Monument Valley

Questione di punti di vista
Scritto da Mail@ Meghar1il 15 aprile 2014
Monument Valley Recensione

Monument Valley è un curiosissimo esperimento a forma di puzzle-game prodotto e sviluppato dai giovani Ustwo Games, dove avremo il controllo di una piccola pupazzetta (o pupazzetto, ma pare una signorina considerando il gonnellino) e saremo alle prese con enigmi variopinti e collegati tra loro grazie ad una gestione della prospettiva che inizialmente ci ha ricordato la bella esperienza con Echochrome (e sequel relativo). 


Una favola inenarrata

Come i quadri e le opere di Maurits Cornelis Escher (se non lo conoscete, vi consiglio di osservare le sue creazioni, sono sensazionali NdMeghar), Monument Valley usa i costrutti impossibili e le logiche dell'illogico per concepire i propri stages, catapultandoci in un mondo di prospettiva vero e proprio. Come in Echochrome, il nostro "omino" dovrà barcamenarsi in un mondo fatto di pulsanti da premere, porte da attraversare e poco altro ad arricchire un level design che, da solo, rende il gioco "Monument-ale". I livelli, infatti, potranno essere ruotati, spostati, aperti o chiusi tramite alcune parti costruite ad hoc, per mezzo di un touch-screen adoperato in maniera sopraffina. Il personaggio ha la missione di uscire indenne (e senza mal di testa, possibilmente) dai livelli progettati dagli Ustwo e provare a concludere la sua esperienza mistico-analgesica nella Valle decantata da alcuni intermezzi. Purtroppo non c'è nemmeno una favoletta curiosa a fare da sfondo al titolo, piccola pecca che poteva invece andare a colmare la brevità del gioco. Certo, è doveroso dire che i puzzle al suo interno sono sicuramente di buon livello - anche se non complicatissimi - e costituiscono l'80% dell'intero gameplay, intervallato da poche "cutscenes" con alcuni fantasmi dei costrutti, i quali dispensano frasi enigmatiche, ma mai troppo approfondite o appaganti. 


Troppo breve per essere vero

Monument Valley è sicuramente un "giochino" (virgolette-virgolette) più che eccellente, e se fosse stato leggermente più lungo probabilmente avrebbe strappato una valutazione ben più alta. Il problema è la longevità: dieci livelli - sì, soltanto - sono pochi, troppo pochi per esser soddisfacenti, specialmente se non vi è una trama a far riflettere od invogliare a rigiocare tutto il prodotto, invero bellissimo, dei bravi Ustwo Games. I parametri tecnici di Monument Valley, nemmeno a dirlo, sono semplici ed efficaci in ogni loro virgola: la grafica è minimale, ma colorata e pulita, ed il sonoro è il tocco di classe del gioco, dove splendide note di pianoforte si intersecano agli enigmi, reagendo con uno squillo ad ogni rotazione, ad ogni spostamento. Sonoro e giocabilità, con l'ausilio di un comparto grafico ben studiato e di pregevole fattura (anche in ottica di un sequel), danno vita ad un titolo che manca solo di un po' di longevità, dato che riesce dove Echochrome non ha avuto pieno successo, nel regalare quel tocco di poesia ed armonia tra riflessione e musica, tra costrutti ed ingegno, da un colore all'altro, per finire in un lampo di luce videoludica. 

Bravi ragazzi, bravi Ustwo Games, ma la prossima opera deve durare più di un'ora. 

COMMENTO
Mail@ Meghar1

Immergersi in Monument Valley è come un breve sogno ad occhi aperti. Riesce dove Echochrome ha sempre fallito, nella strepitosa poesia che offre agli occhi ed alle orecchie. Beninteso: non c'è praticamente nemmeno una storia a far da sfondo, ma è tutto così armonioso e (in)sensato che non ce n'è quasi bisogno.

GRAFICA:8.5Pulito, preciso, essenziale e caratteristico. Una grafica tutta sua, che non ha niente a che vedere con il resto dell'universo.
SONORO:9Musiche coinvolgenti ed effetti sonori al punto giusto, che coinvolgono e sommergono, pennellato a dovere in una tela mica facile da dipingere.
GIOCABILITà:9Architetture concatenanti, due o tre azioni da compiere. Semplicità e complessità in un'armonia che raramente si vede.
LONGEVITà:6Non dura che un battito di ciglia, troppo poco per meritarsi anche solo la sufficienza, ma non possiamo dargli un voto negativo: è inebriante.
VOTO FINALE8.5
PRO:- Poetico
- Pulito ed essenziale
- Onirico
CONTRO:- Troppo corto
- Mancava una bella storiella
Echochrome IILa prospettiva è il cuore di Echochrome, così come di Monument Valley.
ICO & Shadow of the Colossus CollectionSe volete poesia ed atmosfere, questi due classici del recente passato fanno per voi.
SCHEDAGIOCO
Cover Monument Valley

Monument Valley

Scheda completa...
Monument Valley2014-04-15 16:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/monument-valley/Questione di punti di vista1020525VGNetwork.it