OutRun Online Arcade

Donne e motori, il binomio (da sempre) vincente di SEGA
Scritto da Dario "Kratos90/Dario__90" Vanacoreil 02 luglio 2009
OutRun Online Arcade Recensione
I giochi di guida sono quelli che, da sempre, hanno ispirato centinaia di game designer e sviluppatori, senza contare le montagne di quattrini che sono riusciti a spalare nelle casse dei publisher: basta una meccanica di gioco accattivante, una veste grafica quantomeno discreta o che comunque non metta in mostra textures sgranate, ed il gioco è fatto. Niente fronzoli eccessivi, come una trama che cerchi di legare gli eventi a cui si prende parte nel corso delle sessioni di gioco: alcuni ci hanno provato (basti pensare al recente Need For Speed Undercover) fallendo su tutta la linea, a causa di doppiaggi ed interpretazioni degli attori (poligonali ed in carne ed ossa) piatti come una tavola da surf, che tendevano a sottolineare l'inutilità (e la sottovalutazione, in quel caso) data al comparto pseudo-narrativo. Ci sono, poi, giochi che riescono a catturare interamente grazie a meccaniche di gioco semplicistiche, ma allo stesso tempo accattivanti, e ad una veste grafica che abbandona i modelli fotorealistici per abbracciare uno stile più soft ed allo stesso tempo molto vivace; di giochi di questo tipo ne esistono sempre meno, a causa delle esigenze di mercato che chiedono a questo genere la simulazione più sfrenata, ma uno dei pochi che perdura ormai stoicamente da decenni, contando milioni di fan sparsi in tutto il mondo, è senza ombra di dubbio il "piccolo" di SEGA. Outrun.

Dai cabinati alle console... con amore

Giunto, dunque, nelle versioni da sala giochi nel lontano 1986, Outrun si è affinato nel corso degli anni, rimanendo però sempre uguale a a sé stesso. Niente fronzoli eccessivi, nessuna messa a punto dei veicoli (tutti marchiati imprescindibilmente Ferrari!), niente pezzi di ricambio né danni alla carrozzeria: Outrun è quanto più di vecchia scuola, in termini di gameplay, possa trovarsi al giorno d'oggi. Ed è proprio questo il suo pregio principale. Una volta lanciato il gioco dalla XMB, infatti, basterà premere Start e verremo catapultati nei menù a compiere varie operazioni preliminari, come la scelta della vettura (ci saranno 10 bolidi di Maranello, provenienti da tutte le “epoche”, da poter guidare, scegliendo il colore della livrea), quella del cambio (il manuale, in fin dei conti, richiede solo di arrivare alla sesta marcia, la quinta per i modelli d'auto più vetusti, e di mantenerla, data la folle velocità costante nel corso delle gare) e dalla modalità di gioco (sono 5, e le approfondiremo in seguito); neppure 15 secondi, perciò, ed il giocatore, dopo un brevissimo caricamento, verrà messo su strada, al volante della propria testarossa e con al proprio fianco un'immancabile biondina tutto pepe, che ci spronerà a dare il massimo. Come poterle dire di no?


Guidate con prudenza

Avete letto il titolo di questo paragrafo? Bene, dategli ascolto nella vita reale, ma non in Outrun. Nel gioco sviluppato da Sumo Digital una condotta di guida responsabile non porta da nessuna parte, se non a vedere azzerato anzitempo il count-down in alto al centro dello schermo, cosa che, ovviamente, decreta il game over. Niente limite dei 130km/h dunque. Almeno non qui, nel mondo di Outrun. Sin dalle prime curve i giocatori avranno l'occasione di percepire le asperità dei vari tracciati, progressive, e dunque, col passare dei minuti affineranno la propria tecnica di guida. Molto semplice è il sistema di controllo, che non richiede l'esecuzione di nessuna combo complessa di tasti: il grilletto dorsale R2 controlla l'accelerazione, quello opposto (L2) la frenata ed il triangolo consente di selezionare una delle 3 visuali disponibili (da dietro l'auto, dal cruscotto e al muso dell'auto). Niente di più. Starà poi al giocatore adoperare al meglio le esigue risorse messe a sua disposizione dagli sviluppatori. In curve a gomito o ancora nei ben più infidi curvoni ad "S", bisognerà essere padroni della tecnica del “Drift”, la derapata, che consentirà di mantenere una velocità elevata costante, curvando subito e dando un colpetto di freno, cosa che porterà alla “perdita di controllo” del retrotreno della vettura che, appunto, “pattinerà” per tutta la durata della curva, pronta ad allinearsi nuovamente alla fine di quest'ultima (le velleità arcade, d'altronde, sono specificate direttamente nel titolo del gioco).


Saper competere è un'arte

Come già accennato in precedenza, saranno 5 le modalità di gioco che qui di seguito illustreremo, in cui cimentarsi: quella principale è ovviamente la “Outrun”, che vedrà il giocatore impegnato ad accumulare punti con derapate, sfruttamento della scia di veicoli più lenti e sorpassi degli stessi; il percorso sarà a discrezione dell'utente, che avrà a disposizione una formazione a piramide dei 15 percorsi ideati dagli sviluppatori e, partendo dal primo, avrà alla fine di ogni minitracciato un bivio che consentirà di scegliere la strada da intraprendere e che consentirà poi di arrivare ad uno dei 5 traguardi differenti; la seconda modalità è la “Time Attack”, l'attacco al tempo che, sfruttando la stessa sostanza della modalità precedente, non vedrà però in pista l'ostacolo caratterizzato dal traffico e metterà il giocatore semplicemente contro il cronometro e contro le ghost car dei propri tempi migliori; altre due modalità saranno poi “15 percorsi” e "Time Attack dei 15 percorsi”, la versione “estesa” delle modalità precedentemente illustrate; infine, ultima ma non meno importante, ci sarà la modalità “Cardiopalma”, in cui la biondina seduta dal lato del passeggero esporrà delle richieste specifiche, come sorpassare auto, non colpire oggetti e raccogliere monete, da soddisfare, al fine di ottenere la valutazione più alta possibile in una scala che andrà da E (pessimo) ad AAA (il massimo, ma ci vuole molta precisione).

Non mancheranno poi le competizioni online, vero fulcro del gioco di nuova generazione, che consentiranno di rivivere i grandi duelli “spalla a spalla” dei coin-op.


L'abito non fa il monaco

Chi è abituato al fotorealismo estremo di un Gran Turismo o di un (ben più soft) Race Driver GRID, con questo Outrun Online Arcade dovrà fare un passo indietro: i modelli delle auto con lo stemma del Cavallino Rampante saranno tutte stupende, da vedere come da guidare, grazie ad un senso di velocità straordinario e ad una resa dei modelli poligonali davvero ottima, con carrozzerie lucide ed ottimi giochi di luce e di riflessi sulle stesse; lo stesso non si può, però, dire del traffico, composto perlopiù da auto anonime caratterizzate da un numero esiguo di poligoni; gli scenari poi sono un vero spettacolo per le pupille, grazie a colori sfavillanti ed una palette cromatica davvero azzeccata. Il comparto sonoro, invece, non dà adito a lamentele di nessun tipo, con una riproduzione dei rombi delle fuoriserie davvero ben curata ed una colonna sonora retrò, ma allo stesso tempo elettrizzante.

Insomma, se si vogliono vivere una manciata di ore di puro sollazzo videoludico, spendendo una manciata di euro (circa 10) e non ci si spaventa dinanzi a trofei che spingeranno a ripercorrere le assolate strade di Outrun svariate volte, questo è il gioco che fa per voi.

COMMENTO
Dario "Kratos90/Dario__90" Vanacore
Outrun fa il suo trionfale ingresso nel mondo dell'alta definizione: un ingresso che, nonostante i 23 anni che porta sul groppone, dimostra quanto una formula adottata decenni fa, e per un titolo da sala giochi, valga tuttora, in un mondo videoludico assuefatto alla simulazione estrema ed al fotorealismo. Certo, il prezzo ridotto fa anche la sua parte, spingendo persino i più scettici all'acquisto tanto per provare, ma Outrun è uno dei (tanti) "giochini" disponibili sullo Store da meritare l'acquisto per la sua meccanica di gioco tanto semplice e semplicistica quanto accattivante.
GRAFICA:9Modelli poligonali delle Ferrari ottimamente realizzati, così come le ambientazioni; meno il “traffico”.
SONORO:10Rombi dei motori eccellenti, musiche retrò accattivanti.
GIOCABILITà:102 tasti per gestire accelerazioni, frenate e derapate, semplice ma allo stesso tempo profondo.
LONGEVITà:9Di per sé breve, ma i trofei e quell' “ancora una e poi smetto” fanno il loro “sporco” lavoro.
VOTO FINALE9.5
PRO:- Straordinariamente vecchio stile
- Un racing game arcade perfetto
- Semplice e profondo
CONTRO:- Meccaniche poco innovative
- Non è troppo longevo, se si tolgono i trofei
Gran Turismo 5 PrologueGran Turismo 5 Prologue è un buon passatempo, anche se di Arcade non ha assolutamente nulla.
OutrunNon possiamo fare a meno di suggerirvelo: giocate alla prima versione di OutRun, fantastico a dir poco.
SCHEDAGIOCO
Cover OutRun Online Arcade

OutRun Online Arcade

Scheda completa...
OutRun Online Arcade2009-07-02 17:39:16http://www.vgnetwork.it/recensioni/outrun-online-arcade/Donne e motori, il binomio (da sempre) vincente di SEGA1020525VGNetwork.it