NBA 2K15

2K è riuscita a fare canestro anche quest'anno
Scritto da Salvatore "BITW" Sabatinoil 30 ottobre 2014
NBA 2K15 Recensione

Anno dopo anno il titolo cestistico di 2K si è guadagnato la nomea di miglior videogame inerente il basket.  E' infatti innegabile la cura che ogni anno viene dedicata ai giochi NBA di 2K e probabilmente anche l'assenza di un rivale ha portato gli sviluppatori a lavorare con più calma per offrire un esperienza sempre più appagante.Quest'anno ci ritroviamo davanti ad Nba 2K15, saranno riusciti a migliorarsi e ad offrire un prodotto ancora migliore del precedente? O ci ritroviamo solo di fronte ad un mero aggiornamento delle rose?Scopriamolo insieme.


Tiro da 3

Quando si parla di un gioco di Basket o più in generale di un titolo sportivo la cosa più importante da analizzare è il gameplay. Un gameplay che in questo capitolo riparte dalla solida base del capitolo precedente pur apportando delle migliorie.La novità principale è sicuramente il sistema di tiro, completamente cambiato rispetto al 2K14, in quanto ora esso si basa su un indicatore posto ai piedi dell'atleta suddiviso in varie aree che consentiranno maggiori probabilità di azzeccare il tiro. La grandezza di queste aree è derivata da tanti fattori quali l'equilibrio del giocatore, se è pressato dai giocatori avversari, dalla sua bravura al tiro e così via.Il cambiare il sistema di tiro ci è sembrato una scelta in parte controversa poichè  sicuramente rende il gioco più fruibile anche per i neofiti e facilita l'esperienza in generale, di contro però i fan più tecnici della serie potrebbero rimanerne delusi in quanto prima bisognava imparare a sfruttare le meccaniche di tiro di ogni singolo giocatore.Parlando di comportamento dei compagni di squadra è da sottolineare un miglioramento dell'IA generale. Ora avremo compagni più attivi in grado di proporsi in maniera più intelligente e di attaccare gli spazi, altresì avremo avversari più attenti in difesa e in grado di sferrare contropiedi letali ed anzi a volte ci ritroveremo davanti a dei robot da guerra ed infatti alcune volte abbiamo avuto l'impressione che gli avversari facessero 3 punti fin troppo facilmente.Ben fatto anche il nuovo sistema per rubare il pallone che ora si basa sulla vulnerabilità del giocatore. E' infatti sconsigliabile cercare di cambiare mano in mezzo a troppi giocatori o cercare di andare contro ad un raddoppio dal momento che la palla probabilmente ci sfuggirà di mano più facilmente e questo potrebbe portare a due punti facili per l'avversario.Il titolo offre nel complesso tanti comandi da memorizzare e tante possibilità di gameplay per impensierire l'avversario. Fuori di testa però la scelta di 2K di eliminare totalmente qualsiasi forma di tutorial lasciando i neofiti a sessioni in cui cercano di orientarsi da soli in mezzo alla miriade di comandi, schemi e possibilità offerte dal gioco.


Tra un megatiro a canestro e un film di Spike Lee

Cosa sarebbe un ottimo gameplay senza delle altrettante ottime modalità di gioco? Niente, dunque 2k come ogni anno ci offre una miriade di modalità tutte più o meno interessanti.Una delle modalità principali è ovviamente la My Career che vi consentirà di vestire i panni di un giocatore NBA per cercare di diventare una stella di questo sport. Quest'anno non si partirà però dal DRAFT NBA, ma da stagione inoltrata con noi che con un misero contratto da 10 giorni dovremo cercare di convincere la dirigenza a tenerci a suon di canestri e prestazioni al top.Nel corso della nostra carriera di giocatore, avremo più volte modo di scambiare battute col giocatore più anziano della nostra squadra che fungerà da mentore e cercherà di spronarci a fare meglio. Come negli altri anni inoltre è rimasta la possibilità di firmare con sponsor importanti, creare una linea di scarpe e in generale fare tante cose che ci consentiranno di vivere la vita di un atleta NBA a 360 gradi.Le novità più importanti giungono in ogni caso dalla crescita del nostro atleta, anche questa facilitata rispetto al 2K14 in quanto non andremo più ad agire su ogni singola caratteristica, ma avremo 6 macro gruppi di caratteristiche che andranno ad influire su più aspetti del nostro atleta, togliendoci di fatto la possibilità di essere specialisti in un settore, ma rendendoci un giocatore equilibrato ed adatto ad ogni situazione.Altra modalità che ha visto alcuni miglioramenti è sicuramente MyGM che come da titolo ci metterà nei panni di un General Manager NBA per cercare di creare un team definitivo, gestendo talent scout, quintetto titolare e addirittura il ritmo settimanale degli allenamenti, inoltre dovremo anche curare il rapporto umano con i vari giocatori e dovremo scegliere le risposte giuste da fornire ai media.La modifica più importante però è il cambiamento del modo in cui progredirà il nostro GM. Infatti guadagnando punti EXP simulando o disputando partite, potremo decidere di far aumentare il pubblico ad ogni partita, cambiare il prezzo del merchandising della squadra e tante altre cose.Se non volete dover dare troppe attenzioni a fattori esterni e volete una carriera di stampo classico MyLeague è quello che fa per voi. Spetterà infatti a voi settare i vari parametri come l'effetto dei vari infortuni o la lunghezza del roster e successivamente vi potrete mettere alla guida di una squadra NBA o di Eurolega ed affrontare la stagione che vi si para davanti.Parlando di modalità online oltre alla modalità MyPark che ora si propone con partite ridotte a 15 punti, c'è probabilmente la modalità più interessante di questo NBA 2K15 per quanto concerne il reparto multigiocatore ovvero MyTeam.MyTeam è l'equivalente cestistico di Ultimate Team visto che partendo da zero dovremo cercare di creare il nostro team definitivo aprendo vari pacchetti o cercando di accaparrarci i giocatori in varie aste introdotte per la prima volta in questo capitolo. Avremo anche una modalità sfida che ci premierà con pacchetti o giocatori rari e le modalità dominio e della strada che faranno il loro ritorno.Chiudiamo questa lunga carrellata citando anche NBA 2K TV, show che ci consentirà di vedere interviste con gli sviluppatori e highlights delle partite NBA.


Lo Sport più bello da vedere

Sicuramente la cosa che colpì di più di NBA 2K14 fu lo strabiliante comparto grafico del gioco. Bene in questo capitolo torna più forte che mai. Dopo il già ottimo lavoro dello scorso anno che comprendeva delle animazioni dei giocatori fantastiche e modelli del corpo da far girare la testa, quest'anno ci ritroveremo giocatori ancor più facilmente riconoscibili grazie al loro stile di tiro o ai tatuaggi fedelmente riprodotti.Oltre ai meri giocatori è stato svolto un egregio lavoro anche sull'atmosfera generale, con Shaq O'Neal e Ernie Johnson che ci parleranno della partita che andremo a disputare o l'introduzione delle Cheer Leader durante i time-out. Tutto questo aiuta l'immersività e ci dà ancora di più l'impressione di trovarci davanti ad una partita trasmessa in TV.Unico neo del gioco sono probabilmente i tifosi, partecipi e sempre pronti ad infiammarsi, ma che a volte vengono a mancare. Niente da dire per la telecronaca solo in inglese, ma che però può vantare un ottima varietà di frasi con telecronisti che vanno a ripescare vecchie partite NBA.NBA 2K15 è IL gioco di Basket, un titolo con un gameplay curato e profondo, con tante modalitàdi gioco e un comparto tecnico spaccamascella E' sicuramente il videogame che tutti gli amanti di questo sport dovrebbero possedere, peccato solo per la mancanza di un tutorial o per qualche problemino con i server che probabilmente verranno sistemati, ma si tratta comunque di piccoli difetti per quello che è quasi sicuramente il miglior sportivo dell'anno.

COMMENTO
Salvatore "BITW" Sabatino

Da amante del Basket è stata una goduria poter giocare a questo 2K15, profondo e divertente mi ha tenuto incollato allo schermo per molto tempo. 2K si è riconfermata la miglior SH per quanto concerne i titoli sportivi.

GRAFICA:9.5Semplicemente eccezionale, atleti riprodotti alla perfezione.
SONORO:8.5Tifo che a volte non si comporta come dovrebbe, commento inglese molto buono.
GIOCABILITà:9Peccato per la mancanza del tutorial, ma il gameplay profondo ed appagante.
LONGEVITà:9Tantissime modalità sia online che offline, MyTeam potenzialmente una droga.
VOTO FINALE9
PRO:- letteralmente ricco di modalità
- Graficamente incredibile
- IA Migliorata
CONTRO:- Mancanza di un tutorial introduttivo
- Connessione ai server talvolta problematica
NBA 2K14 ( XBOX ONE ) Il capitolo precedente, meno affinato ma pur sempre un gran gioco cestistico.
NBA Live 15 ( XBOX ONE )Il rivale del gioco targato 2K. Potrebbe non raggiungere la sua qualità ma è l'unica alternativa.
SCHEDAGIOCO
Cover NBA 2K15

NBA 2K15

  • data d'uscita: 10 ottobre 2014
  • produttore: 2K Sports
  • sviluppatore: Visual Concepts
  • Distributore: Cidiverte
  • Genere: Sport
  • Multiplayer: 1-10 giocatori Online e Locale
  • Supporto: Kinect
  • Pegi: 3+
  • Sito di NBA 2K15
Scheda completa...
NBA 2K152014-10-30 09:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/nba-2k15-47560/2K è riuscita a fare canestro anche quest'anno1020525VGNetwork.it