Planets Under Attack

Professione: conquistatore di pianeti
Scritto da Mail@ M4rCuSil 29 gennaio 2013
Planets Under Attack Recensione

Quando mi sono seduto e ho iniziato a giocare a Planets Under Attack, ho pensato stessi per avventurarmi in un tower defense, un genere ormai famoso (fin troppo) su qualsiasi piattaforma di gioco, mobile e non. Dopo le prime partite, invece, ho capito che questo titolo non appartiene per niente al genere dei tower defense, bensì ad un altro genere portato alla ribalta negli ultimi anni e di cui parleremo tra poco. Ma anche ammesso tutto ciò, Planets Under Attack riesce a spiccare nell’universo dei Live Arcade?


All'attacco!

Negli ultimi anni sono emersi due tipi di giochi di strategia “casual”, uno è il padrone indiscusso dei dispositivi mobili: il tower defense; l'altro è la tipologia rappresentata da titoli come Planets Under Attack. L’obbiettivo di questi giochi è quello di competere per un piccolo gruppo di nodi da conquistare con le proprie truppe. Ogni nodo posseduto genera automaticamente dei soldati, per cui l'unica cosa che il giocatore ha davvero bisogno di fare è gestire le tempistiche degli attacchi garantendo allo stesso tempo che i propri nodi non vengano catturati dal nemico.
Vengono chiamati giochi strategici anche se in realtà di strategico hanno ben poco, in quanto non è richiesta una vera tattica per vincere. Questo, badate bene, non significa che siano facili; Planets Under Attack ha una curva di difficoltà molto ripida, soprattutto per i feticisti del punteggio massimo, ma non è nulla più che un gioco arcade con un discreto livello di sfida.
In Planets Under Attack i nodi di cui parlavamo poco sopra sono sostituiti da pianeti e i "soldati" sono navi da combattimento. È presente una rudimentale gestione delle risorse, flebile tentativo di rendere la formula di base un po' più complessa, ma non riesce a coinvolgere come dovrebbe, anche perché le risorse vengono generate automaticamente, dando vita ad un sistema che viene eseguito in background senza troppo lavoro da parte del giocatore.
I giochi di strategia standard chiedono ai giocatori di prendere decisioni sul tipo di unità da costruire, sul loro posizionamento strategico e sul mantenimento della salute, del morale e dei rifornimenti delle truppe. In Planets Under Attack, invece, il tipo di unità non è selezionabile e il loro posizionamento strategico è dettato da un unico comando: quello predisposto all’attacco. L'unico aspetto che, ogni tanto, bisogna pianificare è l'orbita planetaria dei pianeti in nostro possesso, che potrebbero attraversare il territorio nemico rendendoci bersagli facili per le truppe avversarie. Per fortuna i pianeti si muovono in modo molto pigro attorno a queste orbite, quindi il tempo non manca per prepararsi.

Chi vuole giocare con me?

Non fatevi spaventare dalle critiche, Planets Under Attack è il miglior esempio del suo genere che abbia mai visto: sono presenti due diverse razze con cui giocare, umani e robot, ognuna con stili di gioco leggermente diversi, c'è il multiplayer per un massimo di quattro giocatori (uno dei punti forti del gioco) e la presentazione visiva è piuttosto bella. Planets Under Attack gode anche di una IA abbastanza dinamica, il che significa che rigiocare un livello potrà spesso significare dover far fronte a un diverso modello di attacco da parte del nemico.
C'è però un serio problema nel multiplayer, che potrebbe minare seriamente la creazione di una comunità stabile. Poiché le meccaniche di gioco sono così semplici, ingannare un avversario con il vantaggio numerico è incredibilmente difficile. Una volta che un giocatore guadagna un leggero vantaggio, ad esempio un pianeta in più, la generazione dei soldati aumenta, così come le risorse e per l’avversario il game over è praticamente assicurato.
Non c'è nulla di sbagliato nel gioco in sé, il problema di Planets Under Attack è che appartiene ad un genere poco interessante e che quindi non riuscirà a spiccare all’interno dei Live Arcade a causa dello scarso numero di appassionati. È certamente da apprezzare il desiderio di creare un gioco di strategia accessibile ma, per uno sviluppatore, il genere dei tower defense è una scommessa molto più sicura.
COMMENTO
Mail@ M4rCuS

Planets Under Attack non è da buttare, anzi, ma la scarsa base di utenti potrebbe farlo arenare subito. Il genere può piacere e non piacere, ma resta il fatto che attualmente il mercato è dominato da un altro tipo di gioco strategico e i giocatori disposti a variare sono ben pochi.

GRAFICA:7.5Curata e piacevole, sicuramente uno dei punti forti del gioco.
SONORO:6.5Nulla di particolare sotto questo aspetto, che rimane abbastanza anonimo.
GIOCABILITà:6L'equilibrio tra le squadre è tutto, ma basta una leggera variazione per perdere la partita.
LONGEVITà:7Pochi giocatori online, non molte missioni in singolo.
VOTO FINALE7
PRO:- Idea interessante
- Visivamente curato
CONTRO:- Pochi appassionati del genere
- Alcuni problemi di bilanciamento
Plants vs. Zombies ( PS Vita )Un tower defense molto originale.
Rock of Ages ( X360 )Azione e strategia, ma dal gusto arcade.
SCHEDAGIOCO
Cover Planets Under Attack

Planets Under Attack

Scheda completa...
Planets Under Attack2013-01-29 18:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/planets-under-attack/Professione: conquistatore di pianeti1020525VGNetwork.it