Plants vs Zombies Garden Warfare

Piante e zombie invadono la next gen
Scritto da Mail@ M4rCuSil 04 marzo 2014
Plants vs Zombies Garden Warfare Recensione

Quando Plants vs Zombies fece il suo ingresso trionfale sull’App Store, il successo fu immediato. Il titolo PopCap aveva tutte le carte in regola per diventare una killer application su dispositivi mobile: semplice, veloce e divertente. Ormai siamo arrivati al secondo episodio basato sul gameplay in stile tower defense e il brand è ancora decisamente in forze, tanto da essere stato acquisito da Electronic Arts nel corso dello scorso anno. Unione che ha portato alla creazione di Plants vs Zombies Garden Warfare, un titolo così pazzo ma allo stesso tempo così ben costruito da risultare dannatamente divertente e fresco, un must have per ogni possessore di Xbox One e 360.


La guerra in giardino

Garden Warfare prende tutto il background, i personaggi e la storia di PvZ e li inserisce in uno sparatutto in terza persona, costruito sapientemente da chi di sparatutto se ne intende. E questo piccolo ma fondamentale dettaglio lo si nota appena si sfiora il grilletto: la sezione di shooting è ottima e si basa su solide fondamenta, dopotutto stiamo parlando degli stessi produttori di Battlefield. È tutto il resto ad essere completamente fuori di testa: piante che si credono soldati, zombie che assaltano giardini, cactus cecchini e zombie ingegneri, in Garden Warfare troverete la selezione più folle di personaggi, armi ed abilità vista in un TPS, una selezione che contribuisce però a dare un’aria di freschezza a tutto il titolo, il quale riesce ad intrattenere e a divertire, sebbene non offra tanti contenuti quanto un gioco standard.
Le modalità disponibili all’interno di Garden Warfare sono infatti solamente tre: Tappetino di benvenuto, Eliminazione a squadre e Tombe e Giardini. La prima è dedicata ai nuovi giocatori e rappresenta la modalità perfetta per iniziare; peggio giocheremo, più salute otterremo alla rigenerazione successiva. Eliminazione a squadre è invece la classica modalità piante contro zombie, la prima squadra che arriva a 50 vince. Tombe e Giardini è il fiore all’occhiello del gioco e la modalità sicuramente più interessante, le due squadre si affrontano in una mappa all’interno della quale le piante devono difendere dei giardini e gli zombie devono attaccarli. Man mano che i non morti conquistano i giardini, le piante arretrano fino ad un punto nel quale viene chiesto agli zombie di effettuare un’azione particolare per vincere. Vi suona familiare? Certo, la modalità è identica a quella denominata Corsa della serie Battlefield, solo con più fagioli esplosivi e fucili lancia palloni. Oltre a queste tre modalità di base, nel gioco sono presenti altre due definite “classiche”, nelle quali non sono permesse personalizzazioni, migliorie e personaggi sbloccati.

In quattro è meglio

A queste modalità competitive se ne affianca una cooperativa: Operazione giardino. Fondamentamente si tratta di PvZ classico, ma giocato dal punto di vista di uno sparatutto in terza persona. Nei panni di una pianta e con l’aiuto di tre amici dovremo difendere il nostro giardino da ondate di zombie sempre più potenti, con tanto di boss e super zombie. Una modalità divertente che spezza il ritmo competitivo di quelle standard. Per chi invece vuole godersi il gioco con un amico in carne ed ossa, Garden Warfare offre la possibilità di affrontare queste ondate in split screen.
Altra modalità presa di peso da Battlefield e disponibile durante le partite standard è la cosiddetta modalità Boss, nella quale dovremo, tramite l'ausilio del Kinect, raccogliere potenziamenti ed assistere le truppe di terra durante lo scontro. Una modalità, questa, che si avvicina molto al vero Plants vs Zombies, mettendoci nei panni di un "comandante" impegnato nell'organizzare piante o zombie.
Le modalità, pur non offrendo una varietà enorme (ma comunque notevole), riescono ad intrattenere parecchio, grazie anche all’ottimo gameplay e alla dimensione discreta delle mappe. 

L'erba di EA è sempre più verde

Quello che però riesce a dare quel tocco di classe al gioco sono i personaggi stessi e le classi disponibili. Sono quattro per ogni fazione e ognuna di esse possiede tre abilità specifiche. Gli zombie possono contare su Fante, Ingegnere, Scienziato e Fuoriclasse, mentre le piante avranno a disposizione Sparasemi, Masticazombi, Girasole e Cactus. Ognuna di queste classi si rifà in realtà a classi vere, dal soldato semplice (Sparasemi, Fante) al cecchino (Cactus), senza dimenticarsi del medico (Girasole) e del supporto (Fuoriclasse). Le armi sono invece totalmente folli: spara pallini, lanciapalle da football, aghi, semi, fagioli e chi più ne ha più ne metta. A questo si aggiungono le tre abilità possedute da ogni classe, che vanno dalla cura al salto con il lanciarazzi, dal fagiolo esplosivo al drone aglio. Sì, un drone aglio con il quale potremo sorvolare il campo di battaglia e mettere fuori gioco gli zombie nemici con tanto di attacco con mortaio. Folle, vero? Le abilità andranno sbloccate utilizzando i vari personaggi, i quali aumenteranno di livello e ci permetteranno di usare tutti i poteri speciali.
Nelle mappe sono inoltre sparsi dei vasi vuoti e delle zolle di terra scavate, in questi punti entra in gioco la componente tower defense. Avremo infatti a disposizione delle carte con le quali “evocare” alcuni personaggi che ci daranno man forte durante la partita: mitragliasemi, fiore curatore, bocca di drago, zombie segnaletico, zombie secchione, zombie bara, etc, potremo chiamare i rinforzi sacrificando una carta, ma attenzione: alcune sono molto rare e dovremo scegliere bene quando utilizzarle. Potremo ottenere più carte acquistando i pacchetti di figurine nel negozio del gioco utilizzando i punti guadagnati durante le partite, non è ancora possibile effettuare acquisti con soldi veri, ma è solo questione di tempo prima che EA lo permetta. Questa caratteristica è stata presa di peso dall’imminente Titanfall, che offrirà un sistema simile di potenziamenti.

Piante in alta definizione

Ogni personaggio può essere personalizzato completamente, sia nell’aspetto che nei movimenti. Cappeli, accessori, barbe e armi possono essere customizzati per garantire una varietà visiva all’interno delle partite. Ovviamente tutte le personalizzazioni sono pazze tanto quando il resto del gioco e non mancheranno di strappare un sorriso anche nel momento della sconfitta. Il level design e, più in generale, il design dei personaggi è davvero ben fatto e richiama lo stile del gioco per tablet e smartphone. Colori molto accesi e angoli smussati, l’impatto visivo è molto accattivante e, su Xbox One, il comparto tecnico è di tutto rispetto e non ha niente da invidiare agli altri titoli di nuova generazione. Simpatiche anche le musiche e il “doppiaggio” di piante e zombie.
Plants vs Zombies Garden Warfare rappresenta una piccola perla disponibile per Xbox e PC, nato come titolo a metà tra il retail e l’indie (viene venduto a 30€ per la versione 360 e 40€ per quella One), regala tante ore di divertimento grazie ad un gameplay riuscito e fresco, accompagnando il tutto con un comparto tecnico accattivante e dinamico. Non possiamo che consigliarne l’acquisto a tutti i possessori di Console Microsoft, anche solo in attesa del grande arrivo di Titanfall.
COMMENTO
Mail@ M4rCuS

Nonostante le ottime premesse, nonostante i video meravigliosi e nonostante le impressioni positive in fase di anteprima, non pensavo che Garden Warfare potesse piacermi così tanto. Mi ha stupito sotto ogni punto di vista, soprattutto sotto quello più tecnico del sistema di shooting, che pensavo fosse stato sì curato, ma non così tanto. Un'ottima prova da parte di EA, che dimostra di sapersi mettere in gioco anche con brand inusuali. Ora attendiamo tutti con ansia Titanfall.

GRAFICA:8.5Visivamente accattivante, dai colori accesi e dal design interessante, colpisce piacevolmente
SONORO:7.5Buoni i suoni delle battaglie e l'accompagnamento musicale
GIOCABILITà:8.5Le classi e le abilità danno quel tocco in più al gioco, ottimo sistema di shooting
LONGEVITà:7Le modalità sono solo tre, ma se ci faranno comunque passare diverse ore di divertimento
VOTO FINALE8
PRO:- Divertente e vario
- Tante classi e abilità
- Folle
CONTRO:- Non profondissimo
Battlefield 4 ( X360 )Una guerra più realistica
Titanfall ( XBOX ONE )La vera bomba di questa primavera
SCHEDAGIOCO
Cover Plants vs. Zombies: Garden Warfare

Plants vs. Zombies: Garden Warfare

Scheda completa...
Plants vs Zombies Garden Warfare2014-03-04 07:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/plants-vs-zombies-garden-warfare/Piante e zombie invadono la next gen1020525VGNetwork.it