PixelJunk Shooter Ultimate

Scava, spara, salva!
Scritto da Daniela Paparoneil 28 giugno 2014
PixelJunk Shooter Ultimate Recensione

L’avvento della distribuzione digitale è stata una manna dal cielo per la varietà videoludica: tanti, tantissimi sono i titoli che, in diverse condizioni, non avrebbero mai visto la luce, colpa delle condizioni generali che non consentono esperimenti di sorta, per gli ingenti costi di produzione e post-produzione che opprimono sempre più gli sviluppatori, quasi costretti a sfornare titoli dall’elevato impatto sul mercato, che ricopra i almeno i soldi spesi per la produzione, con un adeguato tornaconto economico che motivi il prosieguo di taluna o talaltra serie. Dicevamo, l’avvento della Digital Delivery ha però fatto sì che i costi si ridimensionassero considerevolmente, permettendo quindi a piccole perle di studios indipendenti di vedere la luce: stiamo parlando ovviamente di giochi già ampiamente approfonditi (e lodati) nel più o meno recente passato, come i due capitoli della serie Joe Danger degli Hello Games, oppure ancora del recente(mente approdato) su PS4 Dead Nation, rimasterizzazione in salsa next-gen del già apprezzatissimo capitolo PS3. Uno su tutti è però lo sviluppatore per eccellenza in ambito PSN: stiamo ovviamente parlando dei Q-Games, che con la loro serie PixelJunk hanno appassionato milioni di giocatori in tutto il mondo su PS3, e sono pronti a ripetersi anche su PS4, con PixelJunk Shooter Ultimate.


Viaggio al centro della terra

Dopo due capitoli confezionati su PS3, Q-Games ha pensato bene, sulla falsariga di quanto già mostrato da altri developers, di approcciarsi alla next-gen sfruttando quanto fatto di buono nel recente passato, evitando di compiere quindi passi falsi: Pixeljunk Shooter Ultimate sarà dunque una sorta di collection, che raccoglierà i due capitoli editi su PS3, e li riproporrà in tutto il loro splendore sulla nuova ammiraglia di casa Sony, con un ulteriore upgrade in termini grafici che senz’altro delizierà i palati più fini.

Ai giocatori toccherà l’ingrato compito, una volta lanciato il gioco, di partire al salvataggio di un numeroso stuolo di scienziati, intrappolati in cunicoli sotterranei dopo un esperimento andato storto. Per riuscire nell’impresa, il nostro alter ego digitale sarà munito di una navicella, controllabile tramite i due stick analogici, munita di cannoncini, indispensabili per aprirsi un varco tra i cunicoli sotterranei ostruiti dalla roccia e per evitare di finire gambe all’aria contro i nemici che popoleranno gli ambienti di gioco, pronti a dare filo da torcere ai giocatori; altro strumento indispensabile per il salvataggio dei summenzionati scienziati sarà poi il gancio prensile: bisognerà però fare attenzione sia alle insidie insite nei vari livelli, sia ai propri colpi sparati, che potrebbero finire ben presto nel diventare un inatteso fuoco amico, che falcerà inderogabilmente i superstiti.


Tranelli sotterranei

Insidie ambientali, dicevamo nel paragrafo precedente, saranno sparse nei livelli che comporranno il titolo, e soltanto tramite la loro interazione si potrà accedere ad aree altrimenti inaccessibili: un esempio saranno i vari “mari di lava”, che andranno a riempire determinate porzioni di livello, sui quali soltanto l’acqua potrà avere la meglio, trasformandoli in solida roccia, da sbriciolare a suon di colpi sparati. Gas, liquido magnetico e ghiaccio saranno poi soltanto alcuni dei numerosi elementi che bisognerà usare a proprio piacimento e favore, anche mediante l’utilizzo di utilissimi power-up, sparsi in zone strategiche di determinati livelli, che consentiranno, se usate con criterio di aver ragione delle insidie elementari. Il tutto verrà coadiuvato da un sistema di controllo intuitivo e funzionale, con i due stick analogici deputati al movimento della navicella ed all’orientamento nello spazio dei suoi cannoni, con i tasti dorsali deputati rispettivamente all’attivazione del fuoco ed all’estensione del gancio prensile.


Du version is megli che uan… o no?

L’utilissima funzione di Cross Buy su PS Vita, unita alla possibilità di sfruttare i salvataggi in cloud per un intrigante Cross Play, sembrerebbe estendere notevolmente la longevità di un titolo già di per se attraente: bisogna però registrare sulla versione portatile un drastico calo della qualità grafica, ovviamente sacrificata per garantire una fluidità di gioco adeguata, ma che comunque salta all’occhio, soprattutto se la sessione di gioco avviene subito dopo averne terminata una sulla console domestica di casa Sony. Stesso discorso (non troppo lusinghiero) per quanto riguarda i comandi di gioco – questa volta non per colpa del gioco, quanto più per una conformazione scomoda della console – con i due stick analogici che costringono i pollici a torsioni innaturali e che, oltre a non permettere di prendere bene la mira, non consentono sessioni di gioco prolungate, a causa di possibili dolori alle articolazioni.

Insomma, un PixelJunk Shooter Ultimate che mostra due facce, una bella e pimpante, su PS4, ed un’altra un po’ meno propositiva, sia per demeriti propri che per altrui. Certo, l’uscita gratuita per gli abbonati Plus nel mese di giugno amplia decisamente il bacino di utenza per l’ultimo lavoro dei Q-Games, ma anche i non abbonati dovrebbero farci un pensierino, vista la quantità e qualità del prodotto.

COMMENTO
Daniela Paparone

Un titolo decisamente particolare, come d'altronde tutta la serie PixelJunk, che non annoia mai, sebbene le meccaniche di gioco basilari siano pressochè uguali, livello per livello, ma che riesce a tenere alta l'attenzione dei giocatori con intriganti innesti, come possono essere un nuovo elemento ambientale oppure una nuova feature per la navicella. Ottimo lavoro dei Q-Games

GRAFICA:8Buona la grafica su PS4, perde ovviamente, a beneficio della fluidità, su PS Vita.
SONORO:7.5Accompagnamento sonoro adeguato all'esperienza ludica.
GIOCABILITà:8Semplice ed intuitivo su PS4, è su PS Vita che i controlli (per motivi logistici degli stick analogici) danno qualche problema.
LONGEVITà:9Tanti livelli a disposizione e tantissime insidie da superare!
VOTO FINALE8
PRO:- Gameplay semplice ed immediato
- Decisamente longevo
- Graficamente ottimo su PS4...
CONTRO:- ... molto meno (ovviamente) su PS Vita
- Stick analaogici scomodi sulla portatile
PixelJunk Eden ( PS3 )Un poetico viaggio in un mondo floreale dalle tinte psichedeliche: da provare!
Don't Starve ( PS4 )In ambito PS4 pochi titoli sono finora approdati, ma tra questi spicca indubbiamente lo strambo Don't Starve, dotato com'è di un gameplay magnetico.
SCHEDAGIOCO
Cover PixelJunk Shooter Ultimate

PixelJunk Shooter Ultimate

Scheda completa...
PixelJunk Shooter Ultimate2014-06-28 15:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/pixeljunk-shooter-ultimate/Scava, spara, salva!1020525VGNetwork.it