Schrödinger's Cat and the Raiders of the Lost Quark

Chi ha studiato i Quanti?
Scritto da il 20 maggio 2015
Schrödinger's Cat and the Raiders of the Lost Quark Recensione

Con molta probabilità e con un certo qual senso logico , si è portati a pensare che cliccando un sito internet che apre una finestra bellissima sul mondo dei videogiochi, si debba necessariamente leggere solo e soltanto di essi. Per una volta non sarà cosi, e se non avete studiato Schrödinger e il gatto protagonista del suo paradosso, meritate un 5 pieno! Ma a tutto c’è rimedio. Lo stimato scienziato elaborò nel 1935 una teoria capace di inficiare la fisica quantistica ortodossa del tempo, con un semplice gatto chiuso in una scatola, a scardinare la teoria che due sistemi fisici interagenti debbano essere trattati come un sistema unico. Senza scendere in tediosi particolari (per chi ha voglia di ripassare:il paradosso del gatto di Schrödinger) a quelli della Italic Pig il gatto ha fatto una tale simpatia da far immaginare loro un’applicazione o, se vogliamo, una deformazione delle leggi quantistiche in un platform – action davvero particolare. Come unire l’utile dello studio al divertimento di un videogame.


Il gatto in azione

Ma tranquilli, qui non si parla di un titolo sviluppato per l’apprendimento interattivo, ma di un classicissimo gioco piattaforma pur con i suoi personalissimi connotati. Siamo nello zoo delle particelle, una struttura delle dimensioni di una cellula, al cui interno sono protetti tutti i tipi di atomi e particelle esistenti, anche quelle non ancora scoperte dall’uomo. Pur essendo destinata ad essere una meta per vacanze spensierate, la situazione precipita quando, a causa di un evento misterioso, le particelle riescono a fuggire, provocando disordine e caos. Ci penserà il nostro famoso gatto a mettere a posto le cose, percorrendo per intero lo zoo e richiamando all’appello tutti i suoi ospiti.

Abbiamo detto di trovarci di fronte ad un consueto platform, affermazione verissima se si pensa che saltare in ambienti labirintici e trovare l’uscita sia l’unico senso da ritrovare quando si gioca, ma Schrödinger ‘s Cat non si limita affatto a queste dinamiche. Una volta nello zoo, il gatto farà la conoscenza dei dipendenti al suo interno, che illustreranno quale piega hanno preso gli eventi e cosa fare per risolvere la situazione grazie ad alcune simpaticissime particelle, chiamate quark. In tutto quattro, questi si sostanziano in power-up per il nostro micio, il cui uso risulta essenziale per riuscire a superare i vari step. Ma analizziamoli nello specifico: il primo quark è di colore giallo, di forma simile ad un fungo, e permette di prendere il volo come un elicottero. Il secondo è di colore blu ed è capace di sfondare le pareti sottostanti. Il terzo color rosso invece crea una piattaforma temporanea in grado di farci raggiungere mete altrimenti inaccessibili. Infine abbiamo il quark verde che, quasi come una copertura antibiotica ci consente di attraversare pareti velenose senza lasciarci le penne (o il pelo, se preferite). Ogni power-quark per poter essere utilizzato abbisogna di altri due quark dello stesso tipo: non basta quindi premere L2 per poter volare, ma è necessario avere tre quark premendo tre volte L2 per poter finalmente spiccare il volo, e lo stesso vale per tutti gli altri power-up.

Fin qui tutto molto semplice, ma il bello viene quando scopriamo che i quark possono essere combinati per dare vita a effetti differenti dai 4 appena descritti. Ad esempio, combinando il quark giallo che ci fa volare col quark rosso che crea una piattaforma, otteniamo una piattaforma volante. Oppure, col quark rosso più quark blu che distrugge tutto, abbiamo una specie di missile in grado di perforare tutte le pareti attorno a noi, e cosi via. Diventa presto chiaro che il corretto uso combinato di tutte le particelle è essenziale per riuscire a superare i vari ostacoli, e lo sottolineo, in maniera molto intelligente. Non basterà infatti sapere quali combinazioni usare e pensare che il più è fatto, ma sarà necessario spremere le meningi: trovare la giusta strada, le giuste combinazioni, le giuste quantità di quark necessarie! Non solo. Il gatto viola è anche in grado di combattere, e sarà costretto a farlo contro cellule malvagie avide dei nostri quark, pronti a derubarcene. Il tutto risulta sapientemente mescolato in modo tale da non rendere mai banale l’attraversamento di ogni stage, mai troppo facile e, con un pizzico di intelligenza, mai troppo difficile. Sono presenti sette ambienti in tutto, raggruppati in nove capitoli, con sezioni diverse dello zoo da attraversare, in stile cartoon, in ogni ambiente, con particelle e atomi che, anzichè somigliare alle strutture da cui prendono il nome, appaiono come alieni presi dal pianeta del tesoro della Disney, ridisegnato dettagliatamente in chiave humour. Basti pensare alla scelta del doppiatore del gatto, il celebre A.J. Lo Cascio, già doppiatore di Marty McFly nella famosissima serie Ritorno al Futuro.


La semplicità del titolo ispirata alla semplicità della fisica

La scelta compiuta da Italic Pig, software house irlandese, è davvero originale, complessivamente molto divertente e ilare; data la sua non estrema longevità e lo sforzo compiuto per non annoiare il giocatore, possiamo scommettere che farà centro nel conquistare chi è a caccia di un titolo semplice e dinamico. La stessa scelta del doppiatore ci fa intendere quale sia lo scopo del titolo: divertire i possessori di PS4 e Xbox One!

COMMENTO

Siamo di fronte ad un altro platform, ad un simpatico action, e in più si può ripassare qualche massima della fisica quantistica. Se si studiano materie attinenti, non si può far a meno di elargire sorrisi, ma va da sé che un gioco oltre a dover risultare godibile sotto un punto di vista grafica, debba essere anche divertente, e il micio…ce la mette tutta!

GRAFICA:7.5Lo stile cartoonesco dà quella marcia in più.
SONORO:8Si difende bene, soprattutto sotto il profilo del doppiaggio!
GIOCABILITà:8Power up originali.
LONGEVITà:7Non lunghissimo, ma fa il suo dovere per tutta la durata dell'avventura.
VOTO FINALE8
PRO:- Originalità
- Senso dell’humour acuto
CONTRO:- Longevità ridotta
Worms Battlegrounds ( PS4 )Divertimento e confusione sono l'inossidabile binomio da sempre alla base di Worms!
KnackUn platform atipico, che si fa volere bene grazie a meccaniche di gioco per nulla scontate. In più è il primo disponibile in esclusiva per PS4!
SCHEDAGIOCO
Cover Schrödinger's Cat and the Raiders of the Lost Quark

Schrödinger's Cat and the Raiders of the Lost Quark

Scheda completa...
Schrödinger's Cat and the Raiders of the Lost Quark2015-05-20 09:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/schrodinger-s-cat-and-the-raiders-of-the-lost-quark-49475/Chi ha studiato i Quanti?1020525VGNetwork.it