Saints Row IV: Re Elected & Gat Out of Hell

I Saints tornano, stavolta anche su next gen: saranno ancora in grado di cavalcare la cresta dell’onda?
Scritto da il 02 febbraio 2015
Saints Row IV: Re Elected & Gat Out of Hell Recensione

Riuscire a spodestare la serie Grand Theft Auto di Rockstar dal podio di miglior free roaming di sempre è un’impresa pressoché impossibile: nessun titolo è infatti mai riuscito a bissarne contenuti e successo, rappresentando di fatto una battaglia pressoché impossibile da vincere. Se non si può scavalcare un colosso come GTA conviene allora aggirarlo in modo da offrire al grande pubblico un qualcosa di sensibilmente diverso così da evitare un impietoso confronto diretto. E’ quello che deve aver pensato Volition quando ha ideato gli ultimi episodi della serie Saints Row, saga che fa dell’assurdo e della parodia i suoi principali punti di forza per attirare le più disparate tipologia di videogiocatore. Il quarto episodio, ritenuto da molti il migliore mai realizzato, rappresenta l’apice di questa vincente filosofia tanto che è stato premiato dal pubblico con un considerevole quantitativo di copie vendute. Con l’arrivo della nuova generazione di console gli sviluppatori hanno ben pensato di salire a loro volta sul carrozzone dei tanto criticati remastered riproponendo Saints Row IV in una nuova veste grafica tirata a lucido per l’occasione; il pacchetto però non si limita ad un mero miglioramento visivo: esso offrirà infatti tuttii i DLC realizzati fino ad ora nonché la nuova espansione stand-alone Gat Out of Hell. Curiosi di saperne di più? Bene allora continuate a leggere la nostra recensione!


Parola d’ordine: CASINO!

Come accennato in sede d’apertura la serie Saints Row è caratterizzata da un forte accento sulla componente umoristica che fa dell’assurdo il suo principale punto di forza. Saints Row IV in particolare è un gioco esagerato, sopra le righe e chiassoso, che non si prende sul serio nemmeno per un istante ed anzi cerca in tutti i modi di sdrammatizzare ogni situazione utilizzando simpatici siparietti e scene al limite dell’assurdo. La trama è quindi totalmente fuori di testa e vede un improbabile criminale vestire i panni di presidente degli Stati Uniti d’America, il quale dovrà sgominare una terribile invasione aliena che minaccia di cancellare la razza umana dall’universo. Se le premesse narrative vi sembrano strampalate aspettate di vedere il gameplay vero e proprio. Il gioco infatti prende una formula collaudata come quella dei free roaming alla GTA e la mischia con vari elementi provenienti da un po’ tutto il mondo dei videogiochi. Il nostro protagonista, che ricordiamo può essere personalizzato in pressoché ogni aspetto, guadagnerà quindi vari superpoteri nel corso dell’avventura, potrà utilizzare armi e veicoli di ogni genere e le missioni a cui prenderà parte sono varie ed estremamente bizzarre. Il bello di Saints Row IV è proprio questo: permettere al giocatore di fare qualsiasi cosa lui voglia, ponendo gran pochi paletti alle sue azioni.


Un’espansione infernale

Il pacchetto venduto nei negozi, oltre ad offrire il remastered del quarto capitolo (la cui recensione potete trovarla qui), contiene al suo interno anche l’inedita espansione Gat Out of Hell la quale racconta una storia completamente nuova ed altrettanto allucinante. Il capo dei Saints, forte della sua nomina a presidente degli Stati Uniti d’America, decide di prendere in sposa nientepopodimenoche la figlia di Satana, la quale sembra essere la consorte perfetta per un mascalzone del genere. La decisione però risulta essere un po’ troppo estrema anche per il nostro santo preferito, così il suo fidato amico Johnny Gat decide di toglierlo dai guai recandosi nell’infernale città di New Hades per impedirne il matrimonio. Come riuscirà il nostro eroe ad annullare lo sposalizio? Semplice: cercherà di far incazzare come una belva il povero Satana seminando caos e distruzione nella sua città. Ve lo avevamo detto che la trama, anche in questo caso, era totalmente fuori di testa…

Materialmente come si traduce tutto ciò in termini di gameplay? Beh quello che troverete in questa espansione è esattamente lo stesso impianto messo in piedi dal quarto capitolo trasportato però all’interno di una città più contenuta: il protagonista dovrà portare a termine missioni di vario tipo per riempire la barra della furia di Satana, acquistando mano a mano poteri sempre più letali che andranno ad affiancarsi alle classiche armi da fuoco. Squadra che vince non si cambia direte voi, peccato però che alcuni dei difetti storici della serie stiano ormai diventando particolarmente pesanti in un titolo datato 2015. Innanzitutto l’intelligenza artificiale di nemici e personaggi non giocati è alquanto discutibile e risulta in più di un’occasione poco reattiva e competitiva; dopodiché la mancanza totale di coperture e di un sistema di combattimento corpo a corpo degno di questo nome non fanno altro che peggiorare ulteriormente la situazione, facendo assomigliare questo Saints Row quasi ad un titolo di due generazioni fa. Se aggiungete a ciò l’assenza di caratteristiche cardine quali la vastità e varietà della città vista nel quarto episodio otterrete un quadro non molto positivo, che fa anzi di Gat Out of Hell un prodotto ludicamente purtroppo abbastanza debole e in più aspetti limitato. 


Il peso degli anni

Da un remastered è locigo non aspettarsi miracoli: sono titoli nati sulla passata generazione di console e tirati a lucido per l’occasione in modo da sfruttare al meglio le caratteristiche hardware delle nuove macchine. In questi ultimi mesi abbiamo visto prodotti molto ben riusciti ed estremamente curati quali The Last of Us, Tomb Raider e Grand Theft Auto, purtroppo però lo stesso non si può dire di questo Saints Row IV: Re Elected. Il gioco è sì proposto ad una risoluzione di 1080p ma è totalmente assente un qualsivoglia filtro anti-aliasing, causando quindi un abbassamento della qualità visiva non indifferente. Come se non bastasse anche texture, modelli poligonali, effetti speciali e fisica mostrano l’impietoso trascorrere del tempo tanto da apparire più datati che mai sulle nostre nuove PlayStation 4 ed Xbox One. Hanno fatto un pessimo lavoro gli sviluppatori del porting? Non esattamente: Saints Row IV possedeva un comparto tecnico già scricchiolante nella sua originale release e purtroppo il doversi confrontare con prodotti ben più attraenti quali inFamous: Second Son, Watch Dogs e GTA V non hanno fatto altro che esaltarne in negativo i difetti. Discreto lavoro per quanto riguarda il framerate: su entrambe le console il gioco gira fluido per la maggior parte del tempo e le poche incertezze risultano essere ininfluenti in termini di gameplay. Piacevole poi il comparto sonoro al quale dobbiamo riconoscere una nota di merito relativamente al doppiaggio in inglese, ben realizzato ed altamente esilarante.


Un remastered all’altezza?

Saints Row IV: Re Elected & Gat Out of Hell è un pacchetto sicuramente valido e che offre, oltre al gioco base, anche tutti i DLC fino ad oggi realizzati nonché un’inedita espansione stand-alone. Se contenutisticamente il lavoro svolto dai Volition è molto buono lo stesso non si può dire dell’aspetto prettamente ludico: l’impianto di gioco è ormai scricchiolante e sente tutto il peso degli anni che ha sul groppone, ciò è dovuto ad alcune mancanze che ormai sono divenute uno standard nei giochi appartenenti al genere degli action-free roaming. Come se non bastasse anche dal punto di vista tecnico il motore grafico non è assolutamente invecchiato bene facendo quindi sfigurare questo remastered se confrontato con altri prodotti realizzati sempre su console di nuova generazione. Se però cercate un titolo altamente esilarante, senza troppe pretese e con un forte accento sulla distruzione dell’ambiente circostante, Saints Row IV è ciò che fa per voi, a patto chiaramente di scendere a compromessi con i difetti evidenziati poco sopra.

COMMENTO

Non sono mai stato un amante dei free roaming ma nella serie Saints Row ho sempre trovato una buona alternativa ai classici Grand Theft Auto. L’atmosfera esilarante e totalmente folle che si è iniziato a respirare negli ultimi episodi mi ha subito colpito ed anche in questo remastered è forte e tangibile. Purtroppo però l’impianto di gioco inizia a sentire il peso degli anni ed anche tecnicamente, nonostante il lifting grafico, il risultato non è dei migliori. Speriamo che Volition, con il prossimo ipotetico capitolo, svecchi questa serie: il mercato videoludico ha bisogno di un’alternativa fuori di testa allo strapotere Rockstar.

GRAFICA:6.5Il lifting tecnico non ha fatto altro che evidenziare gli ovvi limiti del motore grafico.
SONORO:8Buone musiche e doppiaggio adeguato.
GIOCABILITà:6.5Il gioco, anche qui, inizia a sentire il peso degli anni. Anche l’espansione non fa gridare al miracolo.
LONGEVITà:8.5Tante cose da fare, attenti però che potresti annoiarvi in fretta se non digerite i free roaming.
VOTO FINALE7
PRO:- Tanti contenuti da cui attingere
- Gran numero di azioni possibili
CONTRO:- Tecnicamente ha i suoi anni
- Il gameplay inizia ad essere datato
Grand Theft Auto V ( PS4 )La serie Rockstar è senz'altro la più valida alternativa al titolo dei Volition.
inFAMOUS: Second SonFree Roaming e poteri? Sucker Punch insegna!
SCHEDAGIOCO
Cover Saints Row IV: Re Elected & Gat Out of Hell

Saints Row IV: Re Elected & Gat Out of Hell

Scheda completa...
Saints Row IV: Re Elected & Gat Out of Hell2015-02-02 09:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/saints-row-iv-re-elected-e-gat-out-of-hell-48428/I Saints tornano, stavolta anche su next gen: saranno ancora in grado di cavalcare la cresta dell’onda?1020525VGNetwork.it