioco non riesce a individuare altri giocatori, o richiede comunque tempi di attesa molto lunghi. In altre occasioni, abbiamo riscontrato un leggero ritardo nella risposta ai comandi che ci ha reso difficile procedere col combattimento. Speriamo che questi problemucci siano risolti entro breve tempo, anche perché in un picchia-duro come questo è essenziale che il comparto multi-giocatore risulti funzionante.


Un nuovo inizio per la Lega della Giustizia?

Alla resa dei conti, Injustice: Gods Among Us si dimostra un titolo estremamente valido, sicuramente lontano dai canoni classici del genere, ma comunque divertente. I puristi potranno lamentare la mancanza di tecnicismi, ma se il gioco viene preso per quello che è in realtà, cioè una spettacolare spacconata tenuta in piedi da omaccioni carichi di steroidi e superpoteri, allora non avrete nulla di cui lamentarvi. Garantito.

COMMENTO
Leandro "White Lhio" Rossi

Non saprei che dirvi se non “fiondatevi a comprarlo”. Veramente, ne vale la pena. La sola presenza degli eroi DC Comic è un motivo sufficiente per aggiungere Injustice alla vostra collezione. Se poi ci mettiamo un po' di sana brutalità, una qualità generale di tutto rispetto e una storia niente male, allora il titolo diventa un must automaticamente. Irrinunciabile per gli amanti di Mortal Kombat e un buon investimento per tutti gli altri.

GRAFICA:8.5un'ottima prova tecnica supportata da efficaci scelte stilistiche.
SONORO:8L'accompagnamento sonoro è tanto pomposo quanto lo sono i toni del gioco.
GIOCABILITà:8.5Un giocattolone che saprà soddisfare la vostra voglia di spettacolo e distruzione.
LONGEVITà:9Crea dipendenza. Smettere di giocarci sarà un sacrificio che preferirete rimandare.
VOTO FINALE8.5
PRO:- Eccellente Character Design
- Visivamente suggestivo
- Brutale e distruttivo
CONTRO:- Qualche problema durante le partite online
Mortal Kombat ( PS3 )Ancora più violento e sanguinario, il reboot del celebre picchiaduro non conosce rivali.
Marvel VS. Capcom 3: Fate Of Two Worlds ( X360 )Per chi ama i supereroi ma preferisce uno stile più... tradizionale.
SCHEDAGIOCO
Cover Injustice: Gods Among Us

Injustice: Gods Among Us

Scheda completa...
Injustice: Gods Among Us2013-04-29 09:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/injustice-gods-among-us/Ecco perché li chiamano "Super"1020525VGNetwork.it