SBK 09

Scaldate i motori... La Superbike è tornata più aggressiva che mai!
Scritto da Stefano "OnafetS" Tafaniil 29 maggio 2009
SBK 09 Recensione
Quante volte vi sarete sentiti dire “Chi va piano, va sano e va lontano!” e avrete pensato a quanto fosse crudele, ma vero… Beh, a quanto pare, per il team Milestone questo detto vale quanto un due di coppe, e lo dimostra nello sviluppo di SuperBike 09, dove il divertimento aumenta in modo direttamente proporzionale alla velocità alla quale si brucia l'asfalto. Se vi piace sentire il paradisiaco rumore dei motori che ruggiscono al semaforo, aspettando che si faccia verde, o sentirlo urlare agli spettatori alla fine di una gara come un leone fa con la sua preda ormai inerme, allora questo è sicuramente il gioco che fa per voi.Certo ci sono pregi e difetti da discutere, imperfezioni e particolari succulenti da sezionare, ma di sicuro rimarrete soddisfatti del lavoro svolto dal team, vecchia gloria dei titoli racing.Una cosa è certa, se siete amanti del genere, SuperBike 09 (d'ora in avanti SBK 09) non può mancare assolutamente alla vostra collezione.

Piloti provetti o alle prime armi?

Incominciamo a parlare di come si presenta il gioco ai nostri occhi. Una cosa degna di nota è il menù principale, innovativo e ben fatto. L’idea di uno sfondo mobile con persone che fanno foto alle moto, ai piloti e alle macchine nel mezzo della fiera SBK è bella ed innovativa. Nello specifico, troviamo il nostro pilota, con moto al seguito, ed accanto una bellissima ragazza con il suo delizioso ombrellino a ripararci dagli scottanti raggi solari e come sfondo una macchina, diverse persone, palloni giganti dell’Alfa Romeo e della SBK stessa. Insomma un menù accogliente che ci catapulta da subito nella giusta atmosfera. La grafica non è la migliore mai vista su una PS3 (versione analizzata) ma è accettabile e si attesta sulla piena sufficienza. Per quanto riguarda le opzioni nel menù: Singleplayer, Multiplayer, In rete e, ovviamente, le Opzioni.Spesso, molti videogiocatori sottovalutano le opzioni, ma farlo in SBK 09 è come tirare un pugno ad un uomo con gli occhiali e poi costringerlo a porgere l’altra guancia. Insomma, è chiaro: non si fa! Per giocare al meglio il titolo dei Milestone, sarebbe doveroso studiarsi bene le opzioni perché hanno una decisa rilevanza. Se è la prima volta che giocate ad un simulatore come questo, la cosa migliore da fare è lasciare le impostazioni predefinite e fare alcune gare veloci (o Quickrace, all'interno della voce Singleplayer) per prendere confidenza con i comandi. Una cosa è certa, il realismo in questo titolo gioca un ruolo fondamentale e per fortuna non è stato assolutamente tralasciato (almeno per quanto riguarda il gameplay).

Fategli mangiare la polvere!

Consapevoli delle loro possibilità, la squadra di sviluppatori ha fatto davvero un bel lavoro. Per quanto riguarda il grado realismo, abbiamo diverse scelte. Per capirci meglio: ci sono diversi livelli di difficoltà, a seconda del quale il realismo aumenta o diminuisce. In particolare, per "realismo" si intende il Grip (maggiore o minore), le restrizioni di gara, le penalizzazioni e compagnia bella. Insomma, la simulazione messa in piedi dai ragazzoni di Milestone coinvolge e, se giocata ad un livello di difficoltà alta, può farci immergere in tutto ciò che comporta la guida di una moto. La trovata che ci ha elettrizzato è stata quella di avere la possibilità di "personalizzare" il livello di difficoltà, attraverso la modifica di diversi valori, tra i quali: Grip, cambio (automatico o manuale), penalizzazioni, controllo del pilota (bilanciamento sulla moto), numero di giri e molte altre opzioni che preferiamo scopriate da soli. Insomma, se volete farvi del male, avete la possibilità di appagare il vostro bisogno di masochismo videoludico. Parlando di fedeltà dei "cavalli meccanici", manovrabilità del mezzo e di come si presenta la gara stessa, non possiamo che elogiare il buon lavoro svolto. Grafica buona, specie per come sono state riprodotte le moto, davvero fedeli alle controparti reali.Parametro indispensabile sono le diverse modalità di inquadratura, da quella in prima persona a quella in terza (o alle spalle, se preferite); gli effetti della moto, a seconda delle attività atmosferiche, sono ben realizzati, tanto da simulare bene le illuminazioni sulle carene e i vari riflessi di luce. Qualche pecca la troviamo parlando del pilota, infatti incappiamo in una rappresentazione leggermente meno accurata (anche se è comprensibile che sia stato dato più spazio alle rifiniture delle moto piuttosto che a quelle dei piloti), la quale si fa sentire soprattutto nella scelta dei personaggi. Ma del resto è una pecca abbastanza trascurabile. Quello che proprio non ci va giù, invece, è la riproduzione delle cadute (ebbene si, cadrete dal vostro sellino, e non potete immaginare quanto!) a causa di un sorpasso poco ortodosso, o di una sgommata controproducente (ma anche per una piccola dimenticanza riguardante l’esistenza stessa dei freni…). Purtroppo, c’è da dirlo, il realismo in questo caso è pari a zero. Semplicemente i piloti sembrano dei manichini che volano dalla moto, increduli del dolore che stanno per provare. Poi, buffo, proprio in un gioco dove il dolore dovrebbero davvero "sentirlo", in quanto, oltre a danneggiare la moto, rischiate di compromettere la sanità fisica del vostro pilota costringendolo a ritirarsi dalla gara. Questo, cari appassionati, ben sapete quanto possa bruciare, specie se siete ad un passo dalla vittoria.

“Mamma, non voglio strisciare il sedere per terra”… “Allora studia!”

Il titolo parla chiaro. Se non volete fare la fine dei perdenti, non vi basterà andare giù con l’acceleratore, ma dovrete usare la testa e cercare di trovare dei compromessi che risulteranno decisivi per il buon esito della gara. Nella modalità Championship, infatti, prima di ogni gara ci sarà largo spazio per un check-up completo, dove potrete scegliere il miglior settaggio della vostra moto, studiare il percorso da affrontare chiedendo ai vostri tecnici aiuti e consigli che vi torneranno molto utili. Parlando dell’assetto della moto, avrete la possibilità di cambiare valori come: Precarico, Ammortizzatori, Rapporto del cambio, Pneumatici e altro ancora. Sarà vitale scegliere un buon assetto, anche in base alle condizioni atmosferiche, altrimenti il vostro sacrosanto deretano striderà a contatto col grigio asfalto.Interessante anche la possibilità di interagire e chiedere consigli ai fidi meccanici riguardo il tracciato (sessioni, statistiche, telemetria). Una opzione particolarmente importante è proprio la telemetria, grazie alla quale avrete la possibilità di analizzare i due giri precedentemente effettuati e confrontarne le prestazioni su un grafico opportunamente costruito. Potrete controllare, tramite l’inclinometro, l’angolo e la direzione della piega della moto nel tratto preso in considerazione, il grafico della velocità (grazie al quale sarete in grado di correggere la velocità tenuta nei vari punti del tracciato). Questo ovviamente vi consentirà anche di capire quale assetto utilizzare per una prestazione ottimale. O comprendere perché le vostre ossa stanno scricchiolando così tanto.

Ormai siete sul podio… prendete quel trofeo e alzatelo in aria… Siete i campioni!

Una volta capito il funzionamento del gioco e dei vari settaggi, allora - come si dice a Roma - non ci sarà “trippa pe' gatti”. Sarete inevitabilmente i campioni, e del resto ve lo meritate data la curva di apprendimento che il team Milestone ha imposto, sfidando anche i più masochisti a cimentarsi nel livello più alto di difficoltà, quello che dona più soddisfazioni di tutti. SBK 09 è un buonissimo titolo, il quale non tarderà a far breccia nei cuori degli appassionati. Ci sarebbe ancora altro da aggiungere, ma la cosa migliore da fare in casi come questi è quella di finire di leggere l'articolo, prendere la macchina (anche se, visto che siamo in tema, sarebbe meglio la moto) e correre - ehm, non troppo - a comprarsi il gioco. Occhio all'asfalto umido, mi raccomando.
COMMENTO
Stefano "OnafetS" Tafani
Mi sembra obbligatorio sottolineare che questo è un titolo molto selettivo riguardo i videogiocatori. Se siete appassionati del genere, non aspettate oltre, perché saprà "sfidarvi" alla grande, nel immersione in un Campionato di Superbike vivo e frenetico quanto mai.
GRAFICA:7.5Riproduzioni delle moto fedeli, animazioni dei piloti abbastanza deficitarie.
SONORO:7Non aggiunge assolutamente niente al genere, una buona riproduzione, ma nessun tratto distintivo.
GIOCABILITà:10Il sistema di controllo e personalizzazione è straordinariamente realizzato, nonché la curva di difficoltà, proporzionale alla nostra scelta. Un lavoro sopraffino.
LONGEVITà:7.5Solito discorso di generi così specifici. Se siete appassionati di moto, la longevità si eleva sopra la media, grazie anche all'online. In caso contrario, comunque, non vi stuferete così presto.
VOTO FINALE8
PRO:- E' la Superbike!
- Controllo e gameplay impeccabili.
CONTRO:- Ma che razza di cadute fanno i piloti?
- Comparto tecnico mediocre.
Naturalmente il capitolo precedente di SBK, ottima alternativa per gli appassionati del genere.
FUEL ( PS3 )Per un divertimento più "scanzonato", FUEL è ciò che fa per voi. Un'alternativa... Scoppiettante!
SCHEDAGIOCO
Cover SBK-09: Superbike World Championship

SBK-09: Superbike World Championship

Scheda completa...
SBK 092009-05-29 16:17:35http://www.vgnetwork.it/recensioni/sbk-09/Scaldate i motori... La Superbike è tornata più aggressiva che mai!1020525VGNetwork.it