Jetpack Joyride

A bordo di un jetpack, più veloce della luce!
Scritto da il 08 dicembre 2012
Jetpack Joyride Recensione

Sony è stata sicuramente una delle prime aziende a voler dare fiducia agli sviluppatori indipendenti o minori ed ai loro giochi e lo ha fatto lanciando un servizio, quello dei Minis, che ormai da alcuni anni raccoglie numerosi titoli estremamente interessanti e che altrimenti faticherebbero ad avere risalto o addirittura non riuscirebbero ad essere proprio pubblicati su console. Negli anni abbiamo infatti potuto giocari ottimi prodotti come Age of Zombies, Angry Birds, Canabalt, WizOrb, Enigmo e chi più ne ha più ne metta. Insomma tutta quella serie di titoli che, per un motivo o per un altro, su piattaforme come iOS, Android o Steam hanno spopolato grazie al prezzo molto contenuto, all’immediatezza e alla natura mordi e fuggi. Oggi siamo qui giunti per celebrare l’arrivo tra i Minis di un altro titolo famosissimo nell’ambiente mobile: stiamo parlando di Jetpack Joyride, run game dalle caratteristiche particolari che più di qualcuno di voi conoscerà.


One button gameplay!

Si può dire il vero e proprio motto di questo titolo: “One button gameplay”. Proprio così, l’intero gameplay di Jetpack Joyride ruota attorno all’utilizzo di un unico pulsante per poter avanzare nei livelli, ma per capire bene come questo sia possibile è doveroso fare una bella panoramica su che tipo di gioco sia Jetpack Joyride. Il titolo Halfbrick appartiene al fortunato genere dei run game, ovvero quei titoli dove il protagonista, avanzando automaticamente in verticale od orizzontale, deve affrontare pericoli ed ostacoli di vario genere. Per farvi un’idea, il famosissimo Temple Run è un particolare titolo appartenente a questo genere. Questi giochi sono chiaramente adatti a sessioni molto brevi ed immediate, esattamente in pieno spirito mobile, e devono tutta o quasi la loro notorietà al mondo degli smartphone. Realizzare quindi un porting in ambito console portatili è un bel rischio in quanto il pubblico potrebbe non accoglierlo nella giusta maniera ma, a nostro parere, un rischio assolutemente da correre.

Jetpack Joyride è proprio questo: il nostro protagonista è dotato di un jetpack posizionato sulle spalle, con il quale dovrà fuggire da un laboratorio segretissimo dal quale lo ha appena rubato. Per volare dovrà premere, in maniera ben dosata, unicamente il tasto X, così da fluttuare nella giusta posizione. Chiaramente la sicurezza è ai massimi livelli ed il nostro compito sarà proprio quello di riuscire a fuggire il più lontano possibile. Nel percorso dovremo evitare missili a ricerca, raggi laser fissi e raggi laser mobili, cercando di raccogliere il maggior quantitativo di monete possibili. Le monete sono infatti uno degli elementi più importanti su cui si basano tutti i meccanismi alla base di Jetpack Joyride: con esse potremo infatti non solo acquistare nuovi e sfarzosi jetpack, ma anche tutta una gamma di potenziamenti davvero notevole. Tra questi potremo trovare:

      

  •  Vestiario: Potenziamenti totalmente inutili ma che permettono al nostro piccolo protagonista di indossare nuovi copricapi, camicie, pantaloni ed accessori. Un semplice vezzo estetico che farà impazzire tutti i collezionisti
  •  Jetpack: Come già accennato, tra i potenziamenti dello spaccio vi sono anche nuovi jetpack. Anche in questo caso non portano nessun giovamento al gioco e rappresentano semplici oggetti collezionabili che influiscono sull’aspetto.
  •  Aggiornamento veicoli: Sono aggiornamenti ai veicoli speciali che, di tanto in tanto, è possibile cavalcare durante i livelli. Gli aggiornamenti ne migliorano alcune caratteristiche legate al quantitativo di monete raccolte.
  •  Utility: permetterà di acquistare alcuni oggetti utili che potremo usare in ogni momento durante una partita. Potre scegliere oggetti come “partenza in testa”, “scoppio finale”, “elisir rapido” e via dicendo.
  •  Gadget: oggetti che permettono di migliorare le prestazioni del nostro protagonista, come scarpe per saltare più in alto o palline che ci faranno rimbalzare più lontano una volta colpiti da un missile o laser.

     

Insomma, di cose da raccogliere ed ottenere, in questo Jetpack Joyride, ce ne sono davvero tantissime. Quello che colpisce maggiormente è forse proprio questo aspetto esageratamente orientato al collezionismo, che tocca l’apice grazie all’abnorme quantità di obiettivi da ottenere. Ce ne sono di tutti i tipi e per superare le prove richieste ci impiegherete un bel po’ di tempo. 
Insomma, Jetpack Joyride, nonostante la sua natura estremamente semplificata e mordi e fuggi, riesce ad avere dalla sua una componente, quella del collezionismo estremo, che ben si adatta alla tipologia di gioco, tanto da farne uno dei punti di forza. Chiaro, un po’ di varietà nei livelli ci sarebbe piaciuta, ma anche solo il fatto che questi varino, per disposizione di monete e trappole, da partita a partita, è una buona cosa.


L'arte del 2D

Di gioco in due dimensioni se ne vedono ormai pochi ed oltretutto, i pochi rimasti, sono confinati quasi unicamente nel mercato smartphone. Anche qui però si stanno iniziando ad abbandonare i cari e vecchi sprite in favore dei poligoni. Fortunatamente Jetpack Joyride non è tra questi casi ed anzi, vanta un comparto visivo totalmente in due dimensioni molto carino. Pur nella limitatezza del prodotto, il titolo Halfbrick ha carattere da vendere e la cura nella realizzazione dei dettagli risulta essere tutto sommato buona. Il 2D non sfigura infatti in nessuna delle versioni provate (PSP, PS Vita, PS3) ed anzi, nella versione Vita, grazie allo schermo OLED, il risultato ottenuto è ancora più brillante epiacevole da vedere. Buono il frame rate anche quando vi sono molti oggetti a schermo, così come i piccoli effetti speciali come esplosioni, luci e laser, adeguatamente riprodotti. Buona infine la colonna sonora, semplice e mai noiosa, cosa importantissima in un running game.


Quel qualcosa che proprio non ci voleva

Jetpack Joyride è quanto vi abbiamo appena raccontato: un gioco veloce, semplice, spiritoso ed immediato come solo il mercato mobile è in grado di offrire. Il punto di forza del prodotto Halfbrick non è però unicamente l’immediatezza, ma anche la quantità di oggetti collezionabili e di obiettivi sbloccabili. Gli sviluppatori hanno infatti infarcito il codice di una tonnellata di questi elementi e se siete amanti del collezionismo potreste seriamente uscire di testa.

Un titolo adatto al mercato mobile, anche su console, ma che soffre di un unico difetto ovvero il prezzo: 3.99€  (ridotto a 2€ per i membri Plus) per un titolo che su Android è reperibile gratuitamente ci sembra un po’ esagerato.

COMMENTO

Questo genere di giochi è senza ombra di dubbio una vera e propria miniera d’oro su dispositivi portatili. Quindi non solo smartphone, tablet e simili ma, a mio parere, anche console come PS Vita o Nintendo 3DS. Il successo è molto spesso dato da un gameplay accattivante e semplice e, soprattutto, da un prezzo davvero molto basso. Ecco perché non capisco la scelta di vendere Jetpack Joyride a praticamente 4€ quando chiunque sia in possesso di uno smartphone può averlo gratis o quasi.

GRAFICA:8Colorata, simpatica, funzionale.
SONORO:8Non stanca ed è piacevole.
GIOCABILITà:7Semplice ed immediato, ma a qualcuno potrebbe stancare subito.
LONGEVITà:6.5Il prezzo non giustifica affatto i contenuti.
VOTO FINALE7
PRO:- Immediato
- Veloce
- Dà assuefazione
CONTRO:- Prezzo elevato
- Non a tutti potrebbe piacere
Canabalt ( PS Vita )Un altro tipico esempio di run-game, anche questo nel mondo Minis.
Temple Run 2 ( iPad )Uno dei più diffusi esponenti del genere.
SCHEDAGIOCO
Cover Jetpack Joyride

Jetpack Joyride

Scheda completa...
Jetpack Joyride2012-12-08 13:58:06http://www.vgnetwork.it/recensioni/jetpack-joyride/A bordo di un jetpack, più veloce della luce!1020525VGNetwork.it