Street Fighter V

↓ ↘ → + P
Scritto da Mailil 22 febbraio 2016
Street Fighter V Recensione

Otto anni fa usciva nelle sale giochi giapponesi Street Fighter IV, a distanza di ben 11 anni dall’esordio dell’episodio precedente. Street Fighter III non ebbe molto successo, ed il compito del quarto fu quello di riportare in auge la serie, obbiettivo centrato con l’ascesa del titolo a picchiaduro più giocato ai livelli che contano (per approfondimenti potete trovare qui la storia della saga). Con questo Street Fighter V Capcom punta a non perdere lo scettro e, nonostante le critiche che imperversano sulla rete, il risultato è un titolo assolutamente solido, anche se non esente da problemi di gioventù.


Meccaniche, ovvero chi mena per primo mena due volte

Street Fighter V non anela a rivoluzionare il gameplay della serie, è bene chiarire subito questo punto. Il gioco rimane un classico picchiaduro in due dimensioni, con la terza utilizzata solo a livello estetico, ed il sistema di combattimento è apparentemente vicino a quello del quarto; apparentemente perché i giocatori più smaliziati sicuramente si accorgeranno in un battito di ciglia delle differenze rispetto al capitolo precedente, mentre chi gioca la serie a tempo perso si accorgerà delle nuove barre, ma probabilmente da principio non noterà ulteriori novità.

Ho nominato le barre, ed è quindi il momento di parlare della V-Gauge, l’introduzione più evidente in questo quinto capitolo. La V-Gauge è la barra rossa che sovrasta la classica EX-Gauge in fondo allo schermo, e le meccaniche che gli ruotano attorno sono tre, differenti per ogni personaggio: la prima è V-Skill, gratuita, utilizzabile in qualsiasi momento e funzionale tra le altre cose a caricare la barra; la seconda è la V-Trigger, che al costo di tutta la V-Gauge sbloccherà il pieno potenziale di ogni personaggio, garantendogli specifici perk; infine la V-Reversal, che consumando un pezzo della barra permetterà di evitare un attacco dell’avversario. Come già detto il risultato delle varie “V” dipende da personaggio a personaggio, così, ad esempio, la V-Skill di Cammy le permetterà di accorciare le distanze con l’avversario e colpirlo, oltre a dotarla di alcuni invicibility frames che le permetteranno di superare i proiettili, mentre quella di Ryu gli permetterà di parare un colpo nemico, come avveniva con la meccanica parry di Street Fighter III. Anche le V-Reversal, per quanto tutte orientate a non essere colpiti, avranno esiti e funzionamento diverso a seconda di chi abbiamo scelto di eleggere come più forte combattente al mondo. Più semplice il funzionamento della EX-Gauge, la quale permetterà di utilizzare le mosse speciali in versione potenziata al costo di una porzione di barra, e di utilizzare la Critical Art al costo della barra tutta.


I picchiatori

Il roster presentato da Capcom per questo quinto episodio è estremamente dibattuto sulla rete, prevalentemente perché percepito come un po’ povero rispetto a quello di Ultra Street Fighter IV. Se a livello numerico la disparità è evidente, è evidente anche come Capcom abbia avuto ben otto anni per rimpolpare il cast di un gioco che al lancio non vedeva disponibili così tanti lottatori in più di quanti non ne veda disponibili oggi Street Fighter V. Le lamentele in tal senso mi sembrano piuttosto miopi e superficiali, soprattutto alla luce della estrema differenziazione che Capcom ha ricercato nella creazione dei 16 personaggi disponibili: ognuno si gioca davvero in maniera differente rispetto agli altri, e non solo in relazione alle barre sopra descritte. I personaggi inoltre sembrano tutti piuttosto bilanciati, e trovo preferibile avere sedici combattenti curati nel dettaglio, per poi vederne lentamente aggiungerne altri altrettanto curati, che partire fin dal principio con una pletora di lottatori sballati o simili tra di loro.

Per quanto riguarda le new entries, sono solo quattro i personaggi creati da zero per questo episodio, mentre gli altri dodici sono tutte facce note; nello specifico i nuovi sono Laura, F.A.N.G, Rashid e Necalli, e tutti e quattro presentano meccaniche interessanti: Laura impernia il suo stile attorno alle prese, e lancia lente sfere elettriche difficili da gestire per il nostro avversario, mentre Rashid è pensato per attaccare e controlla l’arena con dei piccoli tornado che impennano verso l’alto. Troviamo poi F.A.N.G. - davvero brutto esteticamente secondo la mia opinione – che avvelena l’avversario, lasciandolo con i punti vita in lenta diminuzione per brevi lassi di tempo, e Necalli che picchia come un fabbro ma è lento.


Meglio soli o male accompagnati?

Un’altra grande lamentela presente sulla rete è quella delle modalità disponibili per il single player, ed effettivamente c’è poco da gridare al miracolo; troviamo infatti solo la modalità storia, che presenta tre o quattro incontri per ogni personaggio, inframmezzati da tavole disegnate, e la modalità sopravvivenza, nella quale sarà necessario affrontare un numero variabile di nemici dipendentemente dalla difficoltà scelta, con una sola barra di energia ricaricabile tra uno scontro e l’altro spendendo i punti accumulati. Manca la modalità arcade, ed è invece ovviamente presente una modalità allenamento estremamente completa, che non potrà che soddisfare chiunque voglia allenarsi ad imparare ogni minima sfumatura di ogni lottatore.

Le modalità online sono due, rispettivamente per disputare match amichevoli e classificati: se la prima è semplicemente per divertirsi, la seconda permette ai giocatori di scalare le classifiche accumulando e perdendo punti in caso di vittoria o sconfitta, e aumentando il proprio rank. Ci sarebbe ben poco da dire in merito alle modalità online, se non fosse che al momento, nonostante le rassicurazioni di Capcom che i problemi sono stati quasi tutti sistemati, il matchmaking è piuttosto lento, con attese superiori ai tre minuti per riuscire a fare una partita, facendo di fatto rimanere il giocatore più tempo in attesa che a menare le mani. Dalle opzioni è possibile impostare il gioco perché stia costantemente alla ricerca di un avversario, così che si possa fare altro mentre si aspetta di giocare, ma è una magra consolazione per chi vorrebbe semplicemente fare un versus dopo l’altro. Il gioco è tendenzialmente esente da lag, che ho incontrato solo in rarissime occasioni ed evidentemente per problemi di rete del mio avversario.


Street Fighter V come piattaforma

L’aspetto più innovativo di questo nuovo episodio di Street Fighter sarà la modalità di rilascio dei contenuti, che non saranno più resi disponibili tramite nuove release del gioco di volta in volta aggiornate. Street Fighter V è concepito come una piattaforma, e tutti gli aggiornamenti volti a bilanciare il gioco saranno distribuiti gratuitamente come patch a tutti i possessori del gioco. I contenuti aggiuntivi invece, come i personaggi o i costumi, saranno acquistabili tramite micro transazioni utilizzando denaro reale, o sarà possibile spendere la valuta interna al gioco, accumulabile con lacrime, sangue e schiaffoni.

Urge qui una riflessione: è davvero possibile avere tutto gratis, se si ha una vita anche al di fuori del gioco? La risposta non è semplice, e io non sono bravo in matematica. La modalità storia, completata con tutti i personaggi, dovrebbe portare alle casse del giocatore 160000 Fight Money e la modalità sopravvivenza a sua volta dovrebbe garantire un altro bel gruzzolo; a questo possiamo aggiungere che ogni match vinto online porta in dote 50 FM, e ogni level up del personaggio 1000 FM. Il costo di un nuovo lottatore si assesterà sui 100000 Fight Money, i costumi 40000. Messi così sul tavolo i freddi numeri, e dato per scontato che i primi due personaggi potranno essere acquistati con quanto accumulato nelle modalità single player, un rapido calcolo vuole che esauriti lo story mode e la sopravvivenza sarà necessario vincere 2000 scontri online per portarsi a casa un nuovo lottatore, a meno che Capcom non introduca nuove modalità. E 2000 scontri online vinti sono un numero davvero incredibile. Dare quindi un giudizio definitivo fin da ora, all’oscuro di cosa avverrà nei prossimi mesi, non sarebbe del tutto corretto, ma rimane comunque il dubbio sulla reale possibilità per il giocatore medio di avere davvero tutto gratis con un po’ di dedizione. Il modello di distribuzione sembra comunque interessante, bisognerà vedere poi cosa succederà di fatto, ma non mi meraviglierei di trovarmi tra due anni a rimpiangere degli aggiornamenti di contenuti da 20€, senza però patemi d’animo.


Spendere settanta euro... o no?

È giunto il momento di tirare le somme, e soprattutto di cercare di suggerire a chi è rivolto questo gioco: Street Fighter V è un picchiaduro solidissimo nelle meccaniche, con personaggi belli da giocare; Il comparto tecnico è generalmente ottimo, i modelli dei lottatori sono fantastici, un po’ meno i fondali, e tutto gira senza tentennamenti di sorta a 60 fps. Il gioco supporta gli arcade stick e le periferiche pensate per PlayStation 3, nonostante sia necessario accostarci un DualShock 4. L’online è al momento lento nel matchmaking, ma sono piuttosto convinto che questo problema sarà risolto a breve. Se siete giocatori di Street Fighter, quindi, l’acquisto del quinto episodio è praticamente obbligato, soprattutto se vi piace giocare a livelli alti. Se invece il vostro obbiettivo è passare delle serate tranquille tra amici senza impegno, potete tranquillamente rivolgervi a Ultra Street Fighter IV, sicuramente più nutrito di contenuti, e più economico. A prescindere da qualsiasi riflessione oggettiva, però, Street Fighter V è un picchiaduro fantastico.

PRO:- Ottime le nuove meccaniche
- Personaggi estremamente diversificati tra loro
- Tecnicamente solidissimo
CONTRO:- Ancora qualche incertezza nel matchmaking
- Dubbi sul sistema di rilascio dei nuovi contenuti
Guilty Gear Xrd -Sign- ( PS4 )Un altro grande picchiaduro su due dimensioni, firmato Arc System Works
Ultra Street Fighter IV ( PS4 )La versione definitiva di Street Fighter IV, completissima ed economica.
VOTO FINALE9
SCHEDAGIOCO
Cover Street Fighter V

Street Fighter V

Scheda completa...
Street Fighter V2016-02-22 09:00:00http://www.vgnetwork.it/recensioni/street-fighter-v-52664/↓ ↘ → + P1020525VGNetwork.it