Recore

Robottini dal cuore estraibile
Scritto da Mailil 20 settembre 2016
Recore Recensione

Dopo la tragedia di Mighty No. 9, il buon Inafune torna, coadiuvato dai ragazzi di Armature Studio, per portare sui nostri schermi Recore. Inafune è uno che solitamente sa quello che fa, Armature Studio è quello che avanza di Retro Studio, quelli di Metroid Prime, e ci sono in mezzo anche i soldi di Microsoft. Sull’ultimo punto immaginiamo che i rubinetti siano stati chiusi anzitempo, ma passiamo oltre. Cosa potrebbe quindi andare storto, con questo dream team? Ecco, qualcosa ci è andato…


Far Eden

Siamo nel futuro,e l’umanità è stata martoriata da un’epidemia. Gli scienziati hanno trovato un lontano pianeta non del tutto abitabile, Far Eden, e hanno deciso di colonizzarlo. Hanno anche realizzato dei meccanismi di terraformazione, e con loro dei robot utili a lavorare al posto degli esseri umani. Questo perché mentre il processo di creazione di un ambiente abitabile, la maggior parte dei superstiti sarebbe rimasta in orbita in attesa che il pianeta fosse diventato totalmente abitabile. Inizia così l’avventura della nostra Joule, che si sveglia su Far Eden, ma è sola. Non del tutto, in realtà, perché con lei c’è il suo Nucleobot, un cane robot. Cosa è successo però agli altri umani, e perché il pianeta è ancora desertico? E ancora, perché i Nucleobot sono impazziti? Lo scopriremo solo avanzando nell’avventura. Il gioco è narrato tramite collezionabili e brevissimi filmati, e appena premuto il tasto new game prenderemo praticamente subito il controllo di Joule, senza filmatoni iniziali. Se il pretesto è molto interessante, purtroppo la trama si perde quasi subito e sembra come se gli sviluppatori abbiano abbandonato l'idea di curarla.

L’atmosfera è veramente fantastica, la sensazione di solitudine che si prova a vedere un pianeta in rovina è forte. Molte aree sono però vuote, come se fossero state messe la per essere riempite dopo, ma i tempi di sviluppo o i fondi non lo abbiano permesso, ed è un gran peccato. Nel finale le vicende del gioco vengono chiuse, ma aspettate dopo i titoli di coda…


Salterelli

Dove il gioco di Armature brilla è nel gameplay, veramente di alto livello, fino a che non finiscono le idee. Tecnicamente nulla da eccepire, le fasi platform sono perfette, il controllo di Joule è un piacere, e si guizza in aria, si salta e si schiva con naturalezza. Le parti sparatutto sono divertentissime: non si tratta in Recore di mirare con precisione, dal momento che il gioco prevede l’utilizzo del lock on, ma l’importante è avere sempre sotto controllo il campo di battaglia, saper evitare i colpi nemici e reagire al colore di questi ultimi; sì, perché i nostri avversari avranno un colore specifico, così come la nostra arma sarà in grado di sparare colpi di diverso colore. Accordando le due cose i danni inflitti saranno maggiori. Inoltre è possibile estrarre il nucleo dei nemici, uccidendoli sul colpo, dopo avergli tolto un determinato quantitativo di vita, nonostante in questo modo non sarà possibile raccogliere materiali utili al crafting. I nuclei e i materiali sono l’elemento cardine della parte RPG di Recore, che si divide in due parti: è possibile costruire nuovi pezzi di telaio per i nostri Nucleobot, così come è possibile potenziare i nuclei, che possono poi essere inseriti in qualsiasi telaio. In questo modo lo sviluppo dei nostri companion corre su due binari distinti, aprendosi a un sacco di soluzioni, ancora una volta di fatto poco sfruttate. I companion che ci accompagneranno nel peregrinare in giro per Far Eden sono quattro, nonostante se ne possano portare con se solo due per volta. Ognuno ha le sue caratteristiche peculiari, e ad ogni nuovo Nucleobot sbloccato sarà possibile scoprire nuovi segreti anche in aree già visitate. Questo backtracking non è pensato solo per i completisti però, perché il gioco nella seconda parte ci obbligherà a tornare indietro.


Backtracking

Dopo cinque ore si arriva alla torre centrale del pianeta, dove dopo una boss fight che crediamo essere l’ultima, il gioco continua. Ci viene richiesto di raccogliere ben 45 nuclei prismatici, le chiavi per aprire le varie porte della torre. Per farvi capire, immaginate che si arriva alla torre con circa 20/25 nuclei, a seconda di quanto si è esplorato. Così bisognerà tornare nei vari dungeon secondari per raccogliere quello che si era lasciato indietro, forti anche del possesso di tutti i Nucleobot. A molti giocatori questa pratica dell’andare in cerca di nuclei per poter vedere il finale potrebbe risultare noiosa, nonostante devo ammettere che le sfide proposte dai dungen secondari sono solitamente di buon livello, nonostante si tratti di fare sempre le stesse cose: sparare e saltare, senza particolari guizzi creativi. Questa seconda parte del gioco dura altre 5 ore, per poi riuscire a vedere il filmato finale.


Dove si fatica

L’aspetto tecnico è un altro grosso Tallone d’Achille del lavoro di Inafune. Passino le texture brutte e i modelli poveri. Passino anche gli sporadici cali di framerate, che non ho mai trovato fastidiosi. I problemi qua sono di altro tipo: si cade fuori dalla mappa, innanzitutto. I pavimenti scompaiono, a volte, e si cade. Alcuni passaggi non hanno un “pavimento solido”, quindi camminandoci sopra, ancora una volta, si cade. Così come spesso il gioco fa respawnare il giocatore nel vuoto, facendolo cadere e ancora cadere quasi all’infinito. Dico quasi perché dopo un tot di morti di questo tipo Recore carica automaticamente il salvataggio precedente, sintomo di una consapevolezza del problema probabilmente, che quindi potrebbe voler dire che i tempi stretti per lo sviluppo, e magari i fondi tagliati, non hanno permesso agli sviluppatori di correggere determinati bug. Questi che vi ho descritto sono solo i più fastidiosi, ma il gioco è un circo di problemi tecnici, purtroppo, e giocando se ne incontrano diversi, la maggior parte dei quali non creano neanche problemi in fondo

PRO:- Ottima atmosfera
- Sistema di salto e sparo eccezionale
CONTRO:- Problemi tecnici
- Backtracking noioso per alcuni
- Seconda parte del gioco debole
Vanquish ( X360 )Non è proprio la stessa cosa, ma è un grande sparatutto.
Metroid Prime TrilogyLa serie completa di Metroid Prime, che molto si avvicina a Recore per alcune idee.
VOTO FINALE7
SCHEDAGIOCO
Cover ReCore

ReCore

Scheda completa...
Recore2016-09-20 16:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/recore-54217/Robottini dal cuore estraibile1020525VGNetwork.it